Il riconoscimento mondiale ai muretti a secco: un'opportunità anche per il nostro territorio

di

Sono stati dichiarati dall'UNESCO “Patrimonio immateriale dell'umanità”. La richiesta era stata avanzata dall'Italia e da altri sette Paesi. Tante le motivazioni: oltre al valore storico sono in piena sintonia con l'ambiente, prevengono frane e alluvioni, migliorano la biodiversità. Con gli anni si sta perdendo l'abitudine a realizzarli: un mestiere da recuperare con corsi pratici gestiti dagli ultimi artigiani

La cascia è troppo invasiva: anche gli studiosi lo ammettono

di

Una recente pubblicazione introduce elementi interessanti sulla robinia. La Toscana è al secondo posto in Italia (la prima regione è il Piemonte) per numero di ettari occupati (22.612). A questo ritmo di espansione anche castagneti e boschi cedui potrebbero essere a rischio nei prossimi 20-30 anni. Una situazione prodotta dai tanti errori commessi negli anni. Diversi i metodi di controllo, ricavati da un'ampia letteratura mondiale. Ma i libri non bastano: occorrono leggi e regolamenti forestali coraggiosi e intelligenti


Provincia: via libera ai lavori di somma urgenza sulla Pistoia-Riola

di

La chiusura della strada risale al 5 ottobre scorso. La decisione dovuta al "reale stato di insicurezza del costone coinvolto dalla frana". La situazione definita più preoccupante di quella apparsa in un primo momento. L'obiettivo è riaprire al più presto, almeno una corsia della carreggiata. Mercoledì 21 il via ai lavori con l'installazione di una barriera paramassi. L'intervento costerà 46mila euro

Impianto di Tana Termini, tanti dubbi anche dalla Commissione parlamentare d'inchiesta

di

La relazione territoriale sulla Toscana su ciclo rifiuti e illeciti ambientali affronta anche la situazione dell'impianto di stoccaggio e trattamento di rifiuti organici. Il testo, che pubblichiamo integralmente, conferma una vicenda complessa e ancora irrisolta. Con una constatazione sconsolante: "Nessuno è stato in grado di prendere il controllo della situazione, sia finché c’era un gestore, sia dopo il fallimento". Legambiente Pistoia e i residenti della zona: "La Regione non autorizzi la riapertura di quell'impianto. Presenti ancora tonnellate di rifiuti speciali. Serve una grande bonifica"

Fare sinergia per salvare la montagna. E' così difficile?

di

Il Padule di Fucecchio e il Parco della Querciola a Quarrata sono la sintesi dell'opera di cacciatori e ambientalisti. I quali, insieme a boscaioli, imprenditori, proprietari di boschi e terreni montani, potrebbero superi divisioni manichee e collaborare. E con l'aiuto delle istituzioni lavorare per dare un futuro sostenibile e rispettoso a questi territori

"C'è chi vorrebbe cancellare tutti gli interventi fatti su questi monti"

di

Lettera di Santa Ballerini che rivendica l'importanza di taglio ciclico del bosco, impianti di castagneti, spianamento dei terreni, regimentazione e pulizia dei fossi e molto altro ancora. In polemica con un "ecologismo" immobilista. Riflessioni sullo spopolamento delle zone montane e sul degrado del territorio. Gli affetti dell'incuria, i pericoli rappresentati dai fiumi

Ecco il maltempo, tornano le “bombe d'aqua” e ora anche gli alberi “assassini”

di

Con le piogge oltre ad allagamenti e frane, tanta ipocrisia e il solito allarmismo. Gli alberi caduti al suolo sono “metropolitani”, per lo più pini marittimi e platani, con fusto molto alto e spesso sproporzionato rispetto alle radici. Al resto ci pensano le potature irrazionali che fanno sviluppare chiome altissime. Servirebbe un po' più di conoscenza e buon senso. Mancano progetti a lunga scadenza sulla salvaguardia delle aree marginali

MALTEMPO, allerta meteo per domenica e lunedì

di

Avviso di criticità diramato dalla Protezione civile regionale: il peggioramento per domenica 28 riguarda tutta la Toscana. Previste piogge intense ovunque e forti venti soprattutto sui versanti appenninici. Per le informazioni in tempo reale è possibile consultare il sito dedicato della Regione

Primi giorni di maltempo e primi problemi: piogge intense e temporali sulle zone montane

di

Codice giallo emesso dalla Sala Operativa della Protezione civile regionale dalle 14 fino di venerdì 26 alla mezzanotte di sabato 27 nelle zone appenniniche di Pistoia, Prato e Firenze. Situazione più critica nella parte settentrionale della Toscana, in particolare in Lunigiana e Versilia. Colpi di vento e grandinate solo occasionali. Sabato attese forti raffiche di vento da sud sui crinali appenninici. Tutto le informazioni in tempo reale sul sito della Regione