Cultura & Spettacoli, Pistoia  |  agosto 2, 2020

Campionato della Bugia: grafica, scrittura e radio, ecco i primi verdetti

Proclamati i vincitori delle rispettive sezioni. È Emilio Guazzone il disegnatore più bugiardo d'Italia, Liviu Stanila primeggia tra gli internazionali. Massimo Caviglia di Pistoia si aggiudica il premio per la miglior Bugia radiofonica. È veneto, ma vive a Berlino, lo scrittore meno sincero. Oggi pomeriggio il gran finale sul palco delle Piastre

di

Tempo di lettura: circa 3 minuti
La vignetta vincitrice fra i disegnatori italiani

 

LE PIASTRE (PISTOIA) – Vive a Fiesole e si chiama Emilio Guazzone, il disegnatore più bugiardo d’Italia. Il suo collega che ha primeggiato sul resto del mondo è il rumeno Liviu Stanila. Lo scrittore meno sincero è il veneto (di San Giovanni di Piave) trapiantato a Berlino, Giuseppe Taro, mentre il più efficace raccontatore radiofonico è il profeta in patria, il pistoiese Massimo Caviglia.
Sono questi i verdetti della prima giornata del Campionato italiano della Bugia, in attesa della sfida tra i migliori raccontatori dal palco, in programma a partire dalle 16.30 di domenica 2 agosto a Le Piastre.
Il tema con il quale si sono confrontati era bugie e favole, a cento anni dalla nascita di Gianni Rodari.

I disegni vincenti

  

Sopra le due vignette vincenti fra gli italiani (a sinistra) e gli stranieri

Così l’italiano Guazzone si è guadagnato il bugiardino d’oro disegnando Pollicino che ritrova la strada di casa seguendo non i sassolini ma i segnaposizione di Google. Il suo collega rumeno ha primeggiato disegnando una particolare versione della famosa foto dei Beatles sulle strisce pedonali con gli animali musicanti di Brema, un asinello un cane, un gatto e un gallo ad attraversare la strada.

 

Sopra la seconda (a sinistra) e la terza classificata nella sezione Italia. Sotto la seconda (a sinistra) e la terza vignetta classificate nella sezione Internazionale

  

La vignetta premiata con il Premio Pitillo

scrittori più bugiardi

Proclamato miglior scrittore bugiardo d’Italia, Giuseppe Paro, grazie alla sua rivisitazione della favola della cicala e della formica avara, in cui stavolta e la cicala a prendersi la rivincita.
Bugiardini d’argento e di bronzo gli italiani Luca Garonzi di Verona e Emanuele Ricciardi di Firenze mentre il premio popolare Pitillo va a Fabio Magnasciutti di Roma.
Nel mondo, secondo podio per il polacco Zbigniew Kolaczek e al terzo posto l’iraniano Salar Eshratkhah.
Il secondo e il terzo migliori scrittori bugiardi italiani sono Carlo Banchieri di Livorno e Guido Carretta di Treviso.

La premiazione durante The Bugia Show

I vincitori delle prime quattro sezioni in gara, la grafica internazionale, quella italiana, la letteraria e la radiofonica sono stati proclamati e premiati nel corso del The Bugia Show, prima dell’attesa gara tra i raccontatori più bugiardi, in programma a partire dalle 16.30 di domenica 2 agosto.
Tutte le informazioni sul sito www.labugia.it


La Redazione

Con il termine La Redazione si intende il lavoro più propriamente "tecnico" svolto per la revisione dei testi, la titolazione, la collocazione negli spazi definiti e con il rilievo dovuto, l'inserimento di immagini e video. I servizi pubblicati con questa dizione possono essere firmati da uno o più autori oppure non recare alcuna firma. In tutti i casi la loro pubblicazione avverrà dopo un attento lavoro redazionale.