Case cantoniere, un passato glorioso, l'abbandono di oggi. E un progetto futuro per recuperarle

di

Presidio del territorio per decenni, queste strutture di color rosso pompeiano sono in gran parte abbandonate e cadono a pezzi. Come dimostra il servizio fotografico anche sulle strade della nostra Montagna: Modenese (sr 66), Porrettana (ss 64) e Abetone-Brennero (ss 12). La proprietà è di Anas o della Regione. Falliti i tentativi di vendita. Un progetto nazionale prevede il recupero di un prima tranche di 30 immobili, 4 in Toscana lungo la via Francigena: verranno tutte ristrutturate da Anas e affidate in concessione a terzi


E adesso creiamo "l'Operappenninica". Per dare un futuro ai nostri monti

di

Sostegno convinto all'idea lanciata da FEDERICO PAGLIAI di far nascere un CONSORZIO-COOPERATIVA del fare. Arriva da SANTE BALLERINI, originario di SAMBUCA: "Sono fiducioso: mi ha convinto la grande adesione all'iniziativa per le popolazioni colpite da nevicate mai viste e dal terremoto". La ricetta? Semplice: "Servono uomini liberi e di buona volontà, capaci di cambiare la sorte segnata di tutta la nostra Montagna"

Neve e lavori stradali, la Provincia si difende: stiamo facendo il possibile

di

Il presidente Vanni: "Già espletati tutti i bandi per gli interventi sulla viabilità. A breve partiranno i lavori". In arrivo anche opere "attese da anni". Il problema del ponte nel tratto Le Piastre – Prunetta. "E' un pericolo. Un peggioramento delle condizioni costringerebbe alla chiusura". Sulla gestione della pulizia delle strade dalla neve: "Dobbiamo sempre privilegiare i collegamenti principali e non possiamo coprire l'intero territorio contemporaneamente". I numeri dei mezzi impiegati e delle spese effettuate

“Baste lamentarsi e attendere. In Montagna serve una Cooperativa del Fare, fuori dagli schemi della politica”

di

Lo scrittore Federico Pagliai prende spunto dalle strade gelate di questi giorni, i pochissimi mezzi spargisale e gli incidenti a raffica sulle strade, e lancia sulla “Voce” la sua proposta-provocazione: "Creiamo un’associazione di uomini e donne di montagna” per mettere in pratica “forme di autogoverno” e “autosostentamento economico di tipo virtuoso”. Pura utopia? “Basta consultare esperti che hanno già seguito queste strade come in Piemonte o in Molise”. Obiettivo: far arrivare sul territorio "milioni di euro che la Comunità Europea stanzia ma che la politica centrale non intercetta”

Dalla riserva naturale dell'Acquerino la scommessa per rilanciare turismo ed economia

di

Un'area di circa 250 ettari di superficie, fra gli 880 e i 1.300 metri s.l.m., di boschi misti, faggete e conifere. La sede del Corpo Forestale dello Stato da alcuni mesi affidata in convenzione a Legambiente Pistoia. La nascita del Centro di educazione ambientale (Cea) del quale fanno parte diverse associazioni. Gli obiettivi del 2017: le visite al “museo del bosco”, le escursioni con le Guide ambientali e ancora eventi su flora, fauna, ambiente, arte, storia, cultura del territorio e manifestazioni sportive

Dario Cecchini raccoglie l'appello: “Salviamo la Bianca modenese”

di

Il macellaio-poeta si impegna a fianco del sindaco di Fiumalbo, Mirto Campi, per la razza bovina in via di estinzione. Tutto nasce da un'iniziativa di “LetterAppenninica” che ha incontrato Cecchini a Panzano. Il presidente Federico Pagliai. “Presto inventeremo qualcosa di concreto per essere operativi anche su questo fronte”

"Non ci sono più Montagne ma una sola. Il futuro è un unico grande Comune da Pistoia a Serravalle all'Abetone"

di

Parole forti del sindaco Samuele BERTINELLI nell'incontro alla San Giorgio organizzato dalla "Voce". Bacchettata ad Abetone e Cutigliano: "L'Alta Montagna è una roba ridicola", "una forzatura" la fusione con il "no" espresso dagli abetonesi. Via libera al progetto che vede assieme Cireglio, le Piastre, Pracchia e Orsigna. Bene anche la "Social Valley" di Dynamo Camp. Il direttore di "Naturart" GIOVANNI CAPECCHI: "Vedo un nuovo fermento in Montagna. Serve una visione d'insieme per rilanciare quei territori"