Cultura & Spettacoli, Pistoia  |  agosto 13, 2018

Torna “Pracchia in musica”, concerti di classica e non solo. Tra scoperte e tradizione

La quinta edizione, diretta ancora dal professor Alberto Spinelli, caratterizzata da una forte presenza femminile. Giovedì 16 il primo appuntamento nella chiesa di San Lorenzo. Domenica 19 il secondo evento porta la manifestazione per la prima volta a Orsigna. Il 23 e 26 agosto gli altri due spettacoli. Il programma nei dettagli

di

Tempo di lettura: circa 7 minuti
Le protagoniste del primo concerto, giovedì 16 agosto a Pracchia

PRACCHIA (PISTOIA) – Tornano, da giovedì 16 agosto, i concerti di Pracchia in Musica, rassegna di musica classica, ma non solo. Giunta alla sua quinta edizione,e sempre con la direzione artistica di Alberto Spinelli, pianista, direttore, docente del Liceo musicale A. Bertolucci di Parma, “Pracchia in Musica” quest’anno si realizza anche grazie alla collaborazione con Transapp, l’associazione per la valorizzazione della ferrovia Porrettana. Per questo, a quanti del pubblico verranno ai concerti utilizzando il treno, sarà consegnato un piccolo ricordo dell’iniziativa (fino a esaurimento scorte).

La collaborazione con Transapp

“Ci sembra bello collegare le potenzialità di un’attività culturale della montagna ad un mezzo di trasporto che ha innervato e innerva un territorio ricco di natura e storia – dice il direttore artistico -. Un treno per viaggiare, per conoscere questi luoghi, per ascoltare i concerti di Pracchia in musica che, nella valorizzazione e rilancio culturale della montagna, si può avvalere di un mezzo di trasporto suggestivo, naturale e rispettoso dell’ambiente”. Giancarlo Capecchi, presidente dell’associazione Transapp commenta: “Il nostro impegno è tutto volto alla promozione dell’Appennino, luogo ricco di potenzialità, ancora da scoprire. Siamo partiti dal treno, ma abbiamo organizzato tante altre iniziative, sempre per far conoscere questo territorio bellissimo e ricco di molteplici risorse che ci derivano da un passato di eccellenza, guardando verso il futuro. In quest’orizzonte s’inseriscono anche i concerti di Pracchia in Musica”.

Pracchia in Musica sarà quest’anno vedrà una forte presenza delle donne, nei programmi, con brani di rara esecuzione di compositrici, e tra le interpreti.

La “prima” giovedì 16

Da sinistra Chiara Cattani e Arianna Lanci

Il primo concerto, giovedì 16 agosto, nella chiesa di San Lorenzo a Pracchia (inizio ore 17,30, ingresso libero) s’intitola Sul filo degli affetti: Arianna e l’universo femminile e avrà come protagoniste Arianna Lanci, mezzosoprano, e Chiara Cattani, clavicembalo e fortepiano. Spiega Arianna Lanci: “Il programma prende avvio con il celebre lamento monteverdiano (Lamento di Arianna), che impose definitivamente il genere ‘lamento’ come uno dei ‘topoi’ più amati del teatro per musica, per poi riscoprire una cantata da camera di Alessandro Scarlatti in cui Arianna assume i tratti di una donna smarrita e spaesata, preda della passione più furente, ma capace infine di un autentico perdono per ristabilire una serenità d’animo risanatrice della rabbia e della disperazione nel trionfo di un sentimento amoroso estremo e totale. Altra situazione emotiva è quella dipinta entro un orizzonte musicale completamente diverso nella cantata di Haydn (Arianna a Naxos), in cui Arianna, trasognata e inconsapevole, prende solo gradualmente coscienza della sua condizione di abbandono vivendo un susseguirsi di passioni che sfociano nella rabbia e nel desiderio di vendetta del brano finale”.

Non ci sarà solo il canto. Racconta la clavicembalista Chiara Cattani: “Al canto delle diverse Arianne, si alterna una sezione strumentale dedicata a due compositrici donne, vere e proprie perle rare all’interno di un universo musicale quasi esclusivamente maschile: Elisabeth-Claude Jacquet de la Guerre e Anna Bon. Nata a Parigi nel 1666, Elisabeth-Claude Jacquet de la Guerre fu clavicembalista, organista e cantante virtuosa presso la corte del Re Sole, ma anche musicista indipendente al di fuori dall’ambiente regale. Vissuta invece nel pieno Settecento, Anna Bon, bolognese di origine, studiò viola a Venezia all’Ospedale della Pietà per poi lavorare, così come Haydn, presso la famosa corte degli Esterhazy”.

La prima volta di Orsigna

Quest’anno per la prima volta, la rassegna è presente all’Orsigna. Domenica 19 agosto, nella chiesa di S. Atanasio all’Orsigna, ore 20,30, suonerà il Duo Alchimia, Alessandra Ziveri e Alice Caradente, arpe. Arpe e dame, arpe e regine: i salotti parigini degli ultimi decenni dell’Ancien Régime risuonavano di dolci melodie plasmate dalle mani di fanciulle aristocratiche. Introdotta nella capitale dal tedesco Goepfert negli anni ’50 del Settecento, l’arpa divenne lo strumento alla moda, la stessa Maria Antonietta seguì questa moda una volta giunta a Parigi: imparare a suonare l’arpa fu per lei un mezzo importante per diventare autenticamente francese.

Tra i numerosi compositori dell’epoca che scrissero duetti per duo di arpe vi furono Hinner, Cardon e Naderman. Alla musica di questi autori è dedicato l’ultimo cd registrato dal Duo Alchimia, che ha lo stesso titolo della serata The Queens’ Harp. E proprio le loro musiche, raffinate e aristocratiche, saranno eseguite per Pracchia in Musica.

Entrambe laureate al Conservatorio di Musica “A. Boito” di Parma, Alice Caradente ed Alessandra Ziveri hanno fondato il duo d’arpe “Alchimia” con l’intento di proporre al pubblico un repertorio ampio, a volte inedito, a volte dimenticato. Dopo aver seguito Master e Corsi con docenti di fama internazionale, hanno approfondito questo tipo di repertorio cameristico ricercando ed eseguendo composizioni originali e trascrizioni, affrontate con profonda perizia stilistica. Hanno inciso il disco “Parafrasi Verdiane” edito da Cactus, interamente dedicato agli autori della scuola arpistica italiana dell’800 che composero appositamente per la formazione cameristica del duo d’arpe fantasie, divertimenti, pot-pourrì sulle arie più amate da Giuseppe Verdi. Hanno tenuto concerti per prestigiosi festival e rassegne: tra i più recenti il Festival di Bellagio e del Lago di Como, la Società dei Concerti di Milano, la Stagione Concertistica Bellunese, il Verdi Festival di Parma. Come Duo collaborano con diverse orchestre, strumentisti ed ensemble. Sono attive in ambito didattico insegnando Arpa e discipline musicali in scuole di Parma, Reggio Emilia e provincia.

Il terzo appuntamento giovedì 23

Di tutt’altro carattere il terzo appuntamento, di nuovo a Pracchia, nel Salone della Misericordia. Giovedì 23 agosto, ore 17,30, il Bertolucci Young Stick Ensemble, formato dai migliori allievi della classe di percussioni del Liceo A. Bertolucci di Parma, capitanato dal loro insegnante, Roger Catino, direttore, concertista, compositore, presenterà un concerto di musiche eseguite con una folta rappresentanza della famiglia degli strumenti a percussione. Si tratta di una famiglia che conta un numero impressionate di strumenti, suonati con le tecniche più diverse, dal piccolo triangolo ai maestosi timpani, dallo xilofono al gong. Qui la dimensione ritmica è preminente, ma ci sono anche strumenti che sfoggiano virtuosismi melodici davvero complessi. In programma brani da musical, colonne sonore e qualche pagina del repertorio classico rivisitata, per l’occasione, in modo assai originale.

Roger Catino si diploma giovanissimo in strumenti a percussione / timpani, con il massimo dei voti, sotto la guida del professor Stefano Cantarelli, in Composizione con il massimo dei voti sotto la guida del M° Giorgio Tosi e in Direzione d’orchestra con il M° Pietro Veneri al conservatorio “A. Boito “ di Parma. Si diploma a pieni voti in direzione d’orchestra all’Accademia superiore Pescarese con il M° Donato Renzetti. Ha collaorato e collabora con numerosi enti lirici e sinfonici: Orchestra Sinfonica Nazionale della RAI, Orchestra del Teatro la Fenice di Venezia, Orchestra del Teatro Maggio Musicale Fiorentino, Orchestra della Radio Svizzera Italiana e altre. Collabora con importanti gruppi di musica da camera. È docente di percussioni al Liceo “A. Bertolucci” di Parma. Dal 2003 è preparatore e direttore del coro Gospel “Cake & Pipe” e dal 2005 collabora come direttore d’orchestra con la compagnia d’operetta di Corrado Abbati. Nel 2007 ha collaborato, come esecutore e compositore, nella realizzazione dell’ultimo CD dei Percussionisti della RAI. Nel medesimo anno si è esibito al teatro alla Scala nella rassegna “J. Cage” con i “Percussionisti della Scala”. Nel 2015 arrangia e dirige le musiche dell’operetta “Al Cavallino bianco” per la compagnia di Corrado Abbati.

La chiusura con il trio pianistico

Domenica 26 agosto, nella chiesa di San Lorenzo a Pracchia, ore 17,30, chiude la rassegna il Trio Pianistico di Bologna che presenta “Piano tour. Musiche per pianoforte a 6 mani”. Il Trio, formato da Silvia Orlandi, Alberto Spinelli, Antonella Vegetti, che aveva già raccolto un notevole successo di pubblico tre anni, fa, torna con un nuovo programma nel quale alterna pagine di grandi autori (Czerny, Rachmaninov, appositamente scritte per quest formazione) a trascrizioni, a brani appositamente arrangiati per il Trio Pianistico di Bologna. Alternando repertorio classico e brani di carattere più brillante il Trio intende offrire un “viaggio” musicale all’interno delle potenzialità del rarissimo gruppo a 6 mani.

Tutti i concerti sono a ingresso libero

Per informazioni

Alberto Spinelli. Email:[email protected] Pagina Facebook: ww.facebook.com/pracchiainmusica. Canale Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCC6rSPMy2Ol6XqN2_Z6dtdQ


La Redazione

Con il termine La Redazione si intende il lavoro più propriamente "tecnico" svolto per la revisione dei testi, la titolazione, la collocazione negli spazi definiti e con il rilievo dovuto, l'inserimento di immagini e video. I servizi pubblicati con questa dizione possono essere firmati da uno o più autori oppure non recare alcuna firma. In tutti i casi la loro pubblicazione avverrà dopo un attento lavoro redazionale.