La nostra scelta di vita: tornare in montagna e vivere di allevamento

di

Una giovane coppia ha deciso di lasciare Prato per Lavacchini, minuscolo borgo sopra Orsigna (dieci abitanti in inverno). Alessandro: “Abbiamo comprato due stalle e da vecchie strutture abbiamo ricavato un laboratorio per fare il formaggio ed un punto vendita”. Per adesso allevano 40 capre. “Gli incentivi regionali non bastano, la burocrazia fa perdere tempo e denaro”. Alessandra: “Realizziamo formaggi di vario tipo poi faremo caciotte, ricotte, yogurt ed altro. E poi tanta produzione propria: marmellate, miele, farina dolce”


Nel Pratone di San Mommè torna la festa in ricordo di Camilla

di

Per il terzo anno consecutivo l'evento dedicato alla 22enne di Pistoia deceduta in un incidente stradale. Quest'anno il "Camilla color park" si svolgerà sabato 21, da metà pomeriggio a notte fonda. Musica dal vivo e dj set, live painting, animazione per bambini. E cibo a volontà con merenda, aperitivo e cena. Novità di quest'anno i collegamenti da e per la città con treni e autobus. Il ricavato sarà devoluto in beneficenza

La prima agrichef della Toscana torna sulla Montagna Pistoiese

di

Francesca Buonagurelli, originaria di Pracchia, prepara l'Agriaperitivo in 'Cima al Miglio': una degustazione di prodotti locali selezionati. Appuntamento con cittadini e turisti, sabato 23 giugno alle 17. L'evento realizzato insieme a La Chicca di Sonia e all'Ottica Oreficeria Venturi e alla rete Coldiretti-Campagna Amica

A Cutigliano una targa in ricordo della famiglia Baruch

di

La deporranno 11 studenti della scuola media, Giovedì 7 giugno, presso l’abitazione dove sei ebrei livornesi vissero nel 1943. Erano saliti sulla montagna pistoiese per sfuggire alle leggi razziali. Nel febbraio 1944 furono deportati ad Auschwitz. Si salvò solo il figlio Michele. Sulle crude testimonianze raccolte nel suo diario hanno potuto lavorare e riflettere i ragazzi di Cutigliano

Il cardinale che ha fatto piangere papa Francesco

di

L'incontro con don Ernest Simoni, prete albanese 90enne, condannato prima a morte e poi a 30 anni di lavori forzati dal regime comunista del suo Paese. Due anni fa è stato creato Cardinale dal Pontefice, profondamente colpito dalle sue parole. La terribile esperienza del carcere e le vessazioni del regime raccontate ai ragazzi delle scuole medie di San Marcello

Il cardinale condannato ai lavori forzati: "Vi racconto la mia resistenza"

di

Il 90enne Ernest Simoni fu torturato e condannato a morte per la sua fede. La pena non venne eseguita ma il religioso trascorse quasi 30 anni in carcere e nelle fogne dell’Albania comunista. Nel 2016 Francesco lo ha creato cardinale. Parlerà agli studenti di San Marcello e Cutigliano venerdì 25 maggio. L'incontro organizzato nelle scuole medie dal professor Andrea Lottini

Campo Tizzoro, il paese, il mondo e … un ponte sospeso sconosciuto

di

Domenica 25 alla Dynamo Camp la presentazione del settimo libro di Roberto Prioreschi dell'Antologia dei 100 anni. Protagonista del volume il "mondo" realizzato degli Orlando: lo stabilimento SMI, gli insediamenti abitativi, i rifugi sotterranei. Con la ciliegina delle due “scoperte”: il ponte sul Torrente Maresca, forse il primo costruito in Montagna, e le cartoline dei Fratelli Alinari