Segni, frecce, numeri, colori: la sentieristica ai raggi x

di

Una guida ai sentieri (e alle loro caratteristiche) sulla Montagna pistoiese. Da quelli biancorossi segnati dal Club alpino italiano e dalla Montagna pistoiese trekking, a quelli bianchi e verdi delle riserve del Corpo forestale dello Stato. E ancora la segnaletica di Abetone trekking, ippovia, Cammino di San Bartolomeo, Pro loco di Prataccio e molti altri itinerari. Fino a vecchi segni dei quali neppure si conosce il significato


La Montagna Pistoiese nella penna e nel cuore dei grandi scrittori

di

Descritta già nei testi di Boccaccio, poi Tommaseo e Alfieri, ancora Verga, Pirandello, Carducci e Palazzeschi, questa terra fu “scoperta” soprattutto dopo la nascita della Ferrovia Porrettana. In molti vi trascorrevano brevi soggiorni, qualcuno divenne residente, come l'emiliano Giuseppe Lipparini. In epoche più recenti è stata meta privilegiata di Fosco Maraini, del pistoiese Giovanni Procacci e “rifugio” di lunghissimi periodi per Tiziano Terzani. A Castello di Cireglio nacque, visse a lungo e morì Policarpo Petrocchi, la “voce” letteraria più autorevole e autentica della nostra montagna

"Montagne Italia", il rapporto del 2016: cosa fare per un futuro possibile

di

Presentati in commissione parlamentare i risultati di una ricerca a 360 gradi. Nella popolazione residente cresce il numero di anziani e di immigrati. Le vallate montane come esperimento dal basso del passaggio dal fossile alle energie rinnovabili. La richiesta al Governo per valorizzare l'ecosistema montano. L'agricoltura sempre più settore nevralgico

I canti popolari di Giuditta Scorcelletti, fra cronaca e leggenda

di

La cantante folk pistoiese, ospite del Pavanart, ha al suo attivo diversi dischi e anche una candidatura al Grammy Awards di Los Angeles. L'importanza della collaborazione con il produttore e compositore Michael Hoppé e il primo disco in inglese. Il suo è un genere lirico narrativo, una melodia che incanta l'ascoltatore e crea un'atmosfera da fiaba