Marliana, Nuovi progetti, San Marcello  |  novembre 28, 2016

Referendum costituzionale, la Montagna si interroga

A Maresca Tania Groppi, docente di diritto pubblico all’Università di Siena, ha spiegato la riforma in un incontro organizzato dal Comitato per il “sì”. Confutata la tesi di un Parlamento eletto con una legge anticostituzionale e dell’eccessivo concentramento di poteri nelle mani del Governo. A Marliana confronto fra il senatore Andrea Marcucci (sì) e il deputato Nicola Fratoianni (no) nella suggestiva cornice della chiesa. Buona partecipazione di pubblico in entrambe le occasioni

di

Tempo di lettura: circa 3 minuti
Il dibattito sulla riforma costituzionale nella chiesa di Marliana
Il dibattito sulla riforma costituzionale nella chiesa di Marliana

 

MARESCA – Un incontro pubblico a Maresca, organizzato dal Comitato montano per il sì, nel quale la docente di Diritto Pubblico all’Università di Siena, Tania Groppi, ha dettagliatamente spiegato il contenuto della proposta di riforma costituzionale che sarà sottoposta a referendum domenica prossima, 4 dicembre. A meno di una settimana dal voto il comitato per il sì, costituito in montagna e composto da 25 membri, ha deciso di invitare un’esperta, una studiosa che in passato ha fatto parte di importanti organi di livello nazionale preposti a studiare la nostra Costituzione. Obiettivo dell’incontro, fare chiarezza sui temi più dibattuti e controversi. Le spiegazioni non sono mancate nell’esposizione della professoressa Groppi, che oltre a soffermarsi su i vantaggi che la riforma porterà, ha commentato con particolare efficacia quei punti di proposta di cambiamento che hanno alle spalle il giudizio della Corte Costituzionale, ma che i sostenitori del no considerano incostituzionali: un esempio è la tesi che il Parlamento in carica sia stato eletto con una legge dichiarata incostituzionale quindi che la riforma sia illegittima. La relatrice ha detto senza mezzi termini che questa affermazione è falsa perché la Corte ha chiaramente risposto sul punto. Ad uguale conclusione la relatrice è giunta a proposito dell’affermazione che sostiene che la riforma aumenti i poteri del Governo perché questo punto non è toccato dalla riforma e quindi nessun pericolo di concentrazione di poteri. Poi molto si è dilungata sulle nuove funzioni del Senato e sui meccanismi di elezione dei suoi membri, arrivando alla conclusione che forse era opportuno non mantenere il nome di Senato a questo organo che ha funzioni assolutamente diverse da quello attuale.

DSCN7813 Il pubblico intervenuto al dibattito di Maresca

Il dibattito è stato vivace e molte le domande rivolte all’esperta, come quella riguardante specificatamente i problemi della Montagna, ovvero l’attuale articolo 44 della Costituzione che testualmente recita “la legge dispone provvedimenti a favore delle zone montane”, mai concretamente “disposti”, a detta di chi ha posto la domanda. La risposta è stata chiara: con la riforma la competenza di “disporre” passerà alle Regioni che saranno in grado di decidere.

Sauro Romagnani

 

MARLIANA – Nei giorni scorsi, nella suggestiva scenografia regalata dalla Chiesa di Marliana, si sono confrontati il senatore Andrea Marcucci e il deputato Nicola Fratoianni, per spiegare alla popolazione le ragioni del sì e quelle del no in merito alla riforma costituzionale, per la quale si voterà nel referendum del 4 dicembre. Marcucci a favore del sì e Fratoianni del no, moderati dal giornalista de La Nazione, Andrea Nannini, hanno dato vita a uno scontro corretto fin nel rispetto dei minuti assegnati. Il confronto, organizzato da Don Alessandro Carmignani, padrone di casa equidistante quanto fermo nel far capire che non si sarebbe trattato di uno scontro ma di un confronto. Marcucci e Fratoianni, fatte salve le inevitabili stoccate sull’eterogeneità dei rispettivi schieramenti, sono realmente entrati nel vivo dei temi del dibattito e, gli intervenuti hanno così potuto capire, pur nella ristrettezza dei tempi, cosa muove gli opposti schieramenti a difendere, spesso con toni accalorati, la loro scelta. Tra il pubblico anche alcuni dei richiedenti asilo che hanno posto alcune domande. Insomma, un confronto a cui non siamo più abituati, dove senza alcun dubbio ha vinto la buona politica, quella con una reale volontà di capire quali saranno gli scenari post voto.

IMG-20161121-WA0000 Da sin. Fratoianni, Nannini e Marcucci

Andrea Nannini


La Redazione

Con il termine La Redazione si intende il lavoro più propriamente "tecnico" svolto per la revisione dei testi, la titolazione, la collocazione negli spazi definiti e con il rilievo dovuto, l'inserimento di immagini e video. I servizi pubblicati con questa dizione possono essere firmati da uno o più autori oppure non recare alcuna firma. In tutti i casi la loro pubblicazione avverrà dopo un attento lavoro redazionale.