Cultura & Spettacoli, Pistoia, Piteglio, San Marcello  |  agosto 21, 2017

Due sindaci e tanta gente alla grande festa della Macchia Antonini

Anche i primi cittadini di Pistoia e San Marcello Piteglio all'appuntamento con la tradizione. Una manifestazione voluta dall'antico proprietario che donò quei terreni nel 1825. Prima la celebrazione della Santa messa quindi la cocomerata, lo spettacolo di fiabe, le leggende popolari e le ballate celtiche

di

Tempo di lettura: circa 3 minuti
20914627_10210166883912058_8425678399753923175_n

 

MACCHIA ANTONINI (SAN MARCELLO PITEGLIO) – Tanta gente alla Festa della  della Macchia Antonini, che si è svolta nel pomeriggio di ieri, domenica 20 agosto, come una lunga tradizione comanda (per l’esattezza dal lontano 1827). Tanti cittadini e anche diversi rappresentanti delle istituzioni: i sindaci padroni di casa (per ragioni diverse, territoriali il primo e di competenza amministrativa della proprietà dei terreni il secondo) Luca Marmo di San Marcello Piteglio e Alessandro Tomasi di Pistoia, quest’ultimo in compagnia del vice sindaco Annamaria Celesti e dell’assessore Alessandro Capecchi, (tutti ritratti nelle foto in coda all’articolo). Il programma della giornata: la Messa nella cappella Antonini, la cocomerata offerta a tutti i partecipanti, lo spettacolo di fiabe e leggende sul tema di fate e folletti “La grotta delle fate”, leggende popolari dell’Appennino, quindi ballate e canzoni celtiche accompagnate dal suono dell’arpa celtica, della voce, del flauto traverso e della chitarra.

UN PO’ DI STORIA

La Macchia Antonini ha una lunga storia. Pellegrino Antonini aveva ereditato questo grande appezzamento di terra da suo padre Felice che lo aveva acquistato nel 1778 dal Granduca di Toscana. La famiglia Antonini trasformò la zona, puramente boschiva, nel luogo che è possibile ammirare ancora oggi, fatto di zone con una fitta vegetazione che si alternano a radure, a cui si aggiunsero una Villa Fattoria e alcune strade per potervi accedere. Fra le dettagliate disposizioni testamentarie di Pellegrino Antonini quella che prevedeva l’obbligo di organizzare, ogni anno e in perpetuo, una festa popolare in suo onore nella domenica più vicina al 20 di agosto. Oggi la proprietà è amministrata dal Legato Antonini, un ente benefico costituito appositamente per preservare il patrimonio boschivo la cui sede si trova nel Comune di Pistoia.

Le immagini della festa

festa macchia  festa macchia antonini

21032348_10210166884512073_256654960429417556_n  20914627_10210166883912058_8425678399753923175_n  20953369_10210166884472072_3682046956573430350_n

Amministratori e…. cocomerata

21032489_10207691988578198_8372959373708776939_n  20992581_10210166884992085_5563771841602390202_n

sindaco taglia cocomero  festa macchia sindaco e altri

 


La Redazione

Con il termine La Redazione si intende il lavoro più propriamente "tecnico" svolto per la revisione dei testi, la titolazione, la collocazione negli spazi definiti e con il rilievo dovuto, l'inserimento di immagini e video. I servizi pubblicati con questa dizione possono essere firmati da uno o più autori oppure non recare alcuna firma. In tutti i casi la loro pubblicazione avverrà dopo un attento lavoro redazionale.