La crisi climatica e il dissesto idrogeologico

di

Eventi drammatici come l'ultima alluvione delle Marche non sono più eccezioni e si ripeteranno sempre di più. Bisognerà conviverci. E adottare decisioni conseguenti. A partire dalla tutela del territorio: è necessario creare casse di espansione per i fiumi, ripristinare le sistemazioni idraulico agrarie a partire dagli ambienti montani e collinari, fermare la corsa al consumo di suolo e alla sua cementificazione

LA RIFLESSIONE/ La Montagna come Terapia

di

La montagna è scrigno d’emozioni: la quiete è sorprendente, persino irreale. Si può esserne conquistati, rapiti ma bisogna apprezzarla e rispettarla. Quest’agosto è stato catastrofico. Non ho mai vissuto un mese così tragico, fra liti e insulti. Per non parlare della guerra ai mirtilli con tanto di ruberie di cesti altrui, violenze e percosse tra raccoglitori. Le chiamate al 118 e al soccorso alpino si sono sprecate, rasentando il ridicolo. Ho visto il peggio, quest’autunno, cavalcare piazze e crinali del nostro Appennino. Ho compreso che siamo più soli e impauriti, dopo la pandemia quasi superata e una guerra alle porte che riguarda tutto il mondo


Forest Sharing, una soluzione ai boschi abbandonati

di

Intervista a Yamuna Giambastiani, a 2 anni dalla nascita della startup di giovani legati all'Università di Firenze. Nella comunità di Forest Sharing italiana ci sono 650 proprietari e 15.000 ettari di boschi. La Toscana fra le prime regioni. Una migliore forma di condivisione dei dati catastali aiuterebbe molto la gestione del territorio. L'importanza di riportare la gestione forestale all’interno della famiglie e delle comunità

L'epoca delle emergenze infinite

di

Da ormai 50 anni e più in ogni stagione dell'anno si grida ai disastri: bombe d'acqua, frane, alluvioni, siccità, incendi, esondazioni, erosioni. Gli effetti di tutti questi fenomeni sono enormemente amplificati da varie inadempienze e mancati interventi. La grande siccità da acquedotti "colabrodo" e dalla mancata realizzazione di piccoli e piccolissimi invasi. Gli incendi dall'incuria generalizzata dei boschi. Le bombe d'acqua dall'abbandono del reticolo secondario dei corsi d'acqua e dell'intero territorio montano. Le trombe d'aria da una gestione poco accorta degli alberi in prossimità di strade o centri abitati

Arum festival, un'immersione totale nella natura. E la montagna torna protagonista

di

Dal 4 al 7 agosto nei boschi dell'Orsigna una fitta serie di eventi. Un incontro per ogni giornata con relatori provenienti da tutta Italia. E poi appuntamenti con yoga, meditazione e rigenerazione, laboratori per bambini e famiglie, trekking, passeggiate narrate e tematiche, immersioni forestali, seminari dedicati alla nutrizione e al benessere, proiezioni e presentazioni di libri. Gli organizzatori: "La montagna può e deve tornare ad essere un luogo abitato. Di montagna si può vivere"

Thrashed Abetone-Montagna Pistoiese, tante voci per un progetto che unisce

di

Un successo l'edizione 2022 con i bambini protagonisti. Le impressioni di alcuni partecipanti dell'iniziativa. Dalla raccolta nei fiumi e nei grotti di rifiuti risalenti agli anni 70 (!) alla visita incuriosita dei più piccoli ad un'azienda agricola di Calamecca che si prende cura delle api. Su tutto l'"effetto rete” che si è creato grazie alla partecipazione di tanta gente e tante associazioni della montagna

La nascita dei G.A.L. per favorire la competitività agricolo forestale delle aree montane

di

Alla scoperta dei Gruppi di Azione Locale e in particolare di quello MontagnAppennino, formato da una cordata di enti pubblici, aziende private e associazioni dei territori montani. La presidente Marina Lauri: “La strategia di sviluppo incentrata sulla connessione tra pubblico e privato”. Agricoltura, turismo, artigianato, commercio e cultura i settori privati beneficiari. Tra quelli pubblici rinnovamento dei villaggi, infrastrutture turistiche e cultura