Dimesso dal San Jacopo il quarantenne di Maresca colpito da meningite

di

Ha lasciato l'ospedale nel pomeriggio di oggi, giovedì 16 dopo il ricovero, dieci giorni fa, per Meningococco C. Dopo cinque giorni era stato trasferito da terapia intensiva nel reparto malattie infettive. L’uomo si era sottoposto alla vaccinazione nel febbraio 2016. I sanitari: grazie alla vaccinazione ed alle adeguate terapie il paziente è stato protetto da conseguenze più gravi


Fuori pericolo il quarantenne di Maresca colpito da Meningite

di

Era ricoverato dal 6 marzo all'ospedale San Jacopo di Pistoia, con diagnosi da meningococco C. La prognosi è rimasta riservata fino a venerdì. Superata la fase critica: stamani, sabato 11, disposto il trasferimento dal reparto di terapia intensiva a quello di malattie infettive. Secondo i sanitari decisiva la vaccinazione a cui si era sottoposto nel febbraio del 2016 per ridurre l’intensità della malattia

Un caso di meningite sulla Montagna Pistoiese

di

Un uomo di 40 anni di Maresca è ricoverato in terapia intensiva all'ospedale San Jacopo di Pistoia da lunedì sera. Gli esami hanno confermato la diagnosi di meningite da meningococco C. Il paziente si era sottoposto a vaccinazione nel febbraio 2016.
In corso la profilassi ai conviventi e a coloro che negli ultimi 10 giorni hanno avuto contatti stretti e ravvicinati con lo lui

La solidarietà della Montagna Pistoiese: ecco i 25mila euro pro terremotati

di

Il 28 febbraio è terminata la raccolta fondi per una struttura in legno da destinare al paese di Posta (Rieti). Federico Pagliai, presidente di LetterAppenninica: "Adesso procederemo con l'acquisto della casetta di 70 metri quadri, quindi il trasporto e il montaggio". Poi l'inaugurazione con il sindaco Serenella Clarice. Funzionerà come un piccolo centro socio-culturale

Il Crest torna all'attacco: chiarezza sull'ospedale di San Marcello

di

Il Comitato Regionale Emergenza Sanità Toscana richiama i candidati alle primarie ad una posizione più netta in favore del decreto Balduzzi:"Il legislatore nazionale prevede un ospedale di base con Pronto Soccorso per la tutela delle zone montane con collegamenti stradali complessi. Perché la Regione Toscana tarda ad individuare le zone disagiate? E il PD della Montagna Pistoiese si impegnerà per un vero Pronto Soccorso in Montagna?"

I Comitati scrivono al Presidente della Repubblica: "Basta tagli alla sanità nelle zone montane e disagiate"

di

Lettera del CISADEP - Comitato italiano sanità aree disagiate e periferiche - a Mattarella, ai ministri alla salute ed economia e a un lungo elenco di esponenti istituzionali nazionali e locali. Uniti sotto la stessa sigla associazioni di tutta Italia. Particolarmente rappresentata la Toscana e la Montagna Pistoiese. "Serve con urgenza una nuova riflessione sulla programmazione e sulla gestione economica della Sanità nelle aree particolarmente svantaggiate"