Ambiente, Piteglio, San Marcello  |  ottobre 10, 2020

“IO NON RISCHIO”: la campagna del Dipartimento di Protezione civile sarà in versione digitale

La pagina Facebook "Io non rischio San Marcello Piteglio" sarà il punto di aggregazione virtuale, aperto alla partecipazione di tutti. Appuntamento domenica 11 ottobre con due sessioni, una mattutina e una pomeridiana. L'evento sarà curato da Pubblica Assistenza di Maresca e Croce Rossa di San Marcello che si occuperanno di diffondere conoscenze utili sul rischio alluvione e sul rischio terremoto

di

Tempo di lettura: circa 3 minuti
I rappresentanti delle associazioni e il sindaco di San Marcello Piteglio

 

SAN MARCELLO – Tutto pronto per l’edizione 2020 di Io non rischio, la campagna nazionale del Dipartimento di Protezione civile pensata per favorire la diffusione delle buone pratiche a cui attenersi in caso di calamità naturali. Quest’anno, con l’obiettivo di rispettare le misure sanitarie e il distanziamento senza rinunciare alla vicinanza sociale, l’iniziativa – in programma domenica 11 ottobre – si terrà in versione digitale. I cittadini di San Marcello Piteglio potranno assistere ad una sessione mattutina e ad una pomeridiana attraverso la pagina Facebook Io non rischio San Marcello Piteglio.

Importante essere preparati

Anche se il rischio sanitario non è ancora tra quelli trattati dalla campagna, questi lunghi mesi di emergenza pandemica hanno confermato quanto le scelte e le azioni di ciascuno finiscano inevitabilmente per incidere sulla vita di tutti. Più una comunità si dimostra preparata e informata sui rischi che corre e sulle buone pratiche da adottare per mitigarli, più risulta resiliente e capace di affrontare qualsiasi emergenza.

Edizione 2020 digitale

Ma informare sulle buone pratiche di Protezione civile non basta. Bisogna saperle vivere in prima persona e incarnarle, per promuoverle. Quindi, per evitare il rischio di assembramenti, l’edizione 2020 di Io non rischio è in digitale.

Rischio alluvione e terremoto

Pubblica Assistenza di Maresca e Croce Rossa di San Marcello si occuperanno di diffondere conoscenze utili sul rischio alluvione e sul rischio terremoto. La pagina Facebook sarà il punto di aggregazione virtuale, aperto alla partecipazione di tutti i cittadini che vogliano informarsi e condividere le proprie esperienze sui rischi che insistono sul nostro territorio e sulle buone pratiche per mitigarli.

La presentazione dell’evento

 

Nelle immagini alcuni momenti della conferenza stampa di presentazione dell’evento

Durante la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa, il sindaco Luca Marmo ha voluto sottolineare “l’importanza dell’evento che da anni mette in connessione istituzioni, cittadini e l’organizzazione locale della Protezione civile. Invito i cittadini a interconnettersi e tenersi aggiornati”. “La Protezione civile – ha sottolineato l’assessore Giacomo Buonomini – ha un ruolo fondamentale anche per la tenuta sociale della comunità locale, lo stiamo vedendo nella gestione dell’emergenza sanitaria. Con questa iniziativa si riprende un cammino anche oltre l’attualità con un’attenzione specifica a situazioni diverse ma rilevanti”. Roberto Filoni, referente del Nucleo della Protezione civile locale, ha messo in evidenza come “la comunicazione e l’interconnessione con territorio sono decisive per ridurre l’impatto delle situazioni emergenziali che la Protezione civile si trova a affrontare come missione”. Il presidente della Croce Rossa di San Marcello Pistoiese, Ivan Petrucci, ha invece evidenziato “la positiva collaborazione tra volontari e associazioni”.

Info utili

Il lavoro sarà coordinato da Mirko Pippi con il supporto informatico di Jacopo Biondi. Per ulteriori dettagli dalla voce degli intervenuti, le video interviste sono scaricabili a questo link


La Redazione

Con il termine La Redazione si intende il lavoro più propriamente "tecnico" svolto per la revisione dei testi, la titolazione, la collocazione negli spazi definiti e con il rilievo dovuto, l'inserimento di immagini e video. I servizi pubblicati con questa dizione possono essere firmati da uno o più autori oppure non recare alcuna firma. In tutti i casi la loro pubblicazione avverrà dopo un attento lavoro redazionale.