Ambiente

In un mare di nuvole

di

La montagna pistoiese, per chi arriva da fuori, è sempre una sorpresa. Ogni volta riesce a stupire il viaggiatore in un modo che egli non si aspetta.
Ma la chiave di tutto forse è arrendersi allo stupore perché, come scriveva Paolo Rumiz, “il viaggio non è fatto per quelli che hanno smesso di meravigliarsi della vita"


Uno sguardo oltre

A Fiumalbo dove il Covid non è quasi arrivato. Per "merito" delle margolfe

di

Il paese conta una trentina di maschere apotropaiche dislocate tra centro storico e frazioni o borgate, tutte catalogate. Secondo la leggenda tengono lontani gli spiriti cattivi (e non solo). Tante le margolfe anche nel territorio di Sambuca Pistoiese come spiega bene un testo di Piero Balletti. Le origini risalirebbero all'abitudine di popolazioni barbare di decapitare le teste dei nemici uccisi in battaglia ed esporle come trofei all'ingresso delle loro case o capanne

L'intervista

"Un mosaico tenuto assieme dal filo narrativo delle acque"

di

Intervista a Federico Pagliai sul suo ultimo romanzo "La torrenta". Al poeta bambino si affianca il montanino verace che narra un mondo a molti ignoto. "Il libro è una raccolta di raccolti romanzati che trovano origine da un comune elemento naturale". Il fiume? "Mai sentito chiamare al maschile, sempre con il nome declinato al femminile, La Lima". Il futuro della montagna?: "Spero che in molti volgeranno lo sguardo verso l’alto cercando di tornare ad abitare nei borghi oggi dimenticati"