UN PAESE ALLA VOLTA / San Pellegrino al Cassero

di

La leggenda vuole che il nome derivi da un viandante in cerca di un luogo per meditare – il figlio di Romano, re di Scozia – che si fermò nella selva denominata Cassero. Il paese formato da tanti, minuscoli borghi. I ricordi di com'era un tempo. La scuola e gli alunni che la frequentavano. Il circolo. Le feste e le processioni. Il lavoro. La raccolta di funghi e dei prodotti del bosco. Le botteghe. Il grande spopolamento

I bimbi di montagna giocavano così

di

In alcune decine di anni è cambiato tutto. Prima i divertimenti erano prevalentemente all'aperto, nelle aie, nei boschi, lungo i corsi d'acqua, per le strade. Si giocava a Bandiera, Campana, Palla prigioniera, Sbarbacipolla, Saltacavallo, Un due tre.. Stella, Le belle statuine... Quando c'erano solo maschi erano più spericolati e senza regole, con cerbottane, fionde e bastoni, carretti costruiti in proprio. In casa andavano forte i Quattro cantoni, il Gioco dell'anello, le Carte, la Dama, gli Scacchi, il Meccano


UN PAESE ALLA VOLTA/ PRATACCIO

di

Le origini antiche. Legna, pastorizia e agricoltura a lungo le attività principali. Nella chiesa della Madonna del Carmine le spoglie di Padre Paolo Andreotti, illustre prataccino divenuto missionario in Pakistan. Nel'900 il forte impatto dell'emigrazione: all'inizio del secolo verso le Americhe, negli anni ’40 verso il nord Europa, soprattutto Francia e Svizzera. Oggi il paese conta 150 abitanti, una sede della Misericordia di Pistoia e una Pro loco molto attiva

UN PAESE ALLA VOLTA / "Nella valle di San Marcello dove si parla la lingua più pura d'Italia"

di

Dettagliato intervento del professor Paolo Baldassarri su San Marcello e Mammiano, fra storia e ricordi personali. A partire dal primato conquistato i primi dell'800 nella fornitura di energia elettrica in Toscana. L'importanza dei tre molini, di Fondo, di Mezzo e di Cima. Le grandi realizzazioni, dalla FAP all'ospedale Pacini. Il ricordo del corteo papale nel 1804. Il passaggio di tanti letterati di fama, a partire da Luigi Pirandello. Le disquisizioni sulla purezza della lingua parlata sulla montagna pistoiese secondo personaggi illustri, da Massimo D'Azeglio a Giosué Carducci, da Policarpo Petrocchi e Niccolò Tommaseo, da Renato Fucini a Gianna Manzini

Due stemmi in uno: ecco il nuovo gonfalone di San Marcello Piteglio

di

L'emblema riprende i simboli salienti appartenuti ai due Comuni che si sono fusi nel nuovo ente: una torre argentata, un cervo e due stelle. La consegna al sindaco Luca marmo dal prefetto di Pistoia, Emilia Zarrilli. Alla cerimonia presente il presidente del consiglio regionale, Eugenio Giani, rappresentanti delle istituzioni e delle Forze dell'ordine

UN PAESE ALLA VOLTA / I sette ponti di Taviano

di

Nel Medioevo c'era Vico Miracula, luogo di battaglie tra pistoiesi e bolognesi. Il suo sviluppo risale alla metà dell'800, grazie alla Via Leopolda, la strada statale 64. Nel passato recente un ruolo da rinomata località turistica. I rioni e l'orgoglio dell'appartenenza. A Taviano nacque uno dei più illustri filologi italiani del '900, Michele Barbi, studioso dell'opera di Dante Alighieri. Il sonetto dedicato al suo piccolo borgo natìo

UN PAESE ALLA VOLTA / Posola, fra la valle del Reno e la Limentra occidentale

di

Nacque come stazione di sosta per i viandanti a quasi mille metri di altitudine. Dalla metà del 1800 lo sviluppo di attività agricole, pastorizia, carbonai ed essiccatoi per castagne. Il massimo picco di abitanti (700) nel 1950. Poi il via allo spopolamento. Dalla fine degli anni '80 la “Bottega” è diventata il cuore del paese. Tanti i sentieri da fare a piedi, in bici o a cavallo. Trenta immagini del borgo, le feste di ieri e di oggi

UN PAESE ALLA VOLTA / Cireglio, cerniera fra collina e montagna. Autonomo e vicino alla città

di

Località di villeggiatura per quasi tutto il '900, oggi è luogo di residenza, dotato di diversi servizi. Attraversato da una strada importante e trafficatissima, la statale 66, ma con tante altre vie tranquille e appartate. La sua storia legata alla chiesa, distrutta e ricostruita, e al campanile con la pianta d'ornello. Nel suo punto più alto, a oltre 800 metri, sorge il Sasso, con la croce costruita come segno di riconciliazione dopo il dramma della guerra. Nel bosco la sorgente e la piccola cappella di San Bernardino, conosciuta per una festa campestre nel periodo del solstizio d’estate

UN PAESE ALLA VOLTA / Castello di Cireglio, lo sguardo sulla piana da un antico terrazzo

di

Il borgo è subito fuori la Stada Statale 66 con tante viuzze in acciottolato, case in sasso a vista ed una storia millenaria. Il suo destino legato a quello del grande letterato Policarpo Petrocchi, modello di intellettuale libero che si adoperò molto per lo sviluppo del paese. E che arrivò a rivendicare il “Libero Stato di Cireglio”. Fra i suoi meriti anche la nascita, nel 1880, della Società Onore e Lavoro, un'associazione di volontari ancora attiva