L'intervista  |  maggio 26, 2017

Pagliai, la settima fatica è un“noir” magico e surreale

In uscita “La Figlia della Colpa”, il nuovo libro dello scrittore della Montagna Pistoiese. Che spiega l'approdo al nuovo genere e i tanti cambiamenti rispetto alle opere precedenti. Nel testo tracce di esoterismo, storie di sesso e di amore. “I personaggi vagano tra bene e male, vizio e virtù, dolcezza di animo e ferocia”. Sabato 27 la presentazione in anteprima a San Marcello

di

Tempo di lettura: circa 2 minuti
Pagliai cover 2017:Layout 1

 

SAN MARCELLO – Si intitola “Figlia della Colpa”, viene edito dalla Pendragon di Bologna, è dedicato “agli innocenti” e sarà disponibile in tutte le librerie nazionali a partire dall’8 giugno prossimo. L’ autore, Federico Pagliai, presenterà, però, questa sua ultima pubblicazione in anteprima domani, sabato 27 maggio alle 17.30, nella Sala Coop di San Marcello Pistoiese, assieme a Manlio Monfardini e Pia Benedetto. Abbiamo intervistato Pagliai Federico per capire di cosa parla questo libro che, già dal titolo e dalla copertina, suscita molta curiosità.

Federico, partiamo proprio dal titolo: perché “ Figlia della colpa”. E chi è?

“Dirtelo ora, così all’inizio, mi pare prematuro. Quello che ti dico è che non è detto che ‘Figlia della colpa’ sia una persona fisica. Magari lo è, ma può anche darsi che si tratti di un sentimento che, nel libro, tutti si affaccendano a tenere nascosto, perché la colpa esiste solo quando qualcuno si accorge che ce l’hai”

Dalla copertina si evince che si tratta di un romanzo. Che genere di romanzo?

“ Si. E’ un romanzo noir, ma non un giallo. E’ una narrazione esoterica, magica e surreale e dove c’è anche del sesso e storie di amore. I personaggi vagano in continuo rimescolio tra bene e male, buono e cattivo, vizio e virtù, bello e brutto, dolcezza di animo e ferocia. E’ il mio settimo libro, ma con ‘La Figlia della Colpa’ mi sembra di essere alla prima pubblicazione! Rispetto ai precedenti, ci sono grossi cambiamenti: nella forma letteraria, nella collocazione temporale non più rivolta al passato ma in un immaginato e prossimo futuro, nelle misteriose dinamiche e ruoli dei tanti personaggi, nel valore che essi danno ‘al caso’ e altro ancora. In comune con gli altri testi, questo nuovo libro ha solo l’ ambientazione in montagna, su questa montagna, e lo scrivere semplice: da bosco, paese e strada”

Sulla quarta di copertina c’è scritto che il male dilagherà. C’è da aver paura a leggere un libro così?

“ Tra i vari sentimenti che ci sono nel libro, quello della paura è forse uno dei più presenti. Ha tante sfaccettature e ogni personaggio vive e trasmette la propria: c’è chi la combatte, chi vi si adegua, chi la trasforma in vigliaccheria. Quanto al male, c’è anche quello. Esiste il male, e far finta che non esista è ipocrisia. Tanto vale raccontarlo, allora. A maggior ragione, quando poi la gente ne è attratta. Qui, in questo libro – ma anche in tanti casi della vita reale – il male prende il sopravvento perché è saltato l’ equilibrio tra esso e il bene: è con il dilagare del male che arriva la pazzia collettiva”

Insomma, un po’ come diceva Vasco Rossi quando cantava che vivere è tutto un equilibrio sopra la follia.

“ E quando salta un equilibrio, tutto è possibile. Anche che si avverino storie come quelle scritte in questo libro”.


La Redazione

Con il termine La Redazione si intende il lavoro più propriamente "tecnico" svolto per la revisione dei testi, la titolazione, la collocazione negli spazi definiti e con il rilievo dovuto, l'inserimento di immagini e video. I servizi pubblicati con questa dizione possono essere firmati da uno o più autori oppure non recare alcuna firma. In tutti i casi la loro pubblicazione avverrà dopo un attento lavoro redazionale.