La ricerca

Il gioco "brado" che fu dei bambini di montagna: una buona "ricetta" anche per oggi

di

Il libro aperto della vita era la natura circostante, il fiume, i campi, i boschi e gli animali a farla da protagonisti. Oggi è tutto cambiato e i giochi dei ragazzi e dei giovani sono ipertecnologici. L'illuminante lettura di "Noi e l'albero" della neuropsichiatra infantile Valentina Ivancich, ricercatrice presso l'Università “La Sapienza” di Roma. Alle patologie psichiatriche infantili non sarebbero estranei i “giochi strutturati”, che si sviluppano all'interno di schemi e leggi definite e precostituite. La conclusione dell'autrice: “Più natura e meno attrezzatura”

Sport & tempo Libero

ADVENTURE OUTDOOR FEST: sport, avventura e natura nel cuore della Montagna Pistoiese

di

Una serie di eventi dal 29 giugno al 3 luglio. Si inizia con lo spettacolo teatrale “(S)legati" al Parco delle stelle dell'Osservatorio astronomico. E poi yoga, corsi di sopravvivenza, notti in amaca nel bosco, workshop di fotografia, arrampicatori slegati su pareti a strapiombo sull’acqua, avventure verticali di climber, una giornata dedicata al running nella natura e raduni di camminatori. In programma gli Adventure Movie Awards con alcuni tra i migliori corto e medio-metraggi di avventura, esplorazione e sport outdoor del panorama mondiale


Sport & tempo Libero

Torna l'Ultramarathon Pistoia-Abetone: il tragitto e le modifiche alla viabilità

di

Domenica 26 la tradizionale gara podistica giunta alla 45esima edizione. Il ritrovo è alle 6 in piazza del Duomo, la partenza prevista per le 7.30. Il percorso nel tratto cittadino, strada per strada, e poi lungo la statale fino a Campo Tizzoro, la deviazione verso Maresca, Gavinana e il rientro sulla SS 66 a San Marcello. Da qui la gara proseguirà in direzione la Lima e quindi sulla SS 12 fino al traguardo in piazza delle Piramidi all'Abetone

La ricerca

Le Fontane Campari, i primi esempi di sculture pubblicitarie. Oggi ne restano tre: a Chiusi della Verna, Brunate e Le Piastre

di

La Davide Campari & C fu fra prime aziende a cercare uno stretto sodalizio tra arte e pubblicità. I manifesti furono la forma più nota, meno note furono le sculture. A Chiusi della Verna, il 1° novembre 1931, viene inaugurata una fontana a coronamento dell’acquedotto, considerabile uno dei primi esempi di arte pubblicitaria tridimensionale. Poi ne vennero molte altre. La differenza più sostanziale tra le tre rimaste è il diverso uso dei materiali: candido travertino la prima, in laterizio, cemento e stucco le altre due