L'arte artigiana, Marliana  |  agosto 1, 2019

“La montagna che parla”, un festival per dar voce ai luoghi dimenticati

Sabato 3 agosto al via la seconda edizione della manifestazione progettata dall'associazione Orzoluna. Tanti gli artisti coinvolti che realizzeranno installazioni visive temporanee. Previsto un workshop di produzione artistica in "realtà aumentata", condotto da Bepart. Nel cartellone anche passeggiate, performance musicali, reading. Il programma completo degli eventi nelle varie località del comune di Marliana

di

Tempo di lettura: circa 4 minuti

MARLIANA – Inizia sabato 3 agosto con l’inaugurazione di una mostra e di una installazione, sulla terrazza del ristorante Amelia, a Momigno, il festival “La montagna che parla”, giunta quest’anno alla seconda edizione, di scena in diverse località nel Comune di Marliana, dal 3 al 25 Agosto. Il progetto dell’Associazione Orzoluna, con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia e BEPART, quest’anno si caratterizza con il sottotitolo “Essere sensibile”, e vede la partecipazione di tanti artisti visivi.

Come nasce il festival

“‘La montagna che parla’ – spiegano i promotori – nasce dalla necessità di dare voce a tutti i luoghi bellissimi e dimenticati che abitiamo, nel territorio della montagna Pistoiese e più in particolare nel comune di Marliana. Proprio perché li amiamo e li rispettiamo abbiamo pensato ad un evento gentile, che non invada il territorio ma che dal territorio venga accolto”.

La collaborazione di bepart

Anche per la seconda edizione il festival vedrà la collaborazione di Bepart, impresa sociale di giovani che ha sviluppato una app in grado di restituire elementi di “realtà aumentata” attraverso lo smartphone. Tema del 2019, la relazione essere umano – natura attraverso il contatto con gli elementi come l’acqua, le piante, lo scorrere del tempo.

 

Farà parte del festival un workshop di produzione artistica in realtà aumentata condotto da Bepart, che coinvolge artisti visivi per sviluppare le loro attitudini creative e per creare comunità attraverso le arti: sarà possibile visionare il loro lavoro grazie ad una installazione itinerante nei vari luoghi del festival. Gli eventi avranno luogo in alcuni punti del territorio del comune di Marliana, ed avranno carattere di installazione sonora o visiva: saranno temporanei e sottili, in accordo con la tematica del festival stesso.

 

Gli artisti coinvolti

Gli artisti coinvolti sono Francesca Lenzi, Federico Fiori, BuTe, Dario Longo, Francesca Matteoni, Andrea Tibet Betti, Elena Bocci, Alessio Chiappelli, Sadi Oortmod, che realizzeranno le loro installazioni temporanee in luoghi dislocati sul territorio. Fanno parte del festival passeggiate per sviluppare un maggior contatto con gli elementi naturali, accompagnate da interventi artistici.

Tutti gli eventi sono a partecipazione gratuita.

 

 

IL PROGRAMMA

(cliccare sul pdf per ingrandirlo)

 

3 Agosto

INAUGURAZIONE ore 17, terrazza Albergo Ristorante Amelia – Momigno

ore 18 visione della mostra in AR curata da associazione Orzoluna e BEPART

Ore 19,30 HOST LAND – Installazione a cura di Federico Fiori e Francesca Lenzi

zona Montagnola, Momigno

 

4 Agosto

Ore 17 circa: ritrovo e merenda all’azienda agricola La Felce, Femminamorta

Passeggiata percorso Felce-Casone e ritorno, condotta da Andrea Dani

Durante la passeggiata dimostrazione di Tai Chi Chuan: l’arte del respiro a cura di Agata Sapienza, insegnante UISP-DO e ITCCA ITALIA

CHIAVI DI LETTURA installazione a cura di Dario Longo – zona Casone (Femminamorta)

 

9 Agosto

Ore 19 circa

Installazione LOGARITMO PASTORALE a cura di BuTe – Zona Montagnola, Momigno

Dalle 21 PIC NIC SOTTO LE STELLE in collaborazione con La matta e il vagabondo trattoria da Lina, zona Campone, Momigno

 

10 Agosto

Ore 19 circa CANTI DALLA VALLE – performance a cura di Alfonso Pierro, zona Campone, Momigno

 

11 Agosto

Ore 17 passeggiata di riconoscimento erbe spontanee condotta da Cecilia Lattari

Ore 18 INCANTESIMI – reading a cura di Francesca Matteoni con sonorizzazioni a cura di Andrea Betti Tibeti, zona Campone, Momigno

 

17 Agosto

Ore 17 circa ritrovo azienda agricola La Felce a Femminamorta

Piccola passeggiata La Felce – Casone

Installazione TRACCE FANTASMA a cura di Alessio Dufur – zona Casone (Femminamorta)

 

18 Agosto

Ore 17 Passeggiata Montagnana-Momigno condotta da Andrea Dani

Durante la passeggiata, ore 18, performance sonora IL SUONO CHE CURA – bagno di Gong e campane di cristallo a cura di Keher Kaur.


La Redazione

Con il termine La Redazione si intende il lavoro più propriamente "tecnico" svolto per la revisione dei testi, la titolazione, la collocazione negli spazi definiti e con il rilievo dovuto, l'inserimento di immagini e video. I servizi pubblicati con questa dizione possono essere firmati da uno o più autori oppure non recare alcuna firma. In tutti i casi la loro pubblicazione avverrà dopo un attento lavoro redazionale.