Sanità e sociale, Pistoia  |  aprile 18, 2018

Ex ospedale del Ceppo, le immagini del cantiere

Oggi il sopralluogo. Dal 20 ottobre 2017 ad oggi demoliti il complesso del “Piloto”, le vecchie cucine, il percorso sopraelevato, l’edificio “Ex Blocco Operatorio” ed è iniziata la prima fase della demolizione selettiva della ex radiologia e del bunker di radioterapia. Restano da abbattere l'“Ex Laboratorio di Analisi”, la ex Capella Interna del Ceppo e l’edificio della Centrale Termica. Circa 5000 i metri quadri coperti interessati alle domolizioni. L'intervento complessivo, finanziato dalla Regione, pari a 5 milioni di euro

di

Tempo di lettura: circa 3 minuti

PISTOIA – Procedono, secondo cronoprogramma, le demolizioni all’ex Ospedale del Ceppo che oggi sono state oggetto di un sopralluogo da parte del direttore amministrativo dell’Asl Toscana Centro Massimo Braganti, dall’ingegnere Valerio Mari, direttore Staff direzione generale, dal direttore della Zona Distretto pistoiese Daniele Mannelli e dell’ingegnere Ermes Tesi, direttore tecnico area pistoiese dell’Azienda USL Toscana centro, che oggi hanno svolto una visita congiunta all’interno del cantiere con l’assessore all’urbanistica del Comune di Pistoia Alessandro Capecchi.

Un intervento su 5000 metri quadri

Sono circa 5.000 i metri quadrati, di superficie coperta, oggetto dell’intervento iniziato lo scorso 20 ottobre con l’allestimento del cantiere. Ad oggi sono stati demoliti, con la tecnica della demolizione selettiva, i due edifici costituenti il complesso del “Piloto”, le vecchie cucine, il percorso sopraelevato, l’edificio “Ex Blocco Operatorio” e sono iniziati gli strip out (prima fase della demolizione selettiva) della ex radiologia e del bunker di radioterapia. Restano ancora da demolire l’edificio “Ex Laboratorio di Analisi”, la ex Capella Interna del Ceppo e l’edificio della Centrale Termica.

Un intervento per 5 milioni di euro

I lavori sono stati affidati all’associazione temporanea di impresa guidata dalla Del Debbio spa di Lucca, specializzata nel settore, e composta anche da Baldassarri impianti elettrici srl di Capannori e Gruppo Sei srl di Camaiore. Il progetto esecutivo prevede un impegno di spesa complessivo di 5 milioni di euro di cui circa 3,5 milioni per i lavori delle opere di demolizione; importo totalmente finanziato dalla Regione in base all’Accordo di programma riguardo alla riqualificazione delle aree interessate da dimissioni di vecchi ospedali.

Le nuove costruzioni previste

Nella pianificazione dei servizi e attività sanitarie e socio sanitarie nell’ex Ceppo, oltre al Padiglione di Emodialisi e alla Centrale Operativa 118, al momento sono previste la realizzazione della Casa della Salute (con il punto prelievo, Cup, ambulatori specialistici …), il trasferimento della direzione della Società della Salute e nell’ottica di una maggiore centralizzazione dei servizi nel cuore cittadino troveranno collocazione attività tutt’ora situate in presidi in locazione.

Le future aree residenziali e commerciali

In base all’Accordo di Programma approvato nel 2015, una volta liberate le aree dai vecchi edifici, e secondo il Piano particolareggiato adottato nel gennaio 2017, alcune porzioni di proprietà dell’Azienda Usl Toscana Centro dovrebbero essere vendute per la futura realizzazione di unità immobiliari ad uso residenziale e con esse altri immobili a destinazione commerciale e direzionale. Sempre l’Accordo, ad oggi, prevede la cessione al Comune di alcune aree per la realizzazione della riqualificazione delle zone a verde e per le opere di urbanizzazione primaria.

Il Piano particolareggiato e l’Accordo di Programma sono attualmente al centro di una riflessione che il Comune sta portando avanti insieme alla AUSL.

Le immagini

(cliccare sulle foto per ingrandirle)

 

 

 

 


La Redazione

Con il termine La Redazione si intende il lavoro più propriamente "tecnico" svolto per la revisione dei testi, la titolazione, la collocazione negli spazi definiti e con il rilievo dovuto, l'inserimento di immagini e video. I servizi pubblicati con questa dizione possono essere firmati da uno o più autori oppure non recare alcuna firma. In tutti i casi la loro pubblicazione avverrà dopo un attento lavoro redazionale.