Bonus famiglie, via al contributo per novanta nuclei residenti in montagna

di

E' il risultato del bando della Società della Salute Pistoiese destinato a chi ha uno o più figli di età pari o inferiore a tre anni. Il contributo è suddiviso in tre fasce (1.000, 800 o 500 euro) per l'anno 2019 e può essere essere utilizzato solo per prodotti per l'infanzia, acquistabili nelle farmacie convenzionate. I risultati delle richieste accolte, Comune per Comune


Ospedale della montagna, il difensore civico scrive all'Usl e alla Regione

di

L'iniziativa arriva a seguito della lettera inviata il 17 dicembre dal Comitato "Noi vogliamo un pronto soccorso sulla montagna pistoiese" al Ministero della Salute e alla Regione Toscana. Nella missiva un raffronto fra due ospedali in territori simili, ma con diversi servizi, quello di Abbadia San Salvatore sull’Amiata e il PIOT di San Marcello. Intanto il sindaco Luca Marmo sta organizzando un incontro pubblico con i vertici di USL e Regione

Ecco il nuovo medico di famiglia per la montagna

di

Emanuele Drovanti, 27 anni, sostituirà la dottoressa Anna Breschi, andata in pensione. Una soluzione provvisoria viste le difficoltà a trovare un sostituto e l'intenzione del nuovo incaricato di lavorare in ospedale. I pazienti residenti nel Comuni di San Marcello Piteglio

Ricovero più dolce per piccoli pazienti

di

Inaugurati all'ospedale San Jacopo i pannelli ispirati alla clown terapia con disegni colorati alle pareti e ai vetri. Li hanno realizzati gli studenti del Liceo Artistico Berlinghieri di Pescia. Obiettivo facilitare la degenza e la cura per i bambini ospiti insieme ai loro genitori del reparto di pediatria. Il prossimo anno altri pannelli saranno posizionati nella sala parto

Un fronte unico per chiedere un vero Pronto Soccorso all'ospedale “Pacini”

di

Sottoscritto un documento dai Comuni di San Marcello Piteglio e Abetone Cutigliano e da 16 associazioni locali per sostenere la richiesta. Definito anche un testo di Anci Toscana che richiede un progetto sui piccoli ospedali ed è sostenuto da tutti i piccoli comuni. Il vice sindaco Roberto Rimediotti: “Per avere un pronto soccorso occorrono medici specialistici che devono essere impiegati anche in altri servizi del presidio ospedaliero”