Ambiente, Piteglio, San Marcello  |  luglio 6, 2016

Due giornate alla scoperta del “Patrimonio diffuso”

L'iniziativa promossa dall'associazione "Valle lune". Primo appuntamento sabato 9 luglio a San Marcello: al mattino un dibattito alla Baccarini con Rosati e Francesconi e un laboratorio per bambini. Nel pomeriggio visita guidata alla Torri di Popiglio. Seconda tappa il 23 di luglio

di

Tempo di lettura: circa 2 minuti

SAN MARCELLO PISTOIESE – Sabato 9 luglio a San Marcello Pistoiese si terrà la prima delle due Giornate del Patrimonio Diffuso: incontri, visite guidate e laboratori per innamorarsi dei paesaggi della Montagna Pistoiese, una ‘rete’ unica della quale fanno parte i paesi, i boschi, i terreni coltivati così come le antiche vie e i ruderi. Le due giornate sono promosse dall’associazione di volontariato “Valle Lune”, con il patrocinio dei comuni di San Marcello e Piteglio, e sono state rese possibili dal contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia, oltre agli stessi comuni, della S.o.m.s. “A. Baccarini” e della Unicoop Montagna Pistoiese.

Gli incontri alla Baccarini

“La giornata del 9 luglio – spiegano gli organizzatori – ci permetterà di scoprire, da un lato, il valore del volontariato nella promozione del patrimonio culturale e, dall’altro, di avvicinarci al paesaggio scoprendone il suo pregnante valore culturale”. Dalle 10.30 alle 12, nella sala Baccarini a San Marcello, si terranno due incontri con Claudio Rosati (International Council of Museums – Icom Italia) e con Giampaolo Francesconi (Società Pistoiese di Storia Patria). L’intervento di Claudio Rosati approfondirà come e perché il paesaggio è riconosciuto anche dalla legislazione italiana come Bene culturale e protetto alla stregua dei monumenti più importanti presenti nel nostro paese. Giampaolo Francesconi delineerà la storia delle politiche territoriali messe in atto dal comune di Pistoia in età medievale sulla montagna, offrendoci un esempio di come il paesaggio odierno sia stato disegnato nel corso dei secoli dagli interventi di numerosi attori.

Il laboratorio per bambini

Contemporaneamente alle due relazioni si svolgerà un laboratorio per bambini «Vivere nel castello. Ricostruire la vita all’interno delle fortezze attraverso i documenti e i resti archeologici: la vita militare». Il laboratorio è gratuito ed è indicato per bambini dai 6 ai 12 anni. Il laboratorio è aperto a tutti: possono partecipare senza la presenza di un adulto soltanto i bambini accompagnati dai partecipanti agli incontri, diversamente è richiesta la presenza di almeno un adulto che si trattenga durante lo svolgimento dell’attività.

La visita alle Torri di Popiglio

Nel pomeriggio sarà possibile visitare uno dei monumenti più importanti della Montagna pistoiese, le Torri di Popiglio, con una guida del tutto particolare, Alice Sobrero, assessore alle politiche culturali del Comune di San Marcello. È possibile usufruire di un servizio navetta gratuito da San Marcello alle Torri. Il ritrovo è fissato per le 14, in Piazza Matteotti.

Il programma del 23 luglio

Il secondo appuntamento si svolgerà sabato 23 luglio e vedrà la partecipazione di Francesco Zan (Università degli Studi di Firenze), Alice Sobrero (Assessore del Comune di San Marcello), Debora Marchionni (libera professionista), Simone Vergari (Cooperativa Itinerari), Simonetta Lupi e Cristina Taddei (ricercatrici indipendenti). I temi saranno ancora quelli del paesaggio visto non solo dal punto di vista storico-culturale, ma anche dal punto di vista naturalistico. I luoghi che visiteremo saranno Via di Ripi, il Monte Castello, dove emergono i resti della fortezza di Castel di Mura, e Lizzano Pistoiese.
Per informazioni; Fabiano Fini 3388393423 [email protected] Cristina Taddei 3389901507, [email protected]


La Redazione

Con il termine La Redazione si intende il lavoro più propriamente "tecnico" svolto per la revisione dei testi, la titolazione, la collocazione negli spazi definiti e con il rilievo dovuto, l'inserimento di immagini e video. I servizi pubblicati con questa dizione possono essere firmati da uno o più autori oppure non recare alcuna firma. In tutti i casi la loro pubblicazione avverrà dopo un attento lavoro redazionale.