Cultura & Spettacoli  |  aprile 18, 2019

Festa di Primavera con i picnic ai musei della montagna

L'iniziativa promossa dall'Ecomuseo in aree attrezzate e di libero accesso vicine ad alcuni poli museali aperti per l’occasione dalle 15 alle 18 e con ingresso a offerta libera: la Ghiacciaia della Madonnina (Le Piastre), il Museo del Ferro e il Giardino dell’energia (Pontepetri), la Ferriera Papini (Maresca), il Palazzo Achilli (Gavinana), la Via della Castagna e del Carbone (Orsigna) e il Museo della gente dell'Appennino Pistoiese (Rivoreta). I primi tre appuntamenti lunedì 22 e giovedì 25 aprile e il 1 maggio. Ultima apertura domenica 2 giugno.

di

Tempo di lettura: circa 4 minuti
Visitatori all'esterno della ferriera Papini a Maresca

“Festa di Primavera – Picnic all’Ecomuseo” è l’iniziativa promossa in montagna in aree picnic attrezzate e di libero accesso, per pranzare al sacco; le aree picnic sono vicine ad alcuni poli ecomuseali che verranno aperti per l’occasione dalle 15 alle 18, con ingresso a offerta libera.

L’iniziativa si svolgerà in 4 appuntamenti – lunedì 22 e giovedì 25 aprile, mercoledì 1 maggio e domenica 2 giugno 2019; in queste date saranno aperti e fruibili i seguenti musei e aree picnic

Le Piastre, Ghiacciaia della Madonnina

L’affascinante itinerario del ghiaccio ripercorre la storia della produzione del ghiaccio naturale, attività svoltasi dalla fine del ‘700 ai primi decenni del ‘900 nella Valle del Reno. Lungo il sentiero che dalle Piastre conduce alla Ghiacciaia è possibile sostare in zone attrezzate, respirando l’aria fresca del posto. Sono a vostra disposizione due tavoli con panche, proprio di fronte alla Ghiacciaia, oltre il fiume. Il consiglio è di procurarsi l’acqua potabile alla fontanina del parcheggio delle Piastre, abbellita dalle sculture in pietra di Leonardo Begliomini. Nel pomeriggio l’operatore dell’Ecomuseo aprirà la ghiacciaia: all’interno una video installazione con musiche composte da Maurizio Geri, ispirate alla gente che lavorava il ghiaccio, e sculture di ghiacciaioli realizzate da Leonardo Begliomini.

Pontepetri, visita al Museo del Ferro e al Giardino dell’energia

Partendo dal giardino pubblico di Pontepetri, percorrendo lungo la gora il sentiero della ferriera (circa 600 m.) si arriva all’area picnic attrezzata con tavoli, panche e barbecue, per cucinare in compagnia e rilassarsi sulle rive del torrente Maresca; si consiglia di rifornirsi di ottima acqua potabile alla fontana del giardino, all’inizio del percorso, vicino al campo di calcetto, dove sono disponibili anche servizi igienici. Nel pomeriggio un operatore metterà in funzione le due grandi ruote in legno e un maglio riprodotti in scala naturale, messi in movimento dall’energia idraulica, e vi accompagnerà nel Museo del Ferro, per ripercorrere la storia della siderurgia della Montagna Pistoiese che nel 1543 divenne primo polo siderurgico del Granducato di Toscana grazie a Cosimo I De’ Medici.

Maresca, Ferriera Papini

Il più antico opificio della Toscana, già attivo nel 1388, conserva al suo interno macchinari idraulici originali (ruote, albero di trasmissione e magli). Nel giardinetto esterno della Ferriera si può pranzare al sacco utilizzando le panchine e i tavoli, e l’ottima acqua potabile della fontanina. Nel pomeriggio apertura della Ferriera e … tutti a sperimentare la forgia! In ferriera, prove di battitura del ferro, con i nostri operatori, e visita guidata alla struttura (servizio igienico a disposizione).

Gavinana, Palazzo Achilli

I partecipanti saranno accolti nel giardino situato vicino al palazzo (in Piazzetta Achilli n. 7) arricchito da una loggia, dotato di acqua potabile, servizio igienico, tavoli e panche, che offre una postazione ideale per un pranzo al sacco accompagnato da suggestivi scorci sul paese di origine medievale; nel pomeriggio nel Polo informativo a Palazzo Achilli, visita della mostra “Le macchine di Leonardo: tracce del Genio sulla Montagna Pistoiese” dedicata alle invenzioni di Leonardo da Vinci, con l’opportunità di divertirsi nel nostro laboratorio, provando a ricostruire i modellini dei ponti autoportanti disegnati da Leonardo; ponti a grandezza naturale che potrete vedere dal vivo a Orsigna, sulla via della Castagna e del Carbone.

Orsigna, la Via della Castagna e del Carbone

Partenza dalla piazza di Orsigna, appena superato il Ristorante Mulino di Berto. Il percorso è intervallato da due ponti autoportanti realizzati sul progetto del Genio di Vinci, e conduce all’antico Molino di Giamba costruito nel 1820 e ancora oggi utilizzato per trasformare le castagne in farina dolce. La splendida vallata che costeggia il torrente Orsigna regala incantevoli panorami in una natura incontaminata; davanti al Molino di Giamba tavolo e panchine per il picnic, buonissima acqua potabile, ampio prato e ruscello per giocare. Nel pomeriggio il mugnaio metterà in funzione per voi il Molino di Giamba, andante ad acqua, provvisto di due palmenti; potete acquistare miele e prodotti locali al Mulino di Berto.

Rivoreta, Museo della Gente dell’Appennino Pistoiese

Al Museo della Gente sarà possibile scoprire una ricca collezione di oggetti di lavoro e della vita quotidiana, immagini, suoni, storie e prove pratiche che rievocano la vita della gente dell’Appennino dai secoli scorsi ai giorni nostri e sollecitano il visitatore a calarsi nella dimensione del “fare con le mani”. I bambini potranno ricostruire il paracadute di Leonardo da Vinci e sperimentare la propria fantasia nel Laboratorio del giocattolo dando vita a giochi realizzati con materiali di recupero! Intorno al Museo saranno a vostra disposizione tavoli e panche dove poter pranzare e gustare l’acqua fresca della vicina fontana in pietra. Nel pomeriggio un operatore dell’Ecomuseo aprirà il museo per condurvi in un viaggio che vi riporterà indietro nel tempo!

Informazioni

Per maggiori informazioni chiamare il numero 800 974102 attivo tutti i giorni dal lunedì alla domenica o consultare il sito www.ecomuseopt.it. N. Verde 800 974102; Punto Informativo P. Achilli 0573 638025; [email protected]; www.ecomuseopt.it; FB ecomuseopt

 


La Redazione

Con il termine La Redazione si intende il lavoro più propriamente "tecnico" svolto per la revisione dei testi, la titolazione, la collocazione negli spazi definiti e con il rilievo dovuto, l'inserimento di immagini e video. I servizi pubblicati con questa dizione possono essere firmati da uno o più autori oppure non recare alcuna firma. In tutti i casi la loro pubblicazione avverrà dopo un attento lavoro redazionale.