Abetone, Ambiente, Cutigliano  |  febbraio 22, 2018

Frana a Pian dei Sisi, il sindaco attacca Regione e Provincia: “Lasciati soli”

Il primo cittadino di Abetone Cutigliano accusa i due enti di non essere intervenuti e ringrazia Enel, Anas e Arma dei Carabinieri. "23 persone sfollate dalle proprie abitazioni e il rischio di un aggravamento del fiume Lima e dopo tre giorni non si è visto nessuno". Chiesto dal Comune un tavolo di coordinamento sovracomunale. "Ma ad ora non abbiamo ricevuto risposta".
Riunione stamani in Prefettura del Comitato Operativo per la Viabilità: confermata la chiusura della strada statale 12 e il dirottamento del traffico sulla Provinciale 20

di

Tempo di lettura: circa 3 minuti
L'immagini di Pian dei Sisi da Google Maps

ABETONE – E’ un attacco senza mezzi termini alle “altre istituzioni” per aver lasciato solo il Comune di Abetone Cutigliano di fronte ad una emergenza ambientale: la frana a Pian dei Sisi, l’evacuazione di diverse abitazioni, la chiusura della strada, i timori per il torrente Lima. Il sindaco Diego Petrucci non le manda a dire: “La montagna è un territorio fragile e gli eventi di questi giorni ne sono, purtroppo, una ulteriore conferma. Purtroppo, però, dobbiamo a malincuore prendere atto del fatto che siamo da soli e che dobbiamo fare fronte a problemi che sono più grossi di Noi, ma, per fortuna, siamo abituati a lottare”. E questo è solo il preambolo.

Il borgo evacuato

Prosegue il primo cittadino: “Da ormai tre giorni abbiamo dovuto evacuare una intera frazione, compresi bambini (il più piccolo ha appena due mesi), disabili e anziani infermi ultra novantenni, ospitati in parte da propri parenti, in parte dalla generosità della Parrocchia e di alcune strutture alberghiere; una centrale elettrica ferma; una strada statale chiusa; il torrente Lima danneggiato eppure sembra di essere gli unici a preoccuparcene e a dovercene occupare”.

La strada statale chiusa

C’è poi il problema viabilità. “Con la Strada Statale 12 chiusa è possibile raggiungere il passo di Abetone e la relativa stazione sciistica solamente attraverso la Strada Provinciale 20. Strada provinciale che – voglio sottolinearlo con fermezza, prosegue il sindaco – se non fosse stato per la nostra determinazione, la nostra caparbietà e il nostro intervento concreto sarebbe chiusa da tempo. Consentitemelo: adesso torna utile anche quella”

Lasciati soli

“Ebbene, come detto, siamo in presenza di un evento che coinvolge Anas, Enel, ci sono 23 persone sfollate dalle proprie abitazioni, il rischio di un aggravamento anche rispetto al normale deflusso del Fiume Lima, con la gravità di quello che potrebbe conseguirne e ad oggi non si è ancora vista nessuna delle altre istituzioni, nessuno si è fatto sentire se non interpellato da noi e,peggio ancora, chi è intervenuto, come la Regione, non ha voluto formalmente partecipare ai lavori del coordinamento tecnico che abbiamo prontamente istituito, dichiarandosi incompetente”.

Regione e Provincia sotto accusa

Con chi ce l’ha il sindaco di Abetone Cutigliano? Presto detto: “Ci saremmo aspettati di vedere sul posto le nostre istituzioni, la Regione e la Provincia per prime ed, invece, lo ribadisco con profonda amarezza dopo tre giorni non si è visto nessuno. Abbiamo chiesto la convocazione di un tavolo di coordinamento sovracomunale che coinvolgesse tutte le istituzioni, ad ora non abbiamo ricevuto risposta alcuna”.

Soli ma determinati

Ci hanno lasciati soli, lamenta Petrucci, e sottolinea polemicamente: “Soli ma determinati. Abbiamo chiesto ed ottenuto che i rilievi e le indagini sul luogo dell’evento venissero effettuate da tecnici anche di nostra fiducia e per questo ringraziamo Enel per l’accordo raggiunto. Valuteremo con attenzione le cause e le responsabilità di quanto accaduto, avendo come priorità assoluta la sicurezza degli abitanti e la messa in ripristino degli immobili e dei luoghi interessati dall’evento franoso – cocnlude Petrucci -. Voglio ringraziare l’Arma dei Carabinieri per il supporto dato, Anas ed i tecnici intervenuti, la Giunta ed i consiglieri comunali che con fermezza e competenza sono stati, come si suol dire, ‘al pezzo’ 24 ore su 24″.

Resta chiusa la Strada statale 12

Stamani, intanto, nella sede della Prefettura di Pistoia, si è riunito il Comitato Operativo per la Viabilità per la Provincia di Pistoia. “La riunione è stata dedicata all’approfondimento dei disagi conseguenti al movimento franoso che ha interessato lo scorso 20 febbraio il tratto della Strada Statale 12 in località Pian dei Sisi nel Comune di Abetone Cutigliano – spiega una nota della Prefettura -. Dopo attenta analisi è stato deciso che la Strada Statale 12 verrà interdetta al traffico con provvedimento formale a cura di ANAS, consentendo il transito esclusivamente ai mezzi di emergenza e soccorso nonché ai residenti. Il traffico leggero ed il trasporto pubblico locale nonché i mezzi che garantiscono l’approvvigionamento saranno dirottati sulla Strada Provinciale 20 in ambedue i sensi di marcia fino a Pian di Novello; dalla Pianaccina a Ponte dei Mandrini con senso unico alternato regolato da impianto semaforico”.


La Redazione

Con il termine La Redazione si intende il lavoro più propriamente "tecnico" svolto per la revisione dei testi, la titolazione, la collocazione negli spazi definiti e con il rilievo dovuto, l'inserimento di immagini e video. I servizi pubblicati con questa dizione possono essere firmati da uno o più autori oppure non recare alcuna firma. In tutti i casi la loro pubblicazione avverrà dopo un attento lavoro redazionale.