Sanità e sociale, Abetone  |  dicembre 27, 2017

Abetone, ecco il primo massaggiatore cardiaco sulle piste da sci

Presentato "Lucas" nell'ambito del progetto di emergenza e urgenza per la Montagna Pistoiese. L'Usl: "Evento unico nel panorama nazionale che si va ad affiancare ai Defibrillatori Semiautomatici (DAE)". Il direttore del 118 Paolini: "Sarà possibile completare la catena dei soccorsi in questa grave patologia, trasportando a valle un paziente in arresto cardiaco senza interrompere le manovre rianimatorie". Il direttore della zona distretto pistoiese Mannelli: "Più sicurezza in montagna dal punto di vista dei soccorsi" Il sindaco Petrucci: "Orgogliosi di essere pionieri in Italia"

di

Tempo di lettura: circa 4 minuti

ABETONE – Un nuovo passo avanti nella lotta alla morte cardiaca improvvisa ed un altro progetto di emergenza e urgenza per la Montagna pistoiese si è concretizzato con l’introduzione nelle piste da sci del comprensorio di Abetone del massaggiatore automatico “Lucas”. E’ la prima esperienza del genere che rappresenta un primato per la provincia di Pistoia.

  

Due momenti della conferenza stampa di presentazione ad Abetone del massaggiatore automatico

Le parole del sindaco

“Siamo felicissimi del traguardo di questo importante progetto e onorati di ospitare il massaggiatore automatico ‘Lucas’ che permette la rianimazione in pista – ha detto il sindaco di Abetone-Cutigliano, Diego Petrucci, nel c orso della presentazione questo pomeriggio -. Questa importante esperienza che ci vede pionieri in Italia, ci riempie di orgoglio e ci fa credere in un futuro di proficua collaborazione con le vaie Associazioni che operano nell’ambito del soccorso e soccorso sci. Voglio sperare che questo sia solo l’inizio di tante iniziative utili per la salvaguardia della salute sulla nostra Montagna”.

Il contributo della Fondazione Caript

“Lucas” sarà quindi disponibile sulle piste da sci abetonesi, rendendole ancora più sicure per i migliaia di appassionati che le affolleranno soprattutto in questo periodo di vacanze natalizie. Il massaggiatore è arrivato anche sulla neve grazie al fondamentale contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia: lo strumento è, infatti, già da anni ampiamente diffuso su tutti i mezzi di soccorso provinciali (volontariato compreso) ed è, anche grazie a questi dispositivi se l’area pistoiese si colloca ai vertici delle classifiche nazionali per i dati di sopravvivenza da arresto cardiaco.

Strumento unico nel suo genere

In particolare per quanto riguarda il comprensorio montano abetonese, l’iniziativa è stata realizzata dopo un periodo di studio di fattibilità insieme ai soccorritori della Associazione Volontaria Soccorso Sci Appennino Toscano (era presente il presidente Fabrizio Calvani) e la loro necessaria formazione. E’ uno dei progetti realizzati all’interno del dipartimento aziendale di emergenza e area critica, diretto dal dottor Simone Magazzini.

Il dottor Piero Paolini, direttore dell’area aziendale centrali operative 118, ha aggiunto che si tratta di un evento unico nel panorama nazionale che si va ad affiancare ai Defibrillatori Semiautomatici (DAE) e quindi alla cardioprotezione che, ormai da molti anni, è presente su tutto il comprensorio. “Con questo nuovo strumento – ha spiegato il direttore del 118 – sarà possibile completare in modo ottimale la catena dei soccorsi in questa grave patologia; nello specifico si potrà trasportare a valle anche un paziente in arresto cardiaco senza essere costretti ad interrompere le manovre rianimatorie”. Paolini ha ringraziato i volontari del soccorso sci e il personale del 118 che si è impegnato nella realizzazione del progetto e nella specifica formazione.

Dispositivo fondamentale per l’emergenza-urgenza

“Con il massaggiatore cardiaco sulle piste da sci cresce ancora la sicurezza in Montagna dal punto di vista dei soccorsi – ha evidenziato il dottor Daniele Mannelli, direttore della zona distretto pistoiese – a dimostrazione dell’attenzione che l’Azienda Sanitaria riserva anche alle zone più periferiche dotandole di tutti i dispositivi necessari per l’emergenza e urgenza a tutela dei cittadini residenti ma anche dei numerosi turisti. A breve – ha concluso –l’area montana potrà contare anche su un nuovo e più efficiente punto di soccorso a San Marcello: i lavori stanno procedendo speditamente per realizzare nuovi spazi per l’accoglienza e le visite dei pazienti”.

 

 

 


La Redazione

Con il termine La Redazione si intende il lavoro più propriamente "tecnico" svolto per la revisione dei testi, la titolazione, la collocazione negli spazi definiti e con il rilievo dovuto, l'inserimento di immagini e video. I servizi pubblicati con questa dizione possono essere firmati da uno o più autori oppure non recare alcuna firma. In tutti i casi la loro pubblicazione avverrà dopo un attento lavoro redazionale.