Ambiente, Uno sguardo oltre  |  dicembre 11, 2018

La Montagna celebra la sua Giornata Internazionale

Fu istituita nel 2002 dall'assemblea generale delle Nazioni Unite. La FAO è l’agenzia che coordina e organizza le celebrazioni e ha il compito di guidarla a livello globale. Tema di quest'anno #MountainsMatter con l'obiettivo di evidenziare la cruciale importanza degli ecosistemi montani: le montagne coprono circa il 27 per cento della superficie terrestre, in Italia quasi la metà del territorio, il 47,5 per cento

di

Tempo di lettura: circa 1 minuti

Si celebra oggi, martedì 11 dicembre, la giornata mondiale della montagna, istituita dall’Onu nel 2002. La Giornata Internazionale della Montagna ha le sue radici nel 1992 con l’adozione del capitolo 13 dell’Agenda 21 “Managing Fragile Ecosystems: Sustainable Mountain Development” in occasione della Conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente e lo sviluppo. Dieci anni dopo l’assemblea generale delle Nazioni Unite ha dichiarato il 2002 Anno Internazionale delle Montagne. In questa occasione, l’Assemblea generale dell’ONU ha designato l’11 dicembre di ogni anno, a partire dal 2003, come “Giornata internazionale della montagna” (abbreviata con la sigla “IMD”) . La FAO è l’agenzia che coordina e organizza le celebrazioni e ha il compito di guidarla a livello globale.

Il decimo anniversario

In occasione del 10° anniversario dell’Anno Internazionale della Montagna, festeggiato nel 2012, la FAO ha avviato un riesame del concetto di International Mountain Day. L’obiettivo dell’IMD è il far crescere una maggiore consapevolezza sullo sviluppo sostenibile delle regioni montane. Molto è stato fatto nella sensibilizzazione in materia di sviluppo sostenibile, sia verso le istituzioni sia nei confronti di tutta la società civile.

Il tema di quest’anno

Le montagne coprono circa il 27 per cento della superficie terrestre (in Italia quasi la metà del territorio, il 47,5 per cento) e hanno un ruolo fondamentale nella crescita economica sostenibile.

Il tema scelto per l’edizione del 2018 è #MountainsMatter, con l’obiettivo di evidenziare la cruciale importanza rivestita dagli ecosistemi montani e la nostra dipendenza da essi. Le montagne, ci ricorda la Fao, forniscono tra il 60 e l’80 per cento di tutta l’acqua dolce a livello globale, tuttavia i cambiamenti climatici stanno riducendo drasticamente la superficie dei ghiacciai, mettendo a rischio l’approvvigionamento idrico.


Paolo Vannini

Laurea in scienze politiche, giornalista professionista dal 1998, ha lavorato nei quotidiani La Nazione e Il Giornale della Toscana (edizione toscana de Il Giornale), è stato responsabile dell'Ufficio comunicazione del Comune di Firenze, caporedattore dell'agenzia di stampa Toscana daily news, cofondatore e vice direttore del settimanale di informazione locale Metropoli. Ha lavorato presso l'Ufficio stampa di Confindustria Toscana, ha collaborato e collabora per diverse testate giornalistiche cartacee e on line - fra queste il Sole 24 ore centronord, Il Corriere Fiorentino (edizione toscana del Corriere della Sera), Radio Radicale - si occupa di uffici stampa e ghost writing.