A lezione di frutti di bosco sulla Montagna Pistoiese

di

Fabio Bizzarri, dell'azienda “Il Sottobosco” di Cireglio, ha organizzato un corso sulla coltivazione. E i partecipanti sono arrivati anche da Parma e Reggio Calabria. Fornite spiegazioni su tecniche colturali e sistemi di allevamento di rovo, lampone, mirtillo e fragola di bosco. E ancora concimazione e trattamenti in regime biologico, preparazione di infusi e decotti, sistemi di irrigazione e fertirrigazione, bilancio idrico. Fino agli aspetti connessi agli investimenti e ai tempi di ammortamento

C'è verde e verde. Quello della montagna spesso è bello… visto da lontano

di

Da vicino è spesso un groviglio di pruni, ginestre, alberi rinsecchiti e caduti al suolo. C'è poi l'invasione della cascia. E il contorno di frane e smottamenti. I boschi sempre meno accessibili e fruibili. Il rischio che in un prossimo futuro l'ambiente montano sia sempre più un habitat ideale per lupi, cinghiali, cervi e caprioli, ma precluso all'uomo. La FOTOGALLERY di Eleonora Pacini


CASTAGNE, stagione difficile: ci sono anche i cinghiali a mettersi di traverso

di

L'allarme di Coldiretti Pistoia: “Siccità estiva, ritorno del cinipide e animali selvatici porteranno sulla Montagna Pistoiese ad una riduzione di raccolto rispetto all'anno passato”. Michela Nieri: “Ritorna d'attualità la sopravvivenza dell'intera filiera del castagno pistoiese”. La situazione è comunque a macchia di leopardo: le piante delle zone più fresche che hanno resistito alla calura danno buoni frutti.

Lavori su via Tigri, chiusa la strada per il Melo e la Doganaccia

di

Ordinanza del Comune di Cutigliano: dalle 8 di lunedì 17 il tratto interessato ai lavori per il ripristino della fognatura non sarà percorribile. Divieto di transito e sosta fino al termine dei lavori. Per gli stessi motivi martedì 18 spostato il mercato dalla normale sede di piazza Catilina al piazzale Sant’Antonio

Funghi al microscopio: a Cutigliano un Comitato scientifico di micologia

di

Per quasi tre giorni oltre un centinaio fra esperti e appassionati impegnati nella ricerca e studio di diverse specie di funghi. L'iniziativa organizzata dall'Associazione gruppi micologi toscani e dall'Associazione micologica pistoiese. Previste due conferenze con Roberto Para e Giovanni Robich. Un'occasione anche di promozione turistica: molti partecipanti anche da fuori regione

Cutigliano: "No" all'idea di una grande "Oasi" sulla Montagna Pistoiese

di

Approvato dalla maggioranza consiliare un ordine del giorno che respinge l'ipotesi lanciatalo scorso fine settimana dal presidente e fondatore di Dynamo. Si sottolinea che un'idea simile fu già bocciato anni fa. Che i progetti del Comune sono "incompatibili con l'istituzione di un eventuale parco o la creazione di nuovi vincoli". E che il ruolo di decisore spetta all'amministrazione comunale "legittimata dal voto popolare". La stessa contrarietà espressa anche dal sindaco di Abetone

Alla scoperta dei "nostri" funghi, un'infinità di specie e tantissime rarità

di

Sull'Appennino pistoiese esiste un patrimonio straordinario. Recenti ricerche hanno scoperto specie rare a livello europeo e ne hanno documentato centinaia di presenze. Caratteristiche, proprietà e funzioni di questi organismi. Che si dividono in tre grandi gruppi: saprofiti (decompositori di materia organica), parassiti (attaccano altri organismi) e simbionti (fondamentali per la vita delle foreste). Funghi e micologia al centro di due manifestazioni nei prossimi fine settimana a Cutigliano

Pastori esasperati dagli attacchi dei lupi

di

Dura presa di Coldiretti Toscana. Nel 2015 presentate 698 domande di risarcimento danni per un importo di 1 milione e 400mila euro; ma le risorse arrivano appena a 400mila. I limiti posti anche dagli indennizzi minimi. “Al di là dei risarcimenti peri danni subiti, che già arrivano in ritardo, difendiamo il diritto a fare impresa”. Il direttore di Coldiretti Pistoia: "Formaggi a latte crudo, frutti di bosco e altre attività tipiche della montagna sempre più penalizzate"

Con il Cai alla scoperta del Monte Cimo, in Lucchesia

di

Domenica 9 una camminata in una zona poco conosciuta. Le caratteristiche del percorso spiegate dall'associazione di Maresca. Ritrovo alle 7.30 a Bardalone. Tempo di percorrenza 7/8 ore, dislivello 750 metri, necessario passo fermo e sicuro e non soffrire di vertigini. Tutte le informazioni necessarie