Quanti “senza nome” nella nostra montagna

di

Riflessioni sul libro di Mirto Campi, presentato a Castello di Cireglio in occasione della 7ª giornata europea dei Parchi Letterari. Una terra abbandonata e destinata all'oblio se non anche “negata” da chi nasconde sotto il tappeto le proprie radici. Di chi quasi si vergogna di essere figlio, nipote, erede di gente semplice, contadina, anche rozza e ignorante ma col rispetto delle proprie origini

Quelle faccine (emoticon) hanno radici lontane nel tempo

di

Si dice l'inventore sia l'ingegnere informatico statunitense Scott Fahlmann e la loro data di nascita il 1982. A ben vedere, però, c'è una tradizione antichissima legata alle maschere. Nell'antico Egitto era costume realizzare maschere funerarie, nell'antichità greco-romana furono associate al teatro e la tradizione delle maschere è continuata nella Commedia dell'Arte, tra il 1600-1700


"Pacchetto scuola", contributi economici per studenti di medie e superiori della montagna

di

Via al bando per l'assegnazione. E' possibile presentare la domanda fino al 31 maggio. Il fondo della regione destinato a studenti residenti nei comuni di San Marcello Piteglio, Abetone Cutigliano e Sambuca Pistoiese. Ne beneficeranno gli iscritti a scuole secondarie di primo e secondo grado, appartenenti a nuclei familiari con Isee non superiore a 15.748,78 euro. L'importo varierà da 180 a 300 euro. Obiettivo: aiutare le famiglie a sostenere le spese necessarie per la frequenza scolastica

I guardiani di pietra della Sambuca: conosciamo l'autore

di

La pubblicazione del volume “I guardiani di pietra della Sambuca. Maschere apotropaiche nel territorio di Sambuca Pistoiese e dintorn.” ci permette di tornare su un argomento che avevamo già affrontato, con un articolo di Mirto Campi. Stavolta parliamo dell'autore, Piero Balletti. Il prossimo passo la presentazione del libro dedicato alle “misteriose maschere di pietra”

“Quando a Pistoia si cantava”, ecco il calendario 2021

di

L'edizione di quest'anno, una dimensione più intima e privata, è stata realizzata da Diana Fantacci dell’Associazione culturale ”Officina delle idee” in collaborazione con la Fondazione Conservatorio San Giovanni Battista. L'opera si basa su documenti personali di eventi passati e recenti con fotografie, immagini, locandine di spettacoli