L'arte artigiana

Le Piastre premia i presepi più belli

di

Nella categoria parrocchie la spunta Cutigliano davanti a Gavinana e Sarripoli. Tra le associazioni la miglior realizzazione è quella del Borgo della Rocca di Montemurlo, poi la Pro loco di San Mommé e il circolo Arci di Pontenuovo. Marco Pullerà si aggiudica il gradino più alto del podio tra gli artisti, secondo Manuel Giovannini, terzo Franco Melani. Tanti i riconoscimenti consegnati dalla Pro Loco Alta Valle del Reno. La soddisfazione della presidente

Non solo libri

LA FAVOLA / Alla ricerca della pianta del sale. Che pizzicava davvero...

di

Tre paesani al mercato alla ricerca della semente del sale. Che costò loro molti soldi e li convinse di aver fatto l'affare della vita. Quindi la semina, secondo le istruzioni del venditore E i campi verdi come non mai. Alla fine sperimentarono di persona la “qualità” della pianta: quella di pizzicare la pelle come fa il sale sulla lingua. Peccato che non fosse il sale a causare quel forte prurito...


Sanità e sociale

Medico di famiglia sospeso sulla Montagna: nominato il sostituto

di

Il dottor Tommaso Anichini sostituirà Federico Calvani, agli arresti domiciliari con l'accusa di aver praticato finti vaccini a pazienti "no vax" per ottenere il "Green Pass". L'incarico garantirà l’attività ambulatoriale nell’ambito costituito dai Comuni di Abetone Cutigliano, Marliana, Sambuca Pistoiese e San Marcello Piteglio. I cittadini assistiti dal titolare saranno assegnati in modo automatico al nuovo medico

L'arte artigiana

IL RACCONTO / Il pollaio crudele di Teoforo

di

A vent'anni la decisione ci costruire un pollaio tutto suo. Con nove galline di varietà diversa e dai nomi strani. La convivenza forzata e la disputa tra “primedonne”. La zuffa finale e la dispersione nei campi e nel bosco. Solo due di loro, dopo qualche giorno, tornarono nei propri nidi e cominciarono a dispensare le loro uova: furono le prime ospiti gradite di un nuovo pollaio

La ricerca

Città e borghi verso un futuro a due velocità

di

Nei prossimi anni le popolazioni si concentreranno nelle città che saranno sempre più caotiche, più inquinate, asfissiate dal traffico ed esposte ai cambiamenti climatici. Intanto si è costruito in aree fragili, senza veri progetti di regimazione idrica e piani di messa in sicurezza del territorio. E i piccoli paesi continueranno a svuotarsi nonostante i tanti proclami sulla necessità di recuperarli