Cultura & Spettacoli, Marliana  |  settembre 6, 2018

Marliana ricorda i quarant’anni della legge Basaglia

Un convegno sulla "180" che mise fine ai manicomi. L'evento a Panicagliora, organizzato dal Comune di Marliana con la collaborazione della Società della Salute Pistoiese, nei pomeriggi di sabato 8 e domenica 9. Previsti interventi sul tema, letture e performance oltre alla proiezione del documentario realizzato da Simone Cristicchi

di

Tempo di lettura: circa 1 minuti
La locandina dell'evento

MARLIANA – Nella ricorrenza del suo quarantennale, si svolgerà una due giorni dedicata alla Legge 180 – nota come “legge Basaglia” dal nome del suo principale ispiratore –  sulla chiusura definitiva dei manicomi. L’evento, organizzato dal Comune di Marliana con la collaborazione della Società della Salute Pistoiese, si svolgerà  nel contenitore commerciale di Panicagliora, in Via Mammianese.
Il programma di Sabato 8 prevede l’inizio dei lavori alla 16.30, con i saluti del sindaco Marco Traversari. Seguiranno gli interventi della presidente della Società della Salute Pistoiese Anna Maria Celesti e del direttore Daniele Mannelli sul tema “La salute mentale a 40 anni dalla Legge Basaglia nel nostro territorio” e di  Riccardo Romano, presidente del Consorzio CORI sull’esperienza di “Casa Luigi” nel Comune di Marliana. La giornata si concluderà con le letture di Maria Antonietta Magrini, insegnante e saggista, e con la proiezione del film documentario prodotto e realizzato da Simone Cristicchi, dal titolo “Dall’altra parte del cancello”.
Domenica 9 il convegno sarà nuovamente aperto dal sindaco Marco Traversari, alle 17.30, per proseguire con l’intervento di Simona Teatini, neuropsichiatra infantile, che parlerà di malattia mentale negli adulti e nei bambini.  A seguire ancora letture di Maria Antonietta Magrini e performance di Andreea Bacosca sulle note della canzone “Ti regalerò una rosa” di Simone Cristicchi. I lavori saranno coordinati da Sabrina Malerbi.


La Redazione

Con il termine La Redazione si intende il lavoro più propriamente "tecnico" svolto per la revisione dei testi, la titolazione, la collocazione negli spazi definiti e con il rilievo dovuto, l'inserimento di immagini e video. I servizi pubblicati con questa dizione possono essere firmati da uno o più autori oppure non recare alcuna firma. In tutti i casi la loro pubblicazione avverrà dopo un attento lavoro redazionale.