Addio all'ultimo, solitario abitante di Campeda Nuova

di

Divino Biffoni è deceduto pochi giorni fa a 83 anni. Di antica famiglia giunta in Appennino già nel 1700, aveva girato l'Italia e si era poi stabilito sulla nostra montagna a metà degli anni '90. Qui ha vissuto per un lungo periodo in completa solitudine, a parte i mesi più rigidi e a parte le visite di amici e parenti. Sapeva far di tutto con la pietra, il ferro e il legno. Non a caso aveva ereditato dal nonno materno il soprannome di “Maestraccio” come lo chiamavano i pochi suoi coetanei rimasti


“Giornate FAI d'autunno”, oltre cento persone in visita alla Sambuca

di

Domenica 13 ottobre i volontari del Fondo Ambiante Italiano hanno aperto del porte dell'Oratorio di Santa Maria del Giglio, della Chiesa di San Jacopo e della Rocca. I visitatori accompagnati da una guida attraverso gli stretti selciati medievali. Al termine ritrovo nel locale del bivacco, con vivande calde e necci, distribuiti dai volontari della Proloco di Taviano

UN PAESE ALLA VOLTA / TREPPIO E LE SUE TRADIZIONI

di

L'origine del nome, fra la derivazione dal latino trivium (incontro di tre strade) e la leggenda dei tre galeotti rifugiatisi qui. Un borgo ricco di feste popolari. Alcune perse negli anni, altre tramandatesi fino ad oggi. Di grande rilievo la Processione del Gesù morto: un evento diviso in due parti, che conserva il fascino e la religiosità di un tempo. E ancora il Cantamaggio, nato per salutare il ritorno di chi era emigrato per lavoro, il Fogarone, grande falò acceso alla vigilia di Natale, e il Presepe vivente, celebrazione che si svolge solo dal 2005

"Genti e Borghi della Sambuca", la grande festa nella terra di confine

di

La manifestazione giunta alla quinta edizione. Domenica 28, dalle 11 alle 23, il vecchio Castello si animerà di mille iniziative: recital poetici e conversazioni, musicisti e teatranti, pittori e fotografi e un'esposizione di prodotti artigianali. Presenti stand gastonomici con cibi semplici e tradizionali, preparati dalle Pro Loco. Il borgo raggiungibile solo a piedi o con apposite navette da Taviano. In funzione diverse aree di parcheggio