"Il nostro no alla nuova funivia Doganaccia – Corno alle Scale"

di

Intervista a Massimo Bizzarri, presidente del CAI Emilia Romagna. "La stazione invernale del Corno dovrebbe essere resa più efficiente, senza costosi ampliamenti". E lo sci da discesa? "E' importante ma non possiamo considerarlo l'unica fonte di reddito. E' ormai un mercato maturo in lenta ma costante flessione". C'è poi il riscaldamento globale "che ha già alzato la linea delle nevi". Le alternative per il turismo invernale? "L'escursionismo con racchette da neve o ramponi, l'arrampicata su ghiaccio, lo scialpinismo"



La promozione del territorio passa per la Memoria storica

di

In fase di progettazione un tracciato escursionistico di 175 km che coinvolge 32 Comuni delle province di Bologna e Modena, promosso da GAL, Unione Appennino e Destinazione turistica. Previsti interventi per 240.000 euro. Tra questi: un sito web, una cartoguida, una mappa, pannelli illustrativi e la riqualificazione di itinerari per il trekking. La Memoria storica di quei tragici anni di guerra diventa strumento per la promozione del territorio

Un premio Nobel per l’Appennino

di

Grande riconoscimento internazionale per il parco nazionale Foreste casentinesi: è la terza area protetta italiana inserita dall'IUCN nella “Green List” mondiale. Il presidente Luca Santini: "Un Nobel della natura mondiale. E' un importante traguardo ma, allo stesso tempo, il punto di partenza per la salvaguardia del patrimonio forestale e per la valorizzazione di un territorio"

Uomo e Foreste: una convivenza possibile e necessaria

di

Le foreste sono complessi sistemi adattativi che, per svilupparsi stabilmente, necessitano di Spazio e Tempo. Troppo spesso però l'intervento dell'Uomo è dannoso per la vita delle foreste. Il cambiamento globale e le nuove sfide per il futuro del Pianeta richiedono un deciso mutamento dei criteri e dei metodi di gestione forestale. Di questi argomenti abbiamo parlato con Alessandro Bottacci, professore di “Nature Conservation” presso l’Università di Camerino e direttore del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi.

Riserva MAB appennino una cassaforte di risorse umane e naturali

di

La Riserva di Biosfera UNESCO dell'Appennino Tosco-Emiliano è stata istituita nel 2015. Recentemente è stato avviato l'iter di ampliamento che la porterà ad includere 80 Comuni su 3 Regioni (Toscana, Emilia e Liguria). L'esistenza della Riserva MAB ("Man and the Biosphere") rappresenta una grande opportunità per la tutela e la valorizzazione del territorio. L'intervista a Fausto Giovanelli, presidente del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano e coordinatore della Riserva della Biosfera

Una mostra, un libro e una buona azione

di

Bilancio della mostra "Per antichi sentieri" di Angelo Celsi, che ha chiuso i battenti a Palazzo Achilli, a Gavinana, dopo aver fatto tappa in diverse località della montagna. Il bilancio del curatore Sante Ballerini. Che attendeva una maggiore risposte di pubblico, sicuramente frenato dalla pandemia. Il senso dell'iniziativa? "Non un viaggio sulle orme della nostalgia ma il ricordo di un passato pieno di saperi e dignità". Continua intanto la distribuzione del libro il cui ricavato andrà alla Croce Verde di Taviano


In un mare di nuvole

di

La montagna pistoiese, per chi arriva da fuori, è sempre una sorpresa. Ogni volta riesce a stupire il viaggiatore in un modo che egli non si aspetta.
Ma la chiave di tutto forse è arrendersi allo stupore perché, come scriveva Paolo Rumiz, “il viaggio non è fatto per quelli che hanno smesso di meravigliarsi della vita"