Posti letto per pazienti Covid 19 al Pacini: la politica non ostacoli le scelte sanitarie

di

Dopo le forti perplessità di maggioranza e opposizione del Comune di San Marcello Piteglio alla decisione dell'Usl, intervengono il sindaco di Abetone Cutigliano, PD e Fratelli d'Italia. Petrucci: rispetto delle scelte delle istituzioni sanitarie, appello a non sottovalutare i rischi. I Democratici: tempi troppo stretti per soluzioni in altre strutture. FdI: favorevoli per dare respiro a una struttura ormai al collasso come Pistoia

Gavinana, alla Turati test Covid 19 a tutti i dipendenti della riabilitazione

di

Quaranta persone sottoposte al tampone nel reparto dove si sono verificati tre casi di pazienti positive al Coronavirus. Solo un operatore sanitario positivo e subito collocato in "quarantena". La Fondazione: "Fin dall'inizio adottate misure molto più stringenti di quanto previsto da decreti ministeriali e ordinanze regionali". Intanto i pazienti del reparto riabilitazione ricoverati in camere singole. "Nessun contatto con gli altri ospiti del centro socio sanitario"

A tempo di record oltre 41 nuovi posti letto per i pazienti Covid19

di

Sono casi che richiedono cure a bassa intensità assistenziale. 22 verranno attivati all'ospedale Pacini di San Marcello nel reparto di medicina, 19 all'ex ospedale del Ceppo, dove c'erano gli ambulatori della libera professione. Il San Jacopo potrà così dimettere un numero maggiore di pazienti già stabilizzati che proseguiranno le cure nelle altre strutture prima di far ritorno a casa. Il S.S. Cosma e Damiano di Pescia continuerà invece a ricoverare regolarmente tutte le altre patologie

"No alle quarantene finali dei malati da Coronavirus all'ospedale Pacini"

di

Presa di posizione unanime di maggioranza e opposizione nel Comune di San Marcello Piteglio. Chiesto un rinvio della decisione. "Esistono altri locali più idonei di proprietà della Regione o dell'Usl come il Villone o il plesso di Via Rom oppure strutture private". L'impegno a presentare un progetto alternativo entro una settimana. A breve una convocazione del Centro Operativo Comunale della Protezione Civile

CORONAVIRUS, il disegno di un bambino per dire grazie a carabinieri, medici e infermieri

di

Il piccolo Andrei della Primaria "Michele Bardi" di Pavana, nel Comune di Sambuca, ha espresso il suo ringraziamento a chi combatte contro la diffusione del Covid -19. Sul foglio bianco i militari della Stazione Carabinieri di Sambuca, ognuno con il proprio nome, il medico di famiglia e l’infermiera che lo assiste. Tutto nasce dall'iniziativa del titolare di un esercizio commerciale del posto

Il ricordo della peste in montagna ai tempi del Coronavirus

di

Anche la piccola Campeda, nel Comune di Sambuca, ha la sua leggenda. La malasorte prese di mira La Ca’ e la famiglia numerosa dei Vivarelli che vi abitava: morirono il padre e tutti i figli. Si salvò solo l'ultimogenito, ancora lattante, e la madre. Passata la pestilenza si disse che quello era il figlio dei Diavolo. Da allora i discendenti sono detti i "Diavoli", con un'accezione positiva: quella di gente che si è fatta valere e ha superato una grande sventura

CORONAVIRUS, tre pazienti positive nel centro Turati di Gavinana

di

Il Covid 19 contratto da tre donne ospiti del reparto riabilitazione, prima isolate e poi trasferite in ospedale. Disposta la quarantena per il personale certamente entrato in contatto. Adottate precauzioni stringenti per tutti. L'ampiezza del centro ha permesso di isolare gli ospiti che potrebbero avere avuto contatti con le persone risultate positive

La peste del 1665: così un piccolo villaggio inglese si sacrificò per salvare i suoi vicini

di

Ad EyaM tutto iniziò con una “stoffa infettata”. Il primo istinto di alcuni, fuggire, fu impedito dalle barriere e dai posti di guardia. Così il paese attuò una quarantena volontaria, chiuso da un cordone sanitario invalicabile a parte i “dropping points”, dove beni e monete venivano scambiati. Il ruolo fondamentale di due parroci nel convincere la popolazione. Alla fine il sacrificio costò la morte di un terzo degli abitanti, più del doppio del tasso di mortalità di Londra. Eyam oggi: mille anime e un museo sulla pestilenza del '600