La ricerca

Il gioco "brado" che fu dei bambini di montagna: una buona "ricetta" anche per oggi

di

Il libro aperto della vita era la natura circostante, il fiume, i campi, i boschi e gli animali a farla da protagonisti. Oggi è tutto cambiato e i giochi dei ragazzi e dei giovani sono ipertecnologici. L'illuminante lettura di "Noi e l'albero" della neuropsichiatra infantile Valentina Ivancich, ricercatrice presso l'Università “La Sapienza” di Roma. Alle patologie psichiatriche infantili non sarebbero estranei i “giochi strutturati”, che si sviluppano all'interno di schemi e leggi definite e precostituite. La conclusione dell'autrice: “Più natura e meno attrezzatura”

Sport & tempo Libero

Torna l'Ultramarathon Pistoia-Abetone: il tragitto e le modifiche alla viabilità

di

Domenica 26 la tradizionale gara podistica giunta alla 45esima edizione. Il ritrovo è alle 6 in piazza del Duomo, la partenza prevista per le 7.30. Il percorso nel tratto cittadino, strada per strada, e poi lungo la statale fino a Campo Tizzoro, la deviazione verso Maresca, Gavinana e il rientro sulla SS 66 a San Marcello. Da qui la gara proseguirà in direzione la Lima e quindi sulla SS 12 fino al traguardo in piazza delle Piramidi all'Abetone


La ricerca

Le Fontane Campari, i primi esempi di sculture pubblicitarie. Oggi ne restano tre: a Chiusi della Verna, Brunate e Le Piastre

di

La Davide Campari & C fu fra prime aziende a cercare uno stretto sodalizio tra arte e pubblicità. I manifesti furono la forma più nota, meno note furono le sculture. A Chiusi della Verna, il 1° novembre 1931, viene inaugurata una fontana a coronamento dell’acquedotto, considerabile uno dei primi esempi di arte pubblicitaria tridimensionale. Poi ne vennero molte altre. La differenza più sostanziale tra le tre rimaste è il diverso uso dei materiali: candido travertino la prima, in laterizio, cemento e stucco le altre due

Parco Letterario Policarpo Petrocchi

"Le Guerre", il romanzo dimenticato di Policarpo Petrocchi

di

Il 24 giugno dalle 16.30, una piccola passeggiata letteraria dal Cimitero di Cireglio, guidata da Giovanni Capecchi, presidente del Parco Letterario Petrocchi. Previste alcune soste durante le quali saranno lette pagine tratte da "Le Guerre", 1899, di Policarpo Petrocchi. Alle 17,30, alla Locanda della Sapienza, parlerà del romanzo Gianni A. Papini, filologo e studioso petrocchiano, Andrea Fusari, presidente dell’Università Vasco Gaiffi, e Andrea Ottanelli, direttore della rivista “Storia locale” e membro del consiglio direttivo del Parco