Cultura & Spettacoli, Pistoia  |  maggio 23, 2019

Dialoghi sull’uomo 2019, è record di volontari

Quest'anno saranno quasi 400 studenti, provenienti da diverse scuole di Pistoia e della Provincia. Una nutrita rappresentanza anche dall'Ominomprensivo di San Marcello. Sei le “squadre” in cui verranno divisi: Punto informazioni, Gestione location del festival, Accoglienza gite scolastiche, Pronto intervento, Fotografi, Twitter e Ufficio stampa

di

Tempo di lettura: circa 2 minuti

 

 

PISTOIA – In vista dell’apertura della X edizione di Pistoia – Dialoghi sull’uomo si è svolta ieri mattina, mercoledì 22 Maggio, al teatro Bolognini di Pistoia, la consueta riunione plenaria dei volontari, che quest’anno saranno in totale 385. L’incontro chiude un percorso di formazione che negli scorsi mesi ha visto impegnati, per prepararsi ai loro compiti durante il festival, 373 studenti, numero che segna il record di partecipazione proprio nell’anno del decennale.

Chi sono e cosa fanno

I ragazzi, coordinati da Francesca Bechini del Comune di Pistoia che da anni si occupa di organizzarne le attività, adesso sono pronti a vivere in prima persona un evento di grande valore culturale e formativo come i Dialoghi, che permetterà loro di scoprire come funziona un festival, di incontrare e parlare con scrittori, filosofi, antropologi, artisti, sociologi e di condividere con i coetanei un’esperienza unica. Per tre giornate i volontari, indossando le magliette sulle quali campeggia il logo del festival, saranno il segno distintivo dei Dialoghi sull’uomo. La maggioranza sono giovani tra i 17 e i 25 anni, affiancati da 12 volontari adulti, coordinati da Marcello Bugiani del Comune di Pistoia, che provengono dalle associazioni Amici della San Giorgio, Banca del Tempo e Pedro Camacho Bookclub.

Sei “squadre” con mansioni diverse

I volontari saranno divisi in sei squadre, ognuna con mansioni specifiche e tutte fondamentali per la buona riuscita del festival: Punto informazioni; Gestione location del festival; Accoglienza gite scolastiche; Pronto intervento; Fotografi; Twitter e Ufficio stampa.

La X edizione riceverà rinforzi per il secondo anno da Asti con i ragazzi dell’Associazione Albergo Etico Italia, onlus pioniera nei progetti di autonomia personale e professionale di ragazzi con sindrome di Down e con disabilità intellettiva e dell’Associazione pistoiese To Groove.

Coinvolte 12 scuole

I volontari studenti sono di 12 scuole superiori di Pistoia e provincia. Da Pistoia: Liceo Statale Forteguerri Vannucci, Liceo Scientifico A. Di Savoia, Istituto Tecnico Tecnologico Statale Fedi-Fermi, Istituto Tecnico Commerciale Filippo Pacini, Istituto Professionale per l’Agricoltura e l’Ambiente De Franceschi, Istituto Professionale Antonio Pacinotti, Liceo artistico Petrocchi, Istituto Suore Mantellate – Liceo Scientifico. Dalla provincia: Istituto OmniComprensivo San Marcello (San Marcello Pistoiese), Liceo Scientifico Coluccio Salutati (Montecatini Terme), Istituto Tecnico Economico Aldo Capitini (Agliana), Istituto Tecnico Marchi (Pescia). Tornano anche alcuni volontari del Liceo delle Scienze Umane di Ariccia (Rm) e delle classi di Ariccia, di Monza e di Castelfranco Veneto in gita scolastica a Pistoia per assistere agli incontri del festival.

Gli universitari

Per la decima edizione saranno 53 i giovani volontari universitari provenienti da diverse università d’Italia: Bologna, Cagliari, Firenze, Milano, Pisa, Pistoia, Prato, Venezia.

Il progetto Gulliver

Si ripeterà anche Gulliver, il progetto di scambio che da quattro anni permette ad alcuni volontari di conoscere la realtà di altri festival di approfondimento culturale: in particolare quest’anno a Pistoia saranno ospiti 3 volontari del festival Leggendo Metropolitano di Cagliari.


La Redazione

Con il termine La Redazione si intende il lavoro più propriamente "tecnico" svolto per la revisione dei testi, la titolazione, la collocazione negli spazi definiti e con il rilievo dovuto, l'inserimento di immagini e video. I servizi pubblicati con questa dizione possono essere firmati da uno o più autori oppure non recare alcuna firma. In tutti i casi la loro pubblicazione avverrà dopo un attento lavoro redazionale.