Economia, San Marcello  |  marzo 29, 2018

Dalle lezioni in classe alla pratica in azienda: gli studenti dell’ITIS protagonisti dell’alternanza scuola-lavoro

Oltre 30 ragazzi di quarta e quinta dell'Istituto Tecnico Industriale di San Marcello hanno seguito i corsi di 35 ore, in due aziende della Montagna: Pontecorvo Meccanica e Mavimatic srl. L'insegnamento teorico sulla programmazione di macchine utensili a controllo numerico. Il lavoro manuale con la realizzazione di manufatti, la saldatura, l'incollaggio. Le impressioni raccolte fra i ragazzi

di

Tempo di lettura: circa 6 minuti

SAN MARCELLO – Gli studenti di due classi dell’ITIS, dell’Istituto Omnicomprensivo di San Marcello hanno seguito i corsi base per operatore di saldatura e operatore macchine a controllo numero CNC (Computer Numerical Control). L’esperienza, realizzata in sinergia con aziende del territorio della montagna pistoiese, si è chiusa giovedì 22 marzo, con un bilancio molto positivo.

L’alternanza scuola-lavoro

I corsi si sono svolti nell’ambito dell’Alternanza scuola-lavoro, una modalità didattica istituita dalla legge 107 del 2015 (“La Buona Scuola”), “che attraverso l’esperienza pratica aiuta a consolidare le conoscenze acquisite a scuola e testare sul campo le attitudini di studentesse e studenti, ad arricchirne la formazione e a orientarne il percorso di studio e, in futuro, di lavoro”. Le classi coinvolte in questo percorso sono state IV e V dell’istituto Tecnico Industriale “E. Fermi” di San Marcello Pistoiese, indirizzo Meccatronica ed Energia.

I partecipanti

Di seguito, l’elenco dei ragazzi che hanno preso parte ai corsi

Classe IV ITIS: Tommaso Belli, Mattia Bernardi, Alessandro Casipoli, Filippo Castelli, Pietro Cecchi, Dario Coppi, Dario Corrente, Marco Fornoni, Daniele Fronzaroli, Manuel Giampietri, Krystian Kowalczyk, Gabrirle Lorenzini, Alessio Sichi, Francesco Sichi, Tommaso Sichi, Dennis Zinanni.

Classe V ITIS: Elia Castelli, Enrico Ceccarelli, Kevin Antony Coorey, Filippo Coppi, Matteo di Cagno, Matteo Ducci, Luca Ferrari, Cosimo Frediani, Jacopo Jiovannelli, Gianluca Iori, Andrea Laterza, Francesco Nesti, Gioele Olivari, Francesco Pierazzi, Omar Sisi, Cosimo Torrini, Maximiliam Wolfgang.

35 ore di attività

Le attività teoriche e pratiche, per un totale di 35 ore, si sono svolte nelle aule del plesso scolastico di San Marcello per la parte teorica e nei locali delle due aziende Pontecorvo Meccanica e Mavimatic srl, entrambe del territorio della Montagna Pistoiese. Per le lezioni i docenti curricolari Giacomo Nervi, Alberto Agostini, Nicola Franceschi e Vincenzo Spina, hanno “passato il testimone” al personale delle due aziende, e nello specifico al signor Pontecorvo, titolare della ditta omonima, e all’ingegner Federico Bellenzier, IWE (International Welding Engineer) dell’azienda Mavimatic srl.

Il primo, ha curato la parte riguardante i cenni di programmazione di macchine utensili a controllo numerico, anche dette macchine CNC. Tali macchine utensili, opportunamente programmate, sono in grado di eseguire lavorazioni di taglio con complessità geometriche elevate e precisione centesimale, operazioni difficilmente realizzabili con le macchine utensili tradizionali.

Teoria e pratica

Dopo alcune lezioni teoriche sul linguaggio di programmazione ISO, gli studenti sono stati ospitati nell’azienda Pontecorvo di Campo Tizzoro dove hanno partecipato alla realizzazione di manufatti metallici reali, ovvero componenti commissionati all’azienda stessa. Piazzamento, zero pezzo, zero macchina, lavorazione in contornatura sono solo alcuni esempi dei termini tecnici e delle competenze acquisite durante il corso.

