Ambiente, Pistoia  |  agosto 27, 2017

“Diamo da mangiare a due cinghiali nel prato dietro casa. Ed è tutto molto tranquillo”

Protagonista una coppia che vive al Malandrone, fra Le Piastre e Pontepetri, lungo via Modenese. Da alcuni giorni sentivano rumori più insistenti e i cani abbaiavano più del solito. Poi hanno cominciato a vederli e a dar loro anche da mangiare. Senza alcun problema. Come dimostrano le immagini

di

Tempo di lettura: circa 1 minuti
IMG_3443

MALANDRONE (PISTOIA) – “Era da qualche giorno che sentivamo i cani abbaiare in modo strano e più del solito. Poi, ieri l’altro, una coppia di cinghiali sono venuti per la prima volta sotto casa e da due giorni ormai hanno familiarizzato con noi”. Proprio così, non è la favola di mezz’estate ma una piccola storia ancora in corso, perché sta succedendo nelle ore nelle quali la raccontiamo. O meglio la raccontano i diretti interessati, Lamberto e Lilli Conti, che vivono lungo via Modenese, in località Malandrone, fra Le Piastre e Pontepetri.

Dietro la loro abitazione c’è un grande prato e poco più in là il torrente Reno. Le foto e le immagini di questa mattina, domenica 27 agosto, testimoniano non soltanto l’avvicinamento degli animali all’abitazione ma anche il cibo che ricevono direttamente dalle mani di Lamberto. Il Conti lascia cadere a terra un po’ di cibo e i due ungulati si avvicinano e lo mangiano, tranquillamente. Poi si muovono nei paraggi della casa, si allontanano e ritornano. “Non era mai successo – spiega Lilli -. Sulle prime Lamberto li ha avvicinati facendo attenzione ma poi è stato tutto molto naturale. Non hanno paura di noi. Adesso li vedo lungo il fiume, al fresco, bevono e si riposano un po’ credo. Magari più tardi ritornano.”. E magari pure nei prossimi giorni, chissà. Difficile dire quanto duri questa insolita compagnia. Per ora funziona.


La Redazione

Con il termine La Redazione si intende il lavoro più propriamente "tecnico" svolto per la revisione dei testi, la titolazione, la collocazione negli spazi definiti e con il rilievo dovuto, l'inserimento di immagini e video. I servizi pubblicati con questa dizione possono essere firmati da uno o più autori oppure non recare alcuna firma. In tutti i casi la loro pubblicazione avverrà dopo un attento lavoro redazionale.