"Gennaio apre il culo al gallinaio"

di

Un modo di dire che fotografava l'aumento della produzione di uova negli allevamenti tradizionali, con pause “biologiche” per le galline. I pollai sono oggi sempre più in disuso. Il ricorso a grandi allevamenti dove migliaia di capi vivono in gabbie strettissime, continuamente illuminate da luci artificiali per forzare la produzione


Media, computer, audio, video, monitor. Ma il latino non era una lingua morta?

di

Tutti i principali termini usati per le nuove tecnologie derivano proprio da lì. Il “medium”, nella trasformazione divenuto mass media, era il mezzo, lo strumento. Il tardomedievale “computare” è all'origine del computer. I verbi “videre” e “audire” sono diventati sostantivi, video e audio. Infine il “monere”, ovvero ammonire, si è trasformato in uno schermo, un monitor appunto

I tanti volti e i tanti meriti del Conservatorio San Giovanni Battista

di

L'istituto di Pistoia ha una lunga storia alle spalle. Fu punto di riferimento per i conservatori della montagna, vero sistema educativo femminile. Alla fine del 1800 ospitò educandato, asilo e scuola pubblica elementare. Poi l'ammodernamento e la crescita della multifunzionalità didattica. Quindi la distruzione dei bombardamenti della Seconda guerra mondiale, e poi la ricostruzione. Gli sviluppi più recenti, fino alla nascita della Fondazione

Ecco il dizionario toponomastico dell'Alto Reno e dell'Orsigna

di

Curato da Piero Balletti, il volume ha richiesto alcuni anni di ricerche. Raccolti toponimi noti e meno noti di due vallate del nostro Appennino. “La Voce della Montagna” e la Proloco de Le Piastre hanno deciso di sponsorizzarne la presentazione in programma domenica, 17 dicembre, alle 15,30, nei locali del Museo della Bugia

Tramoggia, macina e ritrecine: il fascino di antiche parole dietro la produzione di farina dolce

di

Il ciclo della castagna sta volgendo la termine. Inizia la fase della lavorazione, dai metati al molino. L'origine di antiche parole nella lavorazione tradizionale, diventate anche modi di dire. Intanto si tirano le prime somme della stagione: mancano ancora i numeri sulla raccolta ma è certa una ripresa rispetto agli ultimi anni. Sostanzialmente positivi i primi dati di Coldiretti Pistoia

Piccoli comuni, ecco la legge ad hoc: un'occasione per la montagna

di

Appena pubblicata in Gazzetta ufficiale (il 2 novembre), riguarda i municipi sotto i 5000 residenti. Ancora troppo poche le risorse disponibili. Positivo l'approccio di “sistema” e le politiche per favorire la microeconomia locale: obiettivi principali la riqualificazione di terreni forestali e edifici, il ripristino di ambiente e territorio, la promozione di nuove forme di turismo. Di particolare interesse il capitolo istruzione e trasporti. Le possibili ricadute per il nostro territorio

San Marcello Piteglio, i numeri parlano chiaro: il disagio giovanile cresce, i giovani diminuiscono

di

Il Comune di recente "fusione" ha il più basso tasso di natalità della Toscana fra quelli sopra i 5000 abitanti e il terzo in Italia per popolazione più anziana. Una relazione dei servizi sociali conferma che tanti ragazzi sono coinvolti in situazioni critiche. Intervista all'assessore Roberto Rimediotti che spiega la sua proposta: fare del Maeba un centro di aggregazione: "Non è la soluzione dei problemi ma un passo avanti". L'idea è quella di coinvolgere le associazioni del territorio: "Potrebbero gestire una struttura nella quale fondere attività ricreative e di supporto all’inclusione sociale"

Nel metato si raccontavano storie e c'era anche chi ...scarellava

di

Il luogo simbolo nel quale si seccavano le castagne prima di portarle al molino, dove venivano trasformate in farina dolce. La parola che deriva dal latino medievale metatum, col significato di “abitacolo”, “rifugio”. Nella Valle del Reno i ragazzi delle pertiche allargavano i graticci, chiamati anche “carelle”, per far venir giù le castagne secche e mangiarsele alla chetichella

"Ho scritto una storia che aspettava di essere scritta. E' toccato a me"

di

Intervista a Paolo Cognetti vincitore del Premio Strega 2017 con il romanzo "Le otto montagne". Che spiega il desiderio di montagna - "una vita più semplice, autentica, intensa" - e rifugge la "retorica insopportabile" su questi luoghi. Come trattenere i giovani nelle terre alte? "Lasciamoli andare, nessuno va trattenuto. I prossimi abitanti della montagna lo saranno per loro scelta". Attenzione invece ai "ritornanti, o nuovi montanari", che scelgono di viverci e "aprono aziende agricole e rifugi, fondano piccole comunità, progettano eventi culturali"