Quando la mora è nera, un fuso per sera

di

Un proverbio molto legato alla vita reale. A settembre, infatti, le giornate iniziano ad accorciare e in passato ci si poteva dedicare di più alle attività domestiche. Da qui il legame fra il frutto di bosco, che matura in quel periodo, e la filatura della lana


Quelle domande di fondo che restano sul futuro della nostra Montagna

di

Tanta gente alla tavola rotonda organizzata dalla "Voce della Montagna" a Cutigliano, sabato 26 novembre. Prima la discussione fra quattro sindaci e quattro importanti imprenditori, poi una lunga serie di considerazioni e domande del pubblico. E' emersa la grande necessità di creare una dialettica costruttiva. Restano molti nodi da sciogliere sullo sviluppo del territorio. E resta da definire il rapporto tra una progettualità innovativa ed una più consueta visione economica della Montagna. FOTOGALLERY di Maurizio Pini

Appello a istituzioni e privati: salviamo i nostri castagneti

di

La crisi testimoniata dall'importazione dall'estero di grandi quantità di castagne e dallo stato di abbandono nel quale versano gran parte delle piante. Eppure esistono i primi presupposti, come il prezzo al chilo della farina dolce, perché torni ad essere una risorsa economica. Servono nuove scelte: reimpianto di castagni, potatura delle piante più vecchie, inserimento del castagno fra le piante obiettivo, una pianificazione più razionale dei boschi, reinnesto dei polloni e regole più semplici

Il "Brocco"? Un cavallo inaffidabile. E poi anche un atleta scarso

di

L'origine di questa parola, il latino broccus, aveva tutt'altro significato: si riferiva a una cosa sporgente, all'infuori. E spesso era legato alla conformazione dei denti. Poi nel linguaggio ippico ha significato "ronzino" con i denti sporgenti. Più di recente si è iniziato ad utilizzarlo per chi si cimenta in attività sportive con scarsi risultati

Fancilla, quel modo antico per chiamare una ragazza sulla Montagna Pistoiese

di

E' la versione femminile contratta di fan(ti)cello, quello che era il garzone già nel 1300, collegato alla parola fante e al suo contrario infante (dal latino fari, ovvero parlare). Secoli più tardi, intorno al 1700, il termine fancilla ha acquistato il significato di bambina, con una connotazione vezzeggiativa. E oggi viene ancora utilizzato soprattutto da persone di una certa età

C'è verde e verde. Quello della montagna spesso è bello… visto da lontano

di

Da vicino è spesso un groviglio di pruni, ginestre, alberi rinsecchiti e caduti al suolo. C'è poi l'invasione della cascia. E il contorno di frane e smottamenti. I boschi sempre meno accessibili e fruibili. Il rischio che in un prossimo futuro l'ambiente montano sia sempre più un habitat ideale per lupi, cinghiali, cervi e caprioli, ma precluso all'uomo. La FOTOGALLERY di Eleonora Pacini

In Montagna anche una bottega può essere un servizio di pubblica utilità

di

Il depotenziamento di strutture non è solo quello dei servizi sanitari, postali, amministrativi o dei trasporti. C'è anche un valore sociale in esercizi commerciali gestiti da privati. In zone marginali e depresse la via da battere è defiscalizzare e ridurre la pressione della burocrazia. Per attuare il dettato della Costituzione: “ La legge dispone provvedimenti a favore delle zone montane”