L'arte artigiana, Pistoia  |  agosto 5, 2017

Scelta a Le Piastre la miglior bugia scritta e disegnata: i titoli a Roma, Udine e in Iran

Assegnati i premi per la sezione grafica italiana e internazionale e per il racconto. Al Campionato della Bugia vince Stefano Gamboni (Roma) con il disegno sulla Nike (Naik) al posto della Nike (Nike). La gara mondiale al ritratto iraniano di uno scultore che scolpisce una pagnotta di marmo con attorno i piccioni che mangiano le briciole. E il falso allunaggio firmato Kubrik scritto dalla udinese Roberta Cadorin quella per il racconto bugiardo

di

Tempo di lettura: circa 2 minuti
Il vincitore della sezione italiana delle vignette. Nella foto grande quella della sezione internazionale.
Il vincitore della sezione italiana delle vignette. Nella foto grande quella della sezione internazionale.

LE PIASTRE (PISTOIA) – E’ un quarantenne romano, Stefano Gamboni, il disegnatore più bugiardo d’Italia. Ha conquistato la giuria della 41° edizione del Campionato italiano della Bugia a Le Piastre disegnando una vignetta con un visitatore in un museo che osserva perplesso il simbolo della Nike su un piedistallo, proprio accanto al discobolo di Mirone e al busto di Afrodite, con la multinazionale al posto della meno nota vittoria alata di Samotracia.

Il vincitore della sezione internazionale è l’iraniano Mojtaba Heidarpanah che ha raffigurato uno scultore che scolpisce una pagnotta e attorno i piccioni intenti mangiare le briciole di marmo, sbaragliando la concorrenza rappresentata da oltre cento suoi colleghi di ogni parte del mondo.

Si chiama Roberta Cadorin e viene da Udine la scrittrice più bugiarda d’Italia. Con il suo racconto “Apollo 11” torna sulla famosa questione dell’atterraggio degli astronauti americani sulla luna, a suo avviso soltanto un bellissimo filmato perchè realizzato niente di meno che da Stanley Kubrik, ma una bugia colossale perché lo sbarco in realtà non ha mai avuto luogo.

Il commento di Sandro Veronesi

Così lo commenta lo scrittore Sandro Veronesi, che le ha assegnato il primo premio. “La vincