Cultura & Spettacoli, Pistoia  |  aprile 28, 2018

Visite guidate e aperture straordinarie: al Marini “Ponti” di festa nel segno dell’arte

Sessanta capolavori, molti dei quali inediti, esposti tra le sale rinnovate del Museo che sarà aperto anche il 1 maggio e il 2 giugno. In mostra opere realizzate nell’intera parabola artistica di Marino, dal 1918 al 1978. Il nuovo allestimento, caratterizzato dalla presenza di acqueforti, sculture in bronzo e terracotta, tele e dipinti realizzati secondo la tecnica dell’action painting

di

Tempo di lettura: circa 4 minuti

PISTOIA – Un “ponte” nel segno dell’arte con visite guidate ed aperture straordinarie. Marino Marini ‘aperto al territorio’ sempre. Anche nei giorni di festa, lunedì 30 aprile, martedì primo maggio e sabato 2 giugno. Aumentano le opportunità di conoscenza, riscoperta e valorizzazione dell’artista che amava scolpire con la luce mista al colore e dipingeva con la materia.

Aperture straordinarie

Per i cittadini e i visitatori interessati ad investire il loro tempo libero sulla cultura, ad aprire le porte della conoscenza di Pistoia con le chiavi e il cuore di Marino, il palazzo del Tau è a portata di sguardo, di angolazioni e punti di vista inediti che permettono di svelare volti e opere nuovi del maestro. Nella città, vissuta e internazionalizzata da uno dei più grandi protagonisti dell’arte del Novecento, lunedì 30 aprile la Fondazione Museo Marini Marini ha previsto un’apertura straordinaria del Museo dalle ore 11 alle ore 18.  Martedì primo maggio alle ore 15.30 è stata organizzata una visita guidata al nuovo allestimento che impreziosisce gli spazi del museo. La collezione semi permanente mette in mostra 60 capolavori testimoni de tanti linguaggi di Marino, sperimentati nel corso dell’intera parabola artistica, dal 1918 al 1978, arricchisce quattro sale del Museo negli spazi che la Fondazione ha riorganizzato e rinnovato.

“Promuovere l’arte di Marini”

“Il nostro obiettivo – afferma Ambra Tuci della Fondazione Marino Marini – è quello di promuovere l’arte di Marino aperta al territorio tutto l’anno, alimentando l’idea di una piccola grande capitale della cultura e dell’arte che continua a palpitare, dopo aver raccolto i frutti della stagione da record dello scorso anno”.  Il nuovo allestimento, caratterizzato dalla presenza di acqueforti, sculture in bronzo e terracotta, tele e dipinti realizzati secondo la tecnica dell’action painting cara a Pollock, ha un carattere di unicità. “La collezione – continua Tuci –  mostra il talento proteiforme dell’artista e la presenza sin dagli albori, di quei semi che nel corso della carriera si evolveranno, coltivati dall’amore per l’opera plastica e l’indagine della materia viva attraverso il colore, e si consolideranno come i capisaldi della poetica mariniana”.

Stessa proposta confezionata in occasione della Festa della Repubblica. Marino tricolore si lascia indagare il 2 giugno alle ore 15.30 con una visita guidata aperta alle famiglie e agli appassionati di tutte le età. Le iniziative sono promosse e organizzate da Ambra Tuci del Dipartimento Educativo della Fondazione Marino Marini in collaborazione con una risorsa preziosa, il partner della Fondazione, l’associazione culturale Artemisia i cui storici dell’arte ed esperti condurranno sulle tracce dell’ampia e poliedrica produzione dell’artista. Scultore, pittore, incisore, le forme dell’arte di Marino sono tante e si aprono come scrigni per celebrare la festa dei lavoratori e quella della Repubblica italiana. Le visite offrono l’occasione di esplorare la collezione permanente e il trecentesco Palazzo del Tau. Info e prenotazioni: 0573.30285, [email protected]

 

Alcune opere in mostra

(cliccare sulle immagini per ingrandirle)

  

  

  

  

 


La Redazione

Con il termine La Redazione si intende il lavoro più propriamente "tecnico" svolto per la revisione dei testi, la titolazione, la collocazione negli spazi definiti e con il rilievo dovuto, l'inserimento di immagini e video. I servizi pubblicati con questa dizione possono essere firmati da uno o più autori oppure non recare alcuna firma. In tutti i casi la loro pubblicazione avverrà dopo un attento lavoro redazionale.