Cultura & Spettacoli  |  agosto 11, 2017

Letterappenninica rilancia: il prossimo anno il tema dell’acqua al centro della rassegna. E ancora nuove sinergie

Federico Pagliai, ideatore e direttore della rassegna, fa il bilancio della terza edizione: un successo che conforta, con oltre 1500 partecipanti e tantissime visite sui social. Ringrazia chi ha collaborato, anticipa il tema della edizione 2018 e guarda a nuove intese: "Visto il tema del prossimo anno per esempio Biblioterme di Montecatini". Probabile qualche ritocco nella formula: "Forse 30 eventi in soli 3 giorni sono troppi; magari sarà utile allungare il periodo così come sarebbe importante poter contare sull'aiuto di più volontari"

di

Tempo di lettura: circa 2 minuti
Uno dei tanti eventi di Letterappenninica
Uno dei tanti eventi di Letterappenninica

.SAN MARCELLO – “Un successo che ci compensa della fatica e consente di guardare oltre: all’edizione 2018, quando il tema riguarderà uno fra gli elementi fondamentali della vita sul quale le comunità di montagna hanno molto da dire, l’acqua”. Federico Pagliai, ideatore e direttore di Letterappenninica, non si limita al consuntivo dell’edizione appena conclusa (30 eventi fra il 4 e il 6 agosto in molte località dell’Appennino tosco-emiliano, tutte legate dal tema del cerchio), ma rilancia sull’anno prossimo anticipando il tema che unirà gli incontri basati, comunque, sulla centralità del libro: l’acqua come bene comune. Saranno anche tentate sinergie con altre rassegne culturali (“Per esempio Biblioterme di Montecatini” precisa Pagliai).

Qualche ritocco alla formula per il prossimo anno

Con un grazie a tutte le realtà che hanno consentito la rassegna (“Senza le forme di aiuto ricevute, da Comuni e sponsor privati, da pro loco e gruppi, da edicole e librerie, da singoli e comunità che hanno creduto nel progetto, non avremmo potuto farcela”), Pagliai sottolinea che “tutto, nella sostanza, ha funzionato e tutto confermato il valore dell’idea. Non sono mancati aspetti su cui noi stessi dovremo riflettere: forse 30 eventi in soli 3 giorni sono troppi; magari sarà utile allungare il periodo così come sarebbe importante poter contare sull’aiuto di più volontari. Ma siamo contenti per un risultato che non riguarda solo il dato numerico di chi ha partecipato agli incontri, diciamo nel complesso attorno alle 1.500 persone cui vanno aggiunte le tante migliaia di visite sui social, ma soprattutto l’idea di fondo: dare più voce alla montagna, sapendo unire ciò che spesso é diviso, anche attraverso la cultura, i libri, il pensiero”.

Gli eventi clou

Fra gli eventi clou, sono ricordati gli incontri con Francesco Moser e su Zeno Colò, il premio giornalistico “Paolo Bellucci” quest’anno consegnato al documentarista Davide Demichelis con il coinvolgimento dei bambini di Gavinana, la scelta di puntare sul teatro con il Vajont dal libro di Mauro Corona, gli incontri con Tiziano Fratus e Franco Arminio, la riscoperta di personaggi locali capaci di interessare un pubblico addirittura nazionale (come sta accadendo con il “pioniere della mountain bike”, Armando Manzani, ora balzato agli onori nazionali grazie ad alcuni articoli di Marco Pastonesi). Di tutto rilievo il “gemellaggio” con le comunità terremotate del reatino.

Il gruppo di Letterappenninica – conferma lo scrittore – “entro agosto si riunirà per una prima analisi con le luci e le ombre di questo 2017 e per iniziare il cammino verso l’edizione 2018, con l’attualissimo tema dell’acqua. Chi ha voglia di dare una mano e di farsi coinvolgere, non ha che da farlo presente”.


La Redazione

Con il termine La Redazione si intende il lavoro più propriamente "tecnico" svolto per la revisione dei testi, la titolazione, la collocazione negli spazi definiti e con il rilievo dovuto, l'inserimento di immagini e video. I servizi pubblicati con questa dizione possono essere firmati da uno o più autori oppure non recare alcuna firma. In tutti i casi la loro pubblicazione avverrà dopo un attento lavoro redazionale.