Cultura & Spettacoli, Pistoia, Sambuca  |  luglio 31, 2017

“L’importanza di essere piccoli”, poesia e musica nei borghi dell’Appennino

Dal primo al sei agosto la VII edizione della rassegna ideata da SassiScritti. Tre appuntamenti sul versante toscano e altrettanti in quello emiliano. Protagonisti nelle serate pistoiesi Paolo Benvegnù e Alessandro Riccioni a PITECCIO, Lucio Corsi e Bruno Tognolini a MONACHINO, Saverio Lanza e Giuliano Scabia a SPEDALETTO

di

Tempo di lettura: circa 6 minuti
La locandina del festival con il programma
La locandina del festival con il programma

APPENNINO TOSCO EMILIANO – E’ il settimo anno in cui l’Appennino è reinventato e ricreato dall’incontro di poeti e musicisti con gli abitanti di paesi abbarbicati sui crinali tra Emilia e Toscana. Un piccolo festival con una dignità da gigante che si propaga tra bosco e radura, tra monti e borghi disabitati prendendosi tutto il tempo e il lusso dell’ascolto di un paesaggio parlante intitolato, per l’appunto “L’importanza di essere piccoli”, con una speciale dedica ai mondi intermedi e incandescenti dei bambini, così vicini e aderenti a quelli inattuali della poesia. Sei giorni di festa in sei luoghi speciali, lontano dalle ragioni dei giorni feriali.

 

19756485_1268350246607796_2693287767394086405_n   Il logo del Festival

Si comincia a Piteccio

Un dinosauro giocattolo a capo di una sequela di esploratori che il primo agosto inizia la sua avventura dal versante toscano, dalla minuscola stazione di Castagno di Piteccio per ascoltare Paolo Benvegnù e il suo viaggio interstellare dentro i misteri di “H3+”, la molecola che sta alla base dell’Universo ispiratrice del suo ultimo album. Con lui Alessadro Riccioni poeta e bibliotecario dell’Appennino dei cui nativi ‘monti tondi’ la sua poesia porta traccia.

Si prosegue sul versante bolognese

La tribù del dinosauro il 2 agosto si sposta in Emilia e si addentra in un bosco di castagni monumentali nei pressi di Granaglione, qui la parola si fa epica grazie alla ‘letteraturap’ di Murubutu, in cui sonorità hip hop classiche fanno da tappeto a testi dalla forte curvatura cantautorale; insieme al “cantante filosofo” il “poeta-oste” Andrea de Alberti che con le poesie tratte dal suo Dall’interno della specie (Einaudi 2017) intraprende un viaggio antropologico-sentimentale dentro l’umanità.

Cambiando versante, sempre nella provincia di Bologna, il dinosauro il 3 agosto arriva a Rasora, nel comune di Castiglione dei Pepoli, accolto dall’antica Casa del Popolo e dai testi scanzonati del cantautore Ivan Talarico, già attore e autore di libri dal sapore ironico. Uno sguardo limpido e sbarazzino è anche quello di Carlo Bordini, poeta e narratore romano che, pur non rinnegando le difficoltà dell’esistenza, non cede mai il fianco al nichilismo.

Giunti a metà percorso le orme preistoriche conducono a La Scola nel comune di Grizzana Morandi in uno dei borghi più belli del versante bolognese: qui risuonano tre voci femminili, quella dal timbro purissimo della siciliana Gabriella Lucia Grasso che presenta il suo ultimo album Vussia Cuscenza, uscito per Narciso Records, etichetta indipendente fondata da Carmen Consoli. Se la Grasso porta nel fresco delle montagne un po’ della luce catanese, dal nord arrivano le sorprendenti Manuela Dago e Francesca Genti poetesse unite da un’amicizia profonda e dal progetto editoriale Sartoria Utopia, una ‘capanna editrice’ che produce libri di poesia cuciti a mano.

Si finisce a Monachino e Spedaletto

Come un cerchio magico negli ultimi due giorni prima della chiusura, il festival torna in Toscana: venerdì 5 agosto a Monachino, nel comune di Sambuca Pistoiese, in una graziosa valle in cui si intrecciano 4 province. Ad accogliere il dinosauro sono gli animali selvatici evocati dal giovane cantautore maremmano Lucio Corsi nel suo disco delicato e metamorfico Bestiario musicale. La poesia è invece affidata alla voce incantatrice di Bruno Tognolini, autore generalmente considerato per bambini anche se come dice lo stesso poeta, due volte Premio Andersen, quello che scrive è “per i bambini e i loro grandi”.

L’ultimo giorno è a Spedaletto, paese che prende il nome dalla sua antica tradizione di ospitalità: se nel medioevo ai viandanti veniva offerto rifugio, ai seguaci dei piccoli domenica 6 agosto è donata una piazza trasformata da due artisti. A differenza degli altri giorni si inizia alle 19 con Saverio Lanza, musicista, compositore e produttore discografico che presenta il progetto originale Vocazioni, messa spontanea per coro misto con cinque solisti e il coro della Scuola di Musica Mabellini di Pistoia. Dopo la performance, che concilia il sacro al profano, gli spettatori e artisti sono invitati a fare una pausa per prepararsi all’ascolto di Giuliano Scabia, legato al festival da una tenera amicizia e da una profonda affinità elettiva. Per il festival il ‘più imprevedibile dei poeti’, così scrive Gianni D’Elia nella prefazione del libretto edito dalla casa editrice catanese “Le farfalle” che ne custodisce i versi, dà voce ai Canti brevi per il cielo della notte. Dentro un paese mutato dalla presenza di ospiti invisibili; poeti, bestie, persone e dèi sono cinguettati e vivificati da Scabia e amplificati da Saverio Lanza con i cantanti che poco prima hanno partecipato a Vocazioni.

Il PROGRAMMA nel dettaglio

Martedì 1 agosto ore 21 – Castagno di Piteccio, PT

Paolo Benvegnù (live)

Alessandro Riccioni (lettura/incontro)
Mercoledì 2 agosto ore 21 – Parco didattico sperimentale del Castagno

Varano, Granaglione, Alto Reno Terme, BO

Murubutu (live)

Andrea De Alberti (lettura/incontro)
Giovedì 3 agosto ore 21 – Rasora, Castiglione dei Pepoli, BO

Ivan Talarico (live)

Carlo Bordini (lettura/incontro)
Venerdì 4 agosto ore 21 – La Scola, Grizzana Morandi, BO

Gabriella Lucia Grasso (live)

Francesca Genti, Manuela Dago (lettura/incontro)
Sabato 5 agosto ore 21 – Monachino, Sambuca Pistoiese, PT

Lucio Corsi (live)

Bruno Tognolini (lettura/incontro)
Domenica 6 agosto ore 19– Spedaletto, PT

Vocazioni, messa spontanea per coro misto di Saverio Lanza

Canti brevi per il cielo della notte di Giuliano Scabia

Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito e si terranno anche in caso di pioggia nei luoghi indicati

Ringraziamenti

L’importanza di essere piccoli c’è grazie a: Daria Balducelli, Ambrogina Bertone, Andrea Biagioli, Alessandro Borri, Azzurra D’Agostino, Sante Di Clemente, Lucia Mazzoncini, Guido Mencari, Andrea Montagnani, Lara Monterastelli, Silvia Tesone. Video Andrea Montagnani www.pupillaquadra.com Fotografie Guido Mencari www.gmencari.com.

Collaborazioni

Il festival si è avvalso della collaborazione di: associazione La Sculca, Pro loco di Spedaletto, Pro loco di Castagno, Parco Didattico sperimentale del castagno, Casa del popolo circolo arci di Rasora, libreria l’Arcobaleno di Vergato, libreria Lo spazio di via dell’Ospizio di Pistoia, Hotel Helvetia Thermal Spa, Califfo ristopub di Porretta Terme, Birra del Reno di Castel di Casio, Le grandi ricette di Anna B. catering Castel di Casio, Hotel Roma di Porretta Terme, gelateria la Baracchina di Porretta Terme, Birrificio Beltaine.

Informazioni utili

Per le indicazioni stradali consultare la pagina FB SassiScritti. L’importanza di essere piccoli. Per tutte le info www.sassiscritti.org ; info@sassiscritti.org ; 3493690407 – 3495311807.

 

Alcune immagini dell’edizione 2016

(cliccare sulle foto per ingrandirle)

importanza di essere piccoli 2016  importanza essere piccoli 2 2016

importanza essere piccoli 3 2016 13892211_961138517328972_6899971716493056632_n

13912700_959802410795916_8396294918679328518_n 14470388_1002024246573732_581699956282703402_n


La Redazione

Con il termine La Redazione si intende il lavoro più propriamente "tecnico" svolto per la revisione dei testi, la titolazione, la collocazione negli spazi definiti e con il rilievo dovuto, l'inserimento di immagini e video. I servizi pubblicati con questa dizione possono essere firmati da uno o più autori oppure non recare alcuna firma. In tutti i casi la loro pubblicazione avverrà dopo un attento lavoro redazionale.