Ambiente, Una Montagna di Parole  |  ottobre 18, 2017

Ballotti, Scerboloni, Mondoloni, Mondine e Tigliate: tanti nomi per un’unica ricetta, a base di castagne

In qualche paese dell'alta montagna pistoiese si chiamavano“Scerboloni!”: la parola deriva da “scerbare” nel senso di “toglier via”, in questo caso , il guscio. In altri luoghi sono prevalse le forme “mondoloni” e “mondine”, da “mondare”, liberare dalla buccia, oppure “tigliate”. In quest'ultimo caso il nome deriva da “tiglio”

di

Tempo di lettura: circa 1 minuti

Le castagne cominciano a cadere e la gente con borsine e panieri sia affretta a raccoglierle. Finiti i funghi è dunque la volta delle castagne, questi preziosi frutti che hanno sfamato per secoli generazioni di montanini.

Le ricette a base di castagne sono molte, ma i nostri nonni amavano quelle più semplici. Si mettevano a bollire le castagne, aggiungendo all’acqua un po’ di sale, e si ottenevano i ballotti, se esse conservavano la buccia, oppure gli scerboloni, i mondoloni, le mondine o le tigliate, se venivano sgusciate. Per insaporirle si aggiungeva finocchio selvatico oppure foglie di alloro.

Ciò che cambiava erano i nomi; in qualche paese dell’alta montagna pistoiese si chiamavano “scerboloni!”, parola che deriva da “scerbare” (dal latino exerbare , “liberare dalle erbe cattive”), nel senso di “toglier via”, in questo caso , il guscio. In altri luoghi sono prevalse le forme “mondoloni” e “mondine”, da “mondare”, liberare dalla buccia, oppure “tigliate”. In quest’ultimo caso si parla sempre di castagne lessate, ma il nome ha un’origine un po’ più impegnativa. “Tigliate” deriva da “tiglio”, una forma antica che indicava la “coticola” che avvolge la castagna sotto il guscio, dalla forma latina tilia, che voleva dire “scorza”, per lo più dell’olmo; da ciò le castagne tigliate o, più semplicemente, le tigliate.

A questo punto non posso scordare cosa faceva mio nonno, ogni sera, al tempo delle castagne. Gli scerboloni, appena cotti, li puliva accuratamente dalla coticola e li metteva in una tazza che riponeva nel mettitutto; la mattina seguente si alzava da letto, prendeva la tazza colma di scerboloni, vi aggiungeva il latte e quella era la sua colazione…! E’ campato fino a 94 anni.

Altri articoli sul tema castagne

CASTAGNE; produzione in leggera ripresa (+20%) e a macchia di leopardo

 

Le mille proprietà curative della castagna e della sua preziosa farina


Maurizio Ferrari

Maurizio Ferrari, sambucano di origine, ha insegnato Lettere per 38 anni nelle scuole superiori pistoiesi. Ora è impegnato nella promozione e nel rilancio del nostro territorio montano come presidente dell'associazione "Amo la montagna", che si è costituita due anni fa e che ha sede a Castello di Cireglio. Da 25 anni collabora con la rivista "Vita in campagna" del Gruppo "Informatore Agrario". Recentemente ha pubblicato il libro "Dieci racconti sambucani" ispirati alla vita quotidiana ed alla gente di Sambuca Pistoiese.