Cultura & Spettacoli, Pistoia  |  agosto 9, 2020

Pracchia in musica si farà: classica e non solo, tra scoperte e tradizione

Meno concerti rispetto al solito per questa VII edizione della manifestazione diretta da Alberto Spinelli. Tre concerti in programma il 13 e il 18 nel parco di Villa Landor e il 29 nella chiesa di Santa Barbara a Campo Tizzoro. Di scena Kappa Duo di Luisa Bini (flauto) e Federico Mariano (chitarra), il Trio Calliope con Gian Gian Marco Solarolo (oboe), Alfredo Pedretti (corno) e Cristina Monti (pianoforte), e Alexei Manyk, virtuoso della fisarmonica insieme al soprano Lilia Kolosova

di

Tempo di lettura: circa 4 minuti
Il Kappa Duo

PRACCHIA (PISTOIA) – Che Pracchia nel mese di agosto si riempia di musica è ormai una consuetudine apprezzata da quanti passano le vacanze in questa parte dell’Appennino pistoiese, dai turisti di passaggio e persino da chi, in città, decide di trascorrere un fresco pomeriggio musicale. Tutto questo grazie a Pracchia in Musica Festival, manifestazione ideata e promossa dal direttore artistico Alberto Spinelli, pianista, docente di pianoforte del Liceo musicale A. Bertolucci di Parma, concertista e divulgatore. Sette anni fa, frequentando Pracchia nei fine settimana e durante le vacanze ebbe l’idea di proporre alcuni concerti di qualità. Fu subito un successo e l’iniziativa si è ripetuta puntualmente ogni anno, attivando alcune positive collaborazioni con realtà del territorio.

Meno concerti ma manifestazione salva

Il 2020 ha avuto un brutto inizio per tanti, e chi organizza manifestazioni dal vivo ha dovuto fare i conti con un lungo periodo d’incertezza prima e con le giuste indicazioni per tutelare la salute di tutti dopo. “Abbiamo pensato molto se fare questa edizione del festival – spiega il direttore artistico -. In gennaio avevamo già contattato diversi musicisti, poi abbiamo dovuto fermare tutto. Quando finalmente la situazione generale è migliorata abbiamo ripreso in mano il progetto e ci siamo detti che non esserci sarebbe stato un brutto segnale dopo tanti mesi bui. Con le opportune precauzioni, seguendo la normativa, abbiamo pensato di proporre meno concerti, ma di dare comunque un’idea di continuità al pubblico che ci segue numeroso da sei anni”. La cosa è resa possibile grazie al sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Pistoia e di Pescia e anche alla collaborazione con una nuova realtà, l’Associazione Filarmonica Alto Pistoiese, nata per favorire e promuovere occasioni di ascolto musicale proprio nell’Appennino.

Il programma

GIOVEDI’ 13 LA PRIMA ESIBIZIONE – L’Associazione Filarmonica Alto Pistoiese (AFAP) quindi presenta la settima edizione di Pracchia in Musica Festival che sarà inaugurato giovedì 13 agosto, ore 17, nel Parco di Villa Landor da un concerto del Kappa Duo, Luisa Bini, flauto, e Federico Mariano, chitarra. “Questa inaugurazione ci fa particolarmente piacere perché ci permette di dare spazio a due giovani e già lanciatissimi musicisti, uno dei quali, Federico Mariano, ha un particolare legame con Pracchia. Abbiamo scoperto questo talentuoso interprete ‘della porta accanto’ e ci tenevamo davvero molto che fosse il suo Duo ad aprire il Festival nel Parco di Villa Landor, all’aperto, in una cornice molto suggestiva”. Il Gappa Duo eseguirà musiche di Montes, Piazzolla e Ibert e una composizione dedicata al Duo dal compositore francese Mathias Duplessy.

SECONDO CONCERTO MARTEDI’ 18 – Il secondo concerto vedrà protagonista il Trio Calliope, formato da Gian Gian Marco Solarolo, oboe, Alfredo Pedretti, corno, e Cristina Monti, pianoforte, che suonerà a Pracchia, sempre nel parco di Villa Landor, martedì 18 agosto, ore 17. “Li abbiamo invitati perché avevano un programma, dedicato alle colonne sonore. A Pracchia c’è da anni un certo interesse per il cinema e si era pensato di omaggiare Federico Fellini, nel centenario della nascita, eseguendo alcune colonne sonore dei suoi film scritte da Nino Rota. Le cose strada facendo sono cambiate, ma le colonne sonore saranno rappresentate da musiche di Ennio Morricone. Un omaggio dovuto al grande compositore nell’ambito di un programma intitolato ‘L’America dei suoni’. Il carattere inconfondibile delle opere di Gershwin, Bernstein e Scott Joplin e l’America di Morricone risuonerà grazie a questa formazione che si trova raramente nei concerti e che unisce due splendidi strumenti a fiato, l’oboe e il corno, quest’ultimo per la prima volta a Pracchia, e il pianoforte”, spiega Alberto Spinelli.
ULTIMO APPUNTAMENTO SABATO 29 – Il Festival si conclude sabato 29 agosto, ore 17, a Campo Tizzoro nell’ambito dei festeggiamenti per l’ottantesimo anniversario di consacrazione della chiesa di Santa Barbara. “Da tempo portiamo concerti anche in altri borghi vicini a Pracchia, in un’ottica di collaborazione con altre realtà del territorio. Quest’anno per la prima volta ci siamo incontrati con la Parrocchia di Santa Barbara di Campo Tizzoro che festeggia un anniversario importante. In questo caso ci sarà il gradito ritorno di Alexei Manyk, virtuoso della fisarmonica, già apprezzato in passato, che per la prima volta propone un programma insieme ad un altro interprete, il soprano Lilia Kolosova. Lei russa, ma da anni in Italia per motivi prima di studio, poi di carriera, proporrà brani dal repertorio sacro e belcantistico. Riteniamo sarà una bella scoperta per il pubblico”.

Informazioni utili

Tutti i concerti sono ad ingresso libero. I posti sono distanziati e vengono seguite le vigenti normative per la prevenzione del coronavirus. In caso di maltempo i concerti a Pracchia si terranno nelle strutture parrocchiali.

Per informazioni: email: [email protected]; cell. 3281822550; sito: www.pracchiainmusica.it
Pagina Facebook: www.facebook.com/pracchiainmusica
Canale Youtube: https://www.youtube.com/channel/UCC6rSPMy2Ol6XqN2_Z6dtdQ


La Redazione

Con il termine La Redazione si intende il lavoro più propriamente "tecnico" svolto per la revisione dei testi, la titolazione, la collocazione negli spazi definiti e con il rilievo dovuto, l'inserimento di immagini e video. I servizi pubblicati con questa dizione possono essere firmati da uno o più autori oppure non recare alcuna firma. In tutti i casi la loro pubblicazione avverrà dopo un attento lavoro redazionale.