Allarme Miele, crolla la produzione. Le cause? Stagioni aride e inquinamento

di

A livello nazionale nel 2016 un calo del 70%. Il vice presidente di “Toscana Miele”: “Serve una legge-quadro regionale per l'apicoltura”. Evandro Signorini, apicoltore della Montagna pistoiese, spiega che il più colpito è quello ricavato dalla robinia (cascia). L'importanza dell'attività didattica: “Mi fa piacere che le giovani generazioni conoscano questo mondo stupendo. Ai bambini delle scuole cerco di trasmettere la mia esperienza e il mio amore”


Una “Banca della terra” per frenare l'abbandono dei terreni

di

Lo strumento della Regione Toscana per prevenire il dissesto e favorire l'imprenditoria giovanile, agricola e forestale. Ne possono usufruire enti, proprietari terrieri e aziende agricole che non riescono a gestire i propri beni per darli in concessione o affittarli. Sul sito di Artea le informazioni in tempo reale sui beni disponibili. La Legge regionale: si possono definire abbandonati i terreni che non sono produttivi da almeno tre anni, a meno che non si siano trasformati in bosco

Una “alleanza” transappenninica per rilanciare i due versanti montani

di

Iniziativa dei “Mei” di Casa Strelli (Alto Reno Terme) per mettere a confronto temi e problemi della montagna pistoiese e bolognese. Ne hanno discusso Andrea Ignesti, presidente dell'Associazione, il sindaco Giuseppe Nanni, lo scrittore Federico Pagliai e l'architetto Roberto Prioreschi. Identità di vedute su cause ee effetti della marginalizzazione delle aree montane e sulle possibili soluzioni

Anche la lingua segue i tempi. E prende brutte abitudini

di

Abbondano le frasi fatte, i non sensi e gli strafalcioni che nulla hanno a che fare con la rigorosa architettura della lingua italiana. Ormai finito nel cassetto il congiuntivo. In voga espressioni di moda che nulla aggiungono al significato della frase. Alcuni esempi? “Al netto di”, “quant'altro”, “assolutamente sì”

nel museo di Baggio un pezzo di storia della nostra montagna

di

Una raccolta di strumenti, costumi e oggetti vari della vita del carbonaio, che svela le fatiche e le privazioni di un tempo. Un mondo a sé, anche dal punto di vista linguistico. Quali erano le competenze necessarie per una buona carbonaia. L'importanza della filiera della castagna. Anche come possibile investimento per il futuro

Collina e montagna testimoni della “felicità dei margini”

di

Interessante due giorni, all'interno di “Leggere la città”, dedicata alle zone periferiche. Le risposte dei residenti di Orsigna, Le Piastre, Baggio e Badia a Pacchiana alle “provocazioni” di Claudio Rosati e dell'antropologo Pietro Clemente. Esaltata la vivibilità e la dimensione ancora umana dei piccoli borghi. Le opinioni positive dei cittadini stranieri che si sono trasferiti negli ultimi anni

E' tempo di lavorar la terra: arare, solco, iova…

di

Cambiano i mezzi restano uguali i modi di dire. L'origine molto antica di arare e le derivazioni aratro, aratura e altre. Il solco deriva dal greco e ci riporta ai tempi in cui si usavano gli animali. La iova è in origine una zolla di terra erbosa. Un'espressione che si ritrova anche nel corso e nei dialetti versiliesi-apuani