Remo Tonarelli, l'ultimo incisore del marmo

di

E' rimasto solo lui in tutta la provincia di Pistoia. Una vita alle spalle di tante occupazioni, quasi una "religione" del lavoro, e una passione infinita per plasmare quel materiale. Il segreto? Manualità, creatività, misura e pazienza”. Ancora molte aziende e privati lo cercano per lavori di precisione ma a quasi 85 anni ha limitato al massimo l'attività. L'unico cruccio non aver trovato alcun giovane volenteroso a cui trasmettere la sua arte

Medici e infermieri, “eroi” involontari di un'Italia malata

di

L'emergenza Coronavirus ha riproposto l'uso e l'abuso di questo termine. In realtà dovrebbe essere sufficiente mettere nelle migliori condizioni possibili di operare chi salvaguardia i cittadini e ne garantisce la sicurezza e la salute. Non confondiamo l'eroismo con lo spirito di servizio e con lo scrupoloso attaccamento al proprio lavoro. Sono galantuomini, al maschile e al femminile, che lavorano con passione e sacrificio. Con i quali occorrerebbe essere più comprensivi e riconoscenti anche in tempi meno problematici


Le carte, passatempo antico e moderno. Oggi quasi una necessità...

di

In tempi di Coronavirus sono uscite dai cassetti di tante case. Un gioco antico mai venuto meno. Nel 1677 il Granduca di Toscana volle il bollo granducale sui mazzi della Montagna pistoiese. I “semi” diversi - bastoni, spade, denari e coppe oppure cuori, fiori, picche e quadri – a seconda delle zone. La triade costituita da Briscola, Tressetti e Scopa. Il ruolo della Morra e dell'Omonero

LA RIFLESSIONE: vivere in montagna al tempo del coronavirus

di

La diversità e i piccoli vantaggi dei territori montani in un momento di grande crisi. La quotidianità meno stravolta rispetto alle città. Il silenzio non avvertito come vuoto da riempire a tutti i costi, con qualsiasi rumore. La solitudine come compagna non necessariamente sgradita. E un invito a tutti: cogliamo questa pausa forzata per leggere buoni libri, guardare qualche bel film, riprendere in mano cose lasciate a metà. E, soprattutto, riordinare le vere priorità

“Dobbiamo stimolare la Regione ad occuparsi di più e meglio della montagna”

di

Intervista ad Alessandro Capecchi, assessore all'urbanistica del Comune di Pistoia che lascia il suo incarico per nuovi impegni regionali. Gli strumenti per aiutare i territori montani, dalla riduzione della TARI a norme che favoriscano il recupero del patrimonio storico. “Necessario superare la visione dirigista e museificatoria: non consumare il territorio ma renderlo fruibile per chi ci abita e lavora”. L'adozione del Piano Strutturale, “da costruire sulla base di un grande processo partecipativo”. E ancora: “Il Comune deve garantire regole più semplici e chiare e risposte più veloci”

Anche i numeri delle aziende confermano il declino della Montagna

di

Quasi tutti i dati di Unioncamere relativi ai comuni di Abetone Cutigliano, San Marcello Piteglio e Sambuca sono di segno negativo. Marliana fa segnare una ripresa ma solo nel 2019. Mancano i presupposti per investire. Si passa da un'emergenza ad un'altra. La viabilità è insufficiente, c'è grande carenza di servizi e infrastrutture, i vincoli burocratici penalizzano chi ha voglia di intraprendere. Come incoraggiare uno sviluppo possibile

Un Paese che ha offeso e umiliato la Scuola

di

La nostra è una società diventata sempre più arrogante e ignorante. Tutte le critiche scaricate sul sistema istruzione. I cattivi maestri al di fuori delle aule hanno messo in croce il sistema di insegnamento. Le regole della convivenza civile vanno insegnate, come anche il rispetto verso i docenti, la dura conquista quotidiana del sapere, l'umiltà nell'apprendere, la misura di sé e dei propri mezzi. Invece, come dice Crepet, i figli di oggi sono “dei piccoli Budda osannati, a cui i genitori non sanno dire mai di no”. E il prodotto è quello che abbiamo sotto gli occhi

La gente di montagna è insostituibile

di

La cultura “metropolitana” ha ignorato la specificità delle aree periferiche e di coloro che ci vivono. Le nuove abitudini difficilmente potranno sostituire il bagaglio di competenze e conoscenze maturate nel corso di un'esistenza. Ma i "custodi" di queste terre sono quasi sempre inascoltati