Cultura & Spettacoli, Pistoia  |  maggio 11, 2019

Capitale mondiale del libro 2021, Pistoia unica città italiana candidata al titolo

La presentazione del sindaco questo pomeriggio, sabato 11 maggio, nella San Giorgio, durante i festeggiamenti per il dodicesimo anno della biblioteca. Ieri la candidatura è stata illustrata al Salone del Libro di Torino. Tanti i sostegni di enti e associazioni alla scelta di Pistoia. Il prestigioso riconoscimento viene assegnato dall'Unesco ogni anno, a partire dal 2001. Torino l'unica città italiana ad esserselo aggiudicato. A luglio la proclamazione della città prescelta

di

Tempo di lettura: circa 2 minuti

PISTOIA – Il sindaco di Pistoia, Alessandro Tomasi, oggi pomeriggio, alle 15.30 nella biblioteca San Giorgio – in occasione dei festeggiamenti per il dodicesimo compleanno della struttura di via Pertini – ha presentato ufficialmente la candidatura di Pistoia a Capitale mondiale del libro edizione 2021. Il prestigioso riconoscimento viene assegnato ogni anno da un apposito comitato internazionale Unesco alla città riconosciuta capace di esprimere un programma innovativo ed efficace per la promozione del libro e la diffusione della lettura. La candidatura è stata presentata ieri, venerdì 10, al Salone del Libro di Torino, nel padiglione della Regione Toscana

Finora solo Torino fra le italiane

Dal 2001, anno di nascita di questa competizione internazionale, in Italia solo Torino ha ricevuto tale riconoscimento nel 2006. Le altre città vincitrici (Atene, Kuala Lumpur, Montreal, Bogotà, Nuova Delhi, Bankok, tanto per ricordarne solo alcune) sono tutte città molto grandi.

Le caratteristiche di Pistoia

Sebbene Pistoia sia una realtà di medie dimensioni, ha voluto comunque presentare la propria candidatura, ritenendo che fosse utile provare a tradurre le tantissime attività che ruotano attorno alla lettura in città, in una mappa leggibile e in grado di esprimere un’idea convincente e innovativa di promozione della lettura e del libro.

San Giorgio e Forteguerriana al centro

Al centro di questa mappa è stato collocato il lavoro della biblioteca San Giorgio e della biblioteca Forteguerriana, progressivamente allargato alle biblioteche della rete di cooperazione e ai tanti soggetti con cui le istituzioni culturali cittadine hanno attivato collaborazioni fuori e dentro Pistoia, come editori, autori, traduttori, librai e anche altre istituzioni e associazioni culturali, singoli cittadini, imprese, enti.

Il sostegno alla candidatura

Attorno a questo progetto, che di fatto descrive ciò che già accade a Pistoia, il Comune ha raccolto il sostegno ideale delle principali associazioni di categoria di livello nazionale (l’Associazione Italiana Biblioteche, l’Associazione Italiana Editori, l’Associazione Piccoli Editori, l’Associazione Librai Italiani), l’Anci, la Regione Toscana e soprattutto la Commissione Italiana Unesco, che ha formalmente sostenuto la candidatura.

A luglio la proclamazione del vincitore

Il primo luglio 2019 dalla sede centrale di Parigi dell’Unesco sarà reso noto il nome della città designata, che sarà sostenuta da uno speciale gruppo di lavoro Unesco per impiegare al meglio i due anni prima della nomina al fine di mettere a punto il programma effettivo di attività.


La Redazione

Con il termine La Redazione si intende il lavoro più propriamente "tecnico" svolto per la revisione dei testi, la titolazione, la collocazione negli spazi definiti e con il rilievo dovuto, l'inserimento di immagini e video. I servizi pubblicati con questa dizione possono essere firmati da uno o più autori oppure non recare alcuna firma. In tutti i casi la loro pubblicazione avverrà dopo un attento lavoro redazionale.