La Politica, Sambuca  |  gennaio 5, 2020

No alla fusione, il Comune di Sambuca conservi la sua tradizione

Contrari all'ipotesi di accorparlo a Pistoia o a San Marcello Piteglio i consiglieri comunali Francesco Cipriani ("Tradizioni e futuro per Sambuca Pistoiese"), Venusia Ducci, ("Futuro Civico San Marcello Piteglio") e Lorenzo Galligani (Fratelli d’Italia Pistoia). L'alternativa? "Più attenzioni e risorse da Stato e Regione"

di

Tempo di lettura: circa 2 minuti
La sede del Comune di sambuca a Taviano

SAMBUCA – L’ipotesi di procedere a “fusione” del Comune di Sambuca Pistoiese con altri Comuni, in primis Pistoia ma anche San Marcello Piteglio da parte del sindaco Fabio Micheletti è l’argomento di questo intervento critico dei rappresentanti di alcune forze politiche di centrodestra degli stessi tre Comuni interessati a quella ipotesi, ovvero Francesco Cipriani, Capogruppo Tradizioni e futuro per Sambuca Pistoiese, Venusia Ducci, Capogruppo Futuro Civico San Marcello Piteglio e Lorenzo Galligani, Capogruppo Fratelli d’Italia Pistoia. Di seguito il testo dell’intervento.

“Si apprende dai giornali che Micheletti rinviene nella fusione tra Enti l’unica fonte di salvezza per Sambuca. L’ipotesi di una fusione con il Comune di Pistoia o con il Comune di San Marcello Piteglio, prospettata dal Sindaco di Sambuca Pistoiese, non è percorribile: danneggia, a nostro avviso, solo Sambuca.

‘Tradizioni e futuro per Sambuca’, da sempre contraria a qualsiasi tipo di fusione con Pistoia o altri Comuni, oggi rimane un po’ basita: mentre in campagna elettorale taluni esponenti della Giunta Micheletti accusavano ‘Tradizione e futuro per Sambuca’ (da sempre contrario alla fusione) di voler ‘inglobare’ Sambuca con Pistoia, oggi lo stesso Sindaco di Sambuca propone come unica fonte di salvezza la fusione.

Il Comune di Pistoia è già estremamente esteso, si trova a dover manutenere un chilometraggio di strade maggiore rispetto a Prato o Firenze con un bilancio incomparabilmente più basso. Questa fusione vorrebbe dire rendere ancora più difficile fornire servizi adeguati cittadini. Non è pensabile che due Comuni (Pistoia e San Marcello Piteglio) possano accollarsi servizi che invece il Comune di Sambuca può erogare direttamente ai suoi concittadini.

L’ipotesi di una fusione è un modo singolare per esonerarsi da responsabilità politiche. L’unica via realmente percorribile per il Comune di Sambuca – che deve conservare la propria identità e le proprie tradizioni, senza accorparsi a nessun altro ente – è quella di potenziare i propri servizi.

Ci risulta che al governo della Nazione e della Regione Toscana ci sia proprio il Pd, partito al quale appartiene Micheletti: ebbene, è onere del Sindaco chiedere a Roma e a Firenze, maggior attenzione e risorse economiche per Sambuca ed il suo Popolo.

Il Popolo di Sambuca non merita infatti una fusione: deve conservare le proprie tradizioni, la propria identità.

Una fusione nuocerebbe a tutti e a tutta la montagna che, appunto, vive grazie alle proprie culture e tradizioni”.

Francesco Cipriani, Capogruppo Tradizioni e futuro per Sambuca Pistoiese

Venusia Ducci, Capogruppo Futuro Civico San Marcello Piteglio

Lorenzo Galligani, Capogruppo Fratelli d’Italia Pistoia

 


La Redazione

Con il termine La Redazione si intende il lavoro più propriamente "tecnico" svolto per la revisione dei testi, la titolazione, la collocazione negli spazi definiti e con il rilievo dovuto, l'inserimento di immagini e video. I servizi pubblicati con questa dizione possono essere firmati da uno o più autori oppure non recare alcuna firma. In tutti i casi la loro pubblicazione avverrà dopo un attento lavoro redazionale.