Cultura & Spettacoli, Piteglio, San Marcello  |  agosto 14, 2018

Appennino Incanto, musica e bellezze del territorio

Al via venerdì 17 agosto il Festival itinerante del bel canto. Si inizia da Piteglio, poi appuntamenti a Gavinana e San Marcello. Quindi la manifestazione si sposta sul versante emiliano. Fino al 25 agosto spettacoli, eventi e cantanti lirici. Confermata la direzione del maestro Angelo Gabrielli. Il programma completo

di

Tempo di lettura: circa 7 minuti
Artisti e organizzatori di Appennino Incanto

PITEGLIO – La nona edizione di Appennino InCanto volge lo sguardo al grande repertorio lirico belcantistico. Il Festival itinerante diretto da Angelo Gabrielli si arricchisce di nuovi appuntamenti lirici, a cui si affianca un ricco programma di eventi che coinvolgerà il pubblico dal 17 al 25 agosto, nel circuito intorno ai monti Abetone e Cimone, fra Toscana ed Emilia partendo quest’anno, per la prima volta, dal versante toscano dal comune di Piteglio, toccando poi Gavinana e San Marcello Pistoiese per arrivare a quello emiliano nei comuni di Sestola, Fanano, Riolunato e Montecreto. Si consolida l’importante collaborazione con l’Orchestra I Musici di Parma, ormai ospite fissa del Festival e la presenza di ospiti speciali provenienti dai palcoscenici più prestigiosi del mondo. Il festival, al cui battesimo partecipò Caterina Caselli in veste di madrina, si amplia quest’anno di nuove offerte culturali, mantenendo sempre lo stile caratteristico della lirica che “scende in strada”.

La direzione artistica è affidata ad Angelo Gabrielli, 30 anni nel mondo della lirica al fianco di artisti come Luciano Pavarotti, Raina Kabaivanska, Mirella Freni, scopritore di talenti, direttore d’orchestra e docente in master di perfezionamento per cantanti lirici.

 

Angelo Gabrielli

Il via venerdì 17 a Piteglio

La kermesse partirà venerdì 17 agosto con l’attesa cena lirica nell’Aia Grande di Piteglio, protagonisti saranno star internazionali della lirica come il tenore Stefano Secco, regolarmente presente nei calendari di teatri come la Royal Opera House di Londra, la Fenice di Venezia, l’Opera di Vienna, l’Opera di Roma e il baritono Giovanni Meoni, tra gli interpreti più importanti della tradizione operistica italiana è oggi particolarmente apprezzato nel repertorio verdiano nel quale trova la sua naturale collocazione e dove, la sua vocalità, raggiunge la massima espressione, ad affiancarli ragazzi scelti personalmente da Angelo Gabrielli, che si perfezioneranno sul repertorio belcantistico, accompagnati al pianoforte da Gaetano Costa E Francesco Massimi.

 

Stefano Secco (a sinistra) e Giovanni Meoni

Sei giorni di corsi

A partire dal 16 agosto infatti e per 6 giorni, cantanti lirici provenienti da diverse parti d’Italia si cimenteranno in un corso di perfezionamento molto particolare: immersi nella bellezza della natura dell’Appennino Tosco-Emiliano, coccolati dall’accoglienza degli abitanti di Piteglio, dell’Hotel San Marco di Sestola e delle persone che abitano questi luoghi. Le note e le potenti voci di questi giovani artisti risuoneranno tra vallate, borghi e percorsi nel bosco. La master class sarà tenuta da Angelo Gabrielli che si avvarrà della preziosa collaborazione dei pianisti Francesco Massimi e Gaetano Costa.

Sabato 18 concerto a Gavinana

 Paola Valentini Molinari

Sabato 18 agosto sarà la volta di Gavinana per l’esclusivo concerto voce e organo, alle 21, con il soprano Paola Valentina Molinari, specialista e interprete tra le più apprezzate del repertorio barocco, che si esibirà in duo con l’organista di chiara fama Roberto Loreggian nella Chiesa di Santa Maria Assunta, dove è conservato il Grand’Organo di Gavinana, prezioso e monumentale strumento assolutamente unico nel suo genere, composto da oltre 2000 canne. Alla stessa ora ma al Teatro Comunale di Riolunato (Modena) sul versante emiliano, Francesca Cucuzza insieme a al duo Palumbo-Guarnieri (mandolino e chitarra) daranno voce e suono ad serata dedicata alle romantiche e appassionate serenate napoletane.

Domenica 19 la prima volta di San Marcello

Domenica 19 agosto, per la prima volta a San Marcello si terrà il Gran concerto lirico con le voci di Appenino InCanto al fianco dei già citati Stefano Secco e Giovanni Meoni insieme all’orchestra I Musici di Parma diretti dal M° Gabrielli.

Dal 20 eventi sul versante emiliano

Dal 20 agosto la kermesse si sposterà sul versante emiliano con il grande concerto “L’Incanto della Lirica” in Piazza della Vittoria a Sestola alle ore 21: protagonisti saranno le voci di Appennino InCanto e ospiti d’eccezione. Seguiranno nei giorni a venire concerti sinfonici e jazz, prove aperte, galà lirici, laboratori musicali e tanti altri eventi che si svolgeranno a Sestola tra l’Hotel San Marco (storica cornice e cuore degli eventi di Appennino InCanto), la Piazza della Vittoria e le vie del paese, e a  Fanano, Riolunato e Montecreto.

“Nella sua giovane storia, Appennino InCanto è stata capace di creare cultura con un’attenzione particolare alle nuove generazioni è in questa direzione che trovano spazio i diversi laboratori musicali per i più piccoli”, afferma il maestro Angelo Gabrielli, che a marzo 2019 dirigerà al Teatro Comunale di Modena L’Elisir d’amore con la partecipazione del Piccolo Coro dell’Antoniano di Bologna diretto da Sabrina Simoni.

 

La chiusura a Fanano

Sarà proprio L’Elisir d’amore a chiudere gli appuntamenti lirici della rassegna, in programma il 22 agosto alle 21 in Piazza Corsini a Fanano. Protagonisti saranno le giovani voci di Appennino InCanto con l’Orchestra I Musici di Parma diretti dal Maestro Angelo Gabrielli e il grande ritorno di Nicola Alaimo, premio Abbiati 2016, già amato e applaudito ospite  nell’edizione invernale del 2016, che giunge a Sestola dopo i successi alla Scala di Milano, al Metropolitan di New York, al Comunale di Bologna, all’Opéra di Montecarlo e al Rossini Opera Festival di Pesaro.

  

Nicola Alaimo e, a destra, il Rigoletto a Fanano

Non solo lirica

Non solo lirica però ad Appennino InCanto, il 21 agosto saranno protagonisti i Silent Owl per un’esibizione musicale folk alle 17 in Piazzetta Marconi a Sestola, e poi tre appuntamenti per la giornata finale del 25 agosto: a Montecreto nella suggestiva cornice del Parco dei Castagni alle 17 “Note nel bosco”, concerto di fiati con un programma che spazierà dal classico al moderno; a Sestola in Piazza Vittoria alle 21 torna la Carpi Sax Orchestra che ci porterà nel loro Rhytmic Voyage conquistando il pubblico con brani classici dalla lirica al jazz fino alle ultime hit radiofoniche; da non perdere la scoppiettante serata con il Karaoke in Piazza Corsini a Fanano. Dilettanti, amatori e le voci di Appennino InCanto per una serata frizzante e in allegria con i grandi successi del passato e le hit del momento per far divertire e cantare ogni generazione.

Curatori e sponsor

Appennino InCanto ci ha ormai abituati ad una lirica che concilia la tradizione con la modernità; il passato con la tecnologia; il paese raccolto con il grande pubblico.
E’ la magia di una musica che è patrimonio da custodire ed è la suggestione di luoghi incantevoli, popolati da persone orgogliose delle proprie radici ed entusiaste di condividere le bellezze, la storia e le tradizioni dei propri luoghi, con la partecipazione attiva e fondamentale della ProLoco di Piteglio e di tutta la popolazione locale.

L’edizione estiva di Appennino InCanto 2018 è curata dall’AssociazioneAppennino Incanto e ProLoco di Piteglio, con il patrocinio e contributo dei Comuni di Fanano, Sestola, Montecreto, San Marcello Piteglio, della Regione Toscana e il supporto della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia,  di Alfredo Gabrielli financial advisor, di Arancio-outdoor collection e dell’ Hotel San Marco di Sestola.

Il programma completo

    


La Redazione

Con il termine La Redazione si intende il lavoro più propriamente "tecnico" svolto per la revisione dei testi, la titolazione, la collocazione negli spazi definiti e con il rilievo dovuto, l'inserimento di immagini e video. I servizi pubblicati con questa dizione possono essere firmati da uno o più autori oppure non recare alcuna firma. In tutti i casi la loro pubblicazione avverrà dopo un attento lavoro redazionale.