Rinasce a nuova vita il cinema delle Piastre: un polo culturale per tutta la montagna

di

La struttura acquistata dall'Accademia della Bugia per 130mila euro. Si chiamerà “Spazio Bugia”, sarà polifunzionale e ospiterà due musei, una sala concerti/cinema/teatro e una pizzeria, oltre alle associazioni di volontariato. Decisivo il finanziamento della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia per l'intervento di recupero da 150mila euro. Il taglio del nastro previsto per la fine del 2022

Castello di Cireglio ha il suo parco letterario. Nel nome di Policarpo Petrocchi

di

Il progetto culturale e di rilancio economico del territorio ufficializzato domenica 20 Giugno. Il piccolo borgo della bassa montagna pistoiese protagonista per un'intera giornata. Prima il saluto dei promotori dell'iniziativa e delle tante autorità, il taglio del nastro, la visita al paese, il pic nic al castagneto in Santa e il dibattito conclusivo alla Locanda della Sapienza. Già pronti i primi prodotti del "paniere" del Parco: i biscotti "Il nocciolo" e "i Castellotti"


Rimesso a nuovo il Palazzo polivalente di Marliana

di

L'intervento di oltre 400mila euro finanziato dalla Fondazione Caript e dalla Regione per il miglioramento sismico, statico ed architettonico. L'edificio, che era stato danneggiato dal terremoto del gennaio 2012, ospita la sala consiliare, la biblioteca comunale ed il patrimonio dell’Archivio storico

Rigenerazione urbana e del paesaggio, il Comune di San Marcello Piteglio cerca partner per partecipare a un bando

di

La partnership finalizzata al bando "Piccole bellezze" della Fondazione Caript. Gli interventi previsti riguardano manutenzione, adeguamento, ristrutturazione di aree verdi e spazi fisici urbani o periferici peri iniziative sociali, culturali, educative, creative e ricreative. I soggetti interessati devono presentare una proposta progettuale. I requisiti per partecipare. La candidatura entro il 25 marzo

Sta rischiando di crollare, salviamo la chiesa di Calamecca

di

Crescono le adesioni all'appello lanciato dal parroco. Una grave situazione statica mette in pericolo una delle più belle chiese dell’Appennino pistoiese, attualmemte chiusa a fedeli e visitatori. Pronto un progetto di restauro e consolidamento già approvato dalla Soprintendenza, sostenuto da diverse realtà del territorio. Previsto un costo complessivo di 450mila euro. Come informarsi e contribuire