Passo di Annibale, inaugurato il nuovo punto panoramico

di

Di nuovo praticabile la panoramica che domina la Val di Luce. Un primo passo verso la riapertura del rifugio nell'ambito del progetto della "Via dei 4 passi". Il sindaco Petrucci: "Il nostro Appennino questa estate sta vivendo una vera e propria rinascita, con numeri da tutto esaurito". Presto il via ad "una grande campagna promozionale per la nostra montagna"

L'alba a 1800 metri in Val di Luce: nuove suggestioni ad alta quota

di

Tanti partecipanti alla prima edizione estiva. La risalita in seggiovia, poi la camminata verso il Lago Piatto e le Tre Potenze. Quindi lo spettacolo del sorgere del sole accompagnato da un'esibizione di musica classica de “I Solisti di Armonia in Villa". Il VIDEO e la FOTOGALLERY. Martedì 17 si replica, stavolta al tramonto: non più colazione al Rifugio Le Terrazze bensì apericena al Rifugio La Selletta. In previsione di nuovi appuntamenti con "L'Alba in quota", nel periodo invernale


Festa della Natura per i quarant'anni della riserva naturale dell'Acquerino

di

L'area gestita da una rete di associazioni. Sabato 12 e domenica 13 agosto due giorni di eventi organizzati dal Centro di Educazione Ambientale. In programma attività didattiche e visite guidate, la suggestione del volo dei rapaci e una conferenza con rappresentanti di associazioni e istituzioni. Finale con la presentazione del libro di Federico Pagliai

La strada regionale 66 è abbandonata: il "caso" sulla scrivania del presidente Rossi

di

Lettera della Pro loco di Cireglio al numero uno della Regione, al presidente della Provincia e al sindaco di Pistoia. La denuncia riguarda il tratto da Ponte Calcaiola a Le Piastre ma le condizioni restano le stesse anche in quello successivo: erbacce e vegetazione che si sporge dai lati, asfaltature incomplete, le cunette laterali di ricezione delle acque piene di detriti e foglie, guard rail di protezione che mancano. "Chiediamo una manutenzione ordinaria. Ma gli interventi devono essere urgenti"

Quella volta che, dalla città, abbiamo visto bruciare le colline

di

L'analisi dell'esperto. Tanti i fattori alla base del propagarsi delle fiamme: vento, clima caldo e asciutto, pessima viabilità forestale. Ma soprattutto le condizioni dei boschi, da decenni privi di alcun intervento selvicolturale. Fondamentale la prevenzione: taglio secondo il turno, diradamenti, spalcature. E promozione dell'uso del legno: fonte per riscaldamento e materiale da costruzione

Canicola: perché il caldo torrido si chiama così

di

Per capire l'origine della parola bisogna tornare indietro a Egizi, Babilonesi, Greci e Romani e ai segni del cielo. Sirio, la stella più luminosa del “Cane” maggiore (in latino canis), sorgeva nel periodo più caldo dell'anno. Da lì “canicula”, ovvero “figlia” del Cane, cagnolina. Che in questi giorni "morde" di brutto

L'acqua, un problema dei nostri tempi. Ma le soluzioni contro la siccità ci sarebbero

di

Già gli antichi raccoglievano quella piovana. Negli anni recenti tante discussioni sugli invasi ma poche realizzazioni: sull'Appennino Tosco Emiliano ne esistono quattro dall'inizio del secolo scorso. E poi ci sono le tecnologie moderne: desalinizzazione dell'acqua del mare fino alla capacità di rendere produttivi perfino i deserti. I problemi delle conduttore. L'eccessivo ricorso alla clorazione

Fra Montale e Pistoia quasi 400 ettari di bosco in fumo. "Stato di emergenza regionale"

di

Continuano a bruciare i boschi sopra Tobbiana e Santomato, anche se la situazione è in leggero miglioramento. Al lavoro ancora due Canadair e tre elicotteri oltre a Vigili del fuoco, Vab e associazioni del volontariato. Stamani la visita al punto di coordinamento dell'assessore regionale all'ambiente, Federica Fratoni: "Circa 370 ettari colpiti, danni ingenti all'ambiente. Avviate le procedure per lo stato di emergenza regionale. Valuteremo i presupposti per la richiesta di quella nazionale"