Fare sinergia per salvare la montagna. E' così difficile?

di

Il Padule di Fucecchio e il Parco della Querciola a Quarrata sono la sintesi dell'opera di cacciatori e ambientalisti. I quali, insieme a boscaioli, imprenditori, proprietari di boschi e terreni montani, potrebbero superi divisioni manichee e collaborare. E con l'aiuto delle istituzioni lavorare per dare un futuro sostenibile e rispettoso a questi territori

"C'è chi vorrebbe cancellare tutti gli interventi fatti su questi monti"

di

Lettera di Santa Ballerini che rivendica l'importanza di taglio ciclico del bosco, impianti di castagneti, spianamento dei terreni, regimentazione e pulizia dei fossi e molto altro ancora. In polemica con un "ecologismo" immobilista. Riflessioni sullo spopolamento delle zone montane e sul degrado del territorio. Gli affetti dell'incuria, i pericoli rappresentati dai fiumi


Ecco il maltempo, tornano le “bombe d'aqua” e ora anche gli alberi “assassini”

di

Con le piogge oltre ad allagamenti e frane, tanta ipocrisia e il solito allarmismo. Gli alberi caduti al suolo sono “metropolitani”, per lo più pini marittimi e platani, con fusto molto alto e spesso sproporzionato rispetto alle radici. Al resto ci pensano le potature irrazionali che fanno sviluppare chiome altissime. Servirebbe un po' più di conoscenza e buon senso. Mancano progetti a lunga scadenza sulla salvaguardia delle aree marginali

MALTEMPO, allerta meteo per domenica e lunedì

di

Avviso di criticità diramato dalla Protezione civile regionale: il peggioramento per domenica 28 riguarda tutta la Toscana. Previste piogge intense ovunque e forti venti soprattutto sui versanti appenninici. Per le informazioni in tempo reale è possibile consultare il sito dedicato della Regione

Primi giorni di maltempo e primi problemi: piogge intense e temporali sulle zone montane

di

Codice giallo emesso dalla Sala Operativa della Protezione civile regionale dalle 14 fino di venerdì 26 alla mezzanotte di sabato 27 nelle zone appenniniche di Pistoia, Prato e Firenze. Situazione più critica nella parte settentrionale della Toscana, in particolare in Lunigiana e Versilia. Colpi di vento e grandinate solo occasionali. Sabato attese forti raffiche di vento da sud sui crinali appenninici. Tutto le informazioni in tempo reale sul sito della Regione

"Ma in futuro ci sarà neve per sostenere la costruzione di altri impianti di risalita?"

di

Lettera di Mauro Banchini sul tema del collegamento Doganaccia - Corno alle Scale. Un invito a considerare le "rapide conseguenze, sulle precipitazioni nevose, derivanti dal tragico fenomeno del cambiamento climatico". Una riflessione: "Fra 15 o 20 anni gli inverni sul nostro Appennino vedranno ancora nevicate sufficienti per sostenere anche solo gli impianti attuali?". Un indirizzo per il futuro: "Forse sarebbe meglio puntare su altre tipologie di sostegno al turismo"