Ambiente, Pistoia  |  agosto 4, 2017

La strada regionale 66 è abbandonata: il “caso” sulla scrivania del presidente Rossi

Lettera della Pro loco di Cireglio al numero uno della Regione, al presidente della Provincia e al sindaco di Pistoia. La denuncia riguarda il tratto da Ponte Calcaiola a Le Piastre ma le condizioni restano le stesse anche in quello successivo: erbacce e vegetazione che si sporge dai lati, asfaltature incomplete, le cunette laterali di ricezione delle acque piene di detriti e foglie, guard rail di protezione che mancano. "Chiediamo una manutenzione ordinaria. Ma gli interventi devono essere urgenti"

di

Tempo di lettura: circa 2 minuti
Un tratto della strada regionale 66 fra Cireglio e Le Piastre
Un tratto della strada regionale 66 fra Cireglio e Le Piastre

CIREGLIO (PISTOIA) – “Da due anni il taglio dell’erba non viene eseguito dalla Provincia di Pistoia“; i bordi della strada sono pieni di “erbacce e molta vegetazione infestante si sporge sulla sede stradale pregiudicando anche la sicurezza “; le asfaltature “sono rimaste incomplete”; la strada diventa un fiume quando piove perché “le cunette laterali non vengono ripulite da tempo”. E l’elenco non si esaurisce qui. Sono le condizioni nelle quali versa la statale 66, via Modenese, nel primo tratto che da Ponte Calcaiola arriva fino a Le Piastre, che hanno spinto la Pro loco di Cireglio “Pieve di Brandeglio” a scrivere alla massima autorità istituzionale della Regione, il presidente Enrico Rossi. La strada versa in queste condizioni da “Ponte Calcaiola km 40+500 fino alla località Le Piastre km 47+500 circa ma anche nel restante tratto della SR 66 le cose non cambiano”, scrive il il consiglio della Pro loco ciregliese a Rossi e, per conoscenza, al presidente della Provincia e al sindaco di Pistoia. E probabilmente la stessa cosa potrebbero scrivere molte alte Pro loco vicine, così come molti singoli cittadini. Anche alla Voce della montagna sono giunti solleciti a denunciare lo stato in cui versa questa strada, in un tratto peraltro successivo a quello della missiva in questione, ovvero da Le Piastre a Pontepetri: “Percorro quella strada ogni giorno per andare a lavoro – ci scrive una lettrice di recente ma non è l’unica a sollevare il problema -. E ogni mattina non posso fare a meno di notare lo stato di abbandono della carreggiata e sopratutto dei cigli in entrambe le direzioni. L’erba e gli arbusti stanno invandendo il manto asfaltato e le cunette di ricezione delle acque piovane sono piene di terra e detriti vari”.

Insomma, un disastro, almeno fino a Pontepetri, verrebbe da dire. Ma le cose continuano fino al “capolinea” della 66, alla Lima, dove la regionale cambia nome e padrone: da lì all’Abetone diventa statale 12. “Questa strada come Lei ben sa conduce all’Abetone – scrive ancora la Por loco di Cireglio a Rossi – ed ha un notevole traffico di autoveicoli e mezzi pesanti, (oltre trecento passaggi giornalieri di autoarticolati) sono frequenti i sinistri di veicoli che vanno ad urtare muretti o barriere di protezione provocandone il parziale crollo, gli stessi rimangono in condizioni precarie senza essere riparati da anni”.

La lettera è inviata, adesso si attende un risposta di Rossi. La speranza è una “inversione di tendenza” per tornare a “fare una manutenzione ordinaria adeguata all’importanza della strada”. La Provincia non ha risorse, ma è “urgente provvedere in merito”, conclude la Pro loco. Che serva qualche provvedimento eccezionale?


La Redazione

Con il termine La Redazione si intende il lavoro più propriamente "tecnico" svolto per la revisione dei testi, la titolazione, la collocazione negli spazi definiti e con il rilievo dovuto, l'inserimento di immagini e video. I servizi pubblicati con questa dizione possono essere firmati da uno o più autori oppure non recare alcuna firma. In tutti i casi la loro pubblicazione avverrà dopo un attento lavoro redazionale.