Ambiente, Sambuca  |  agosto 13, 2019

A Ferragosto la liberazione degli uccelli rapaci nella riserva naturale di Acquerino

Gli animali sono stati recuperati e riabilitati nel Centro Recupero di Uccelli Marini e Acquatici di Livorno, gestito dalla LIPU. Quest’anno sarà liberato anche un lodolaio, un falco pellegrino in miniatura, che fra qualche settimana intraprenderà un lungo viaggio verso le savane africane. Il programma della giornata

di

Tempo di lettura: circa 2 minuti

ACQUERINO (SAMBUCA) – Anche quest’anno nel giorno di Ferragosto avrà luogo la tradizionale liberazione di uccelli rapaci nell’area protetta di Acquerino. Gli animali a cui sarà restituita la libertà, sono stati recuperati e riabilitati nel Centro Recupero di Uccelli Marini e Acquatici di Livorno, gestito dalla LIPU. Si tratta di animali che si sono imbattuti nella maggior parte dei casi in qualche insidia umana (per dolo o per colpa), ma che hanno anche avuto la fortuna di essere stati soccorsi, curati adeguatamente e sottoposti a riabilitazione al volo. A monte di ogni liberazione, infatti, vi è un grande lavoro che vede impegnati veterinari specializzati e tanti volontari (altrettanto specializzati), in quanto le risorse pubbliche destinate a tali attività sono assai scarse.

Il contesto ambientale

Il contesto ambientale di Acquerino è assai idoneo ad accogliere questi animali nei primi giorni di libertà. Esso infatti è caratterizzato da vaste superfici boscate e da praterie intrasilvatiche, ricche di potenziali prede e con basso livello di disturbo antropico. In genere gli uccelli liberati trascorrono qualche giorno o alcune settimane nel luogo di rilascio per poi spostarsi in altre aree, ma può anche accadere che qualche individuo resti per anni nell’area dove a riguadagnato la libertà. Quest’anno sarà liberato anche un lodolaio – una sorta di falco pellegrino in miniatura – che, essendo una specie migratrice a lungo raggio, fra qualche settimana intraprenderà un lungo viaggio verso le savane africane, per poi fare ritorno la prossima primavera.

Il senso della manifestazione

Questo evento pubblico costituisce anche l’occasione per far conoscere ai partecipanti questi uccelli, le minacce ai quali sono esposti e gli sforzi che associazioni come la LIPU compiono sia per promuovere misure di conservazione delle specie, sia per dare una chance agli individui rimasti vittima di incidenti di varia natura. L’iniziativa è organizzata dal Centro di Educazione Ambientale di Acquerino, con la collaborazione del Reparto Biodiversità dei Carabinieri Forestali di Pistoia e della LIPU.

Il programma della giornata

La Liberazione si svolgerà alle ore 10.30 presso il prato Le Caselle, situato a 15 minuti di cammino dalla Ex Caserma di Acquerino che ospita il CEA. In quest’ultima località, facilmente raggiungibile attraverso la strada provinciale 24 Pistoia – Riola, è previsto il ritrovo alle ore 9.30.
Nel pomeriggio, alle ore 15.00 è in programma una escursione naturalistica gratuita all’interno della Riserva Naturale, condotta dalla Guida Ambientale Alessio Bartolini, che collabora con il CEA.

Le informazioni utili

Per informazioni è possibile accedere al sito internet www.ceaacquerino.jimdo.com o alla nostra pagina Facebook Cea Acquerino. Inoltre è possibile contattarci attraverso la mail [email protected]

(testo di Samuele Pesce Coordinatore CEA Acquerino)

 

L’articolo dell’agosto 2017 con un’ampia galleria fotografica

I rapaci liberati in volo nel giorno della Festa della natura


La Redazione

Con il termine La Redazione si intende il lavoro più propriamente "tecnico" svolto per la revisione dei testi, la titolazione, la collocazione negli spazi definiti e con il rilievo dovuto, l'inserimento di immagini e video. I servizi pubblicati con questa dizione possono essere firmati da uno o più autori oppure non recare alcuna firma. In tutti i casi la loro pubblicazione avverrà dopo un attento lavoro redazionale.