L’ingegne Bellenzier ha incontrato gli studenti nelle aule dell’Istituto per le prime nozioni di teoriche di saldatura e incollaggio strutturale.

Per la parte pratica, svolta nei locali dell’azienda anch’essa nei capannoni ristrutturati ex SMI di Campo Tizzoro, gli studenti e l’Ingegnere sono stati a stretto contatto con gli operatori di saldatura dell’azienda Mavimatic srl. Divisi in piccoli gruppi, i ragazzi hanno osservato prima, ed eseguito poi, lavori di saldatura con le principali tecniche TIG e MIG.

Un ciclo virtuoso

Gli studenti si sono dimostrati interessati e coinvolti durante tutto lo svolgimento dei corsi; per alcuni l’interesse si è dimostrato spiccato con richieste di approfondimenti ulteriori. La sinergia con le aziende e lo scambio diretto di conoscenze tecniche e specifiche di settori manifatturieri, in netta ripresa di mercato, ha instaurato un ciclo virtuoso per entrambe le figure scuola-azienda, entità facenti parte del territorio ma molto spesso distanti tra loro.

Il grazie alle aziende

“Un ringraziamento particolare va quindi al personale delle aziende Mavimatic srl e Pontecorvo Meccanica – è la sottolineatura della scuola – che, sottraendo tempo alla loro attività quotidiana, ha vestito i panni di tutor aziendali con competenza, cordialità e disponibilità a guidare gli studenti a muovere i primi passi in settori fondamentali per il loro percorso formativo”.

LE IMMAGINI

(cliccare sulle foto per ingrandirle)

In aula

 

In azienda

 

 

 

 

 

 

L’INCONTRO CON ALCUNI STUDENTI

di Sauro Romagnani

Alla Pontecorvo si trova nell’area produttiva ex Se.Di. di Campo Tizzoro, di cui è titolare Antonio Pontecorvo, abbiamo incontrato sette studenti intenti a “far pratica” in una azienda in piena lavorazione, accompagnati dal loro preside, Carlo Rai. E’ stato interessante discutere con loro di questa nuova attività che li mette direttamente a contatto col mondo del lavoro. Quasi tutti l’hanno definita “molto positiva”, anche perché il loro ingresso in azienda era stato preceduto da lezioni teoriche a scuola, curate dal titolare dell’azienda.

La voce dei ragazzi

Ecco alcune impressioni raccolte fra gli studenti

Filippo: «L’esperienza è positiva. Ho scelto questo indirizzo di studi perché penso mi offra molti sbocchi, anche locali. Ho fatto alcune esperienze sugli impianti sciistici che mi è piaciuta». Pietro «Mio padre ha un’azienda termoidraulica in una zona artigianale, penso di proseguirla». Daniele: «Anch’io penso di proseguire nell’attività che la mia famiglia ha in Cima al Monte Oppio». Alessandro: «Mio padre ha un’azienda metalmeccanica piuttosto avanzata, penso di continuare l’attività». Dario: «Anche i miei genitori hanno un’azienda che vorrei proseguire». Marco: «I miei genitori hanno un’azienda di tipo agricolo, dove si produce anche cippato, mi piacerebbe impiegarmi lì». Tommaso: «Non so ancora esattamente cosa farò, ma penso ad impiegarmi o forse continuare con l’università». Un’indicazione del piccolo “campione”di sette studenti è che quasi il 75% di loro ha alle spalle un’azienda di famiglia, e questa potrebbe essere una delle ragioni che li ha spinti alla scelta.

LE IMMAGINI

 

 


La Redazione

Con il termine La Redazione si intende il lavoro più propriamente "tecnico" svolto per la revisione dei testi, la titolazione, la collocazione negli spazi definiti e con il rilievo dovuto, l'inserimento di immagini e video. I servizi pubblicati con questa dizione possono essere firmati da uno o più autori oppure non recare alcuna firma. In tutti i casi la loro pubblicazione avverrà dopo un attento lavoro redazionale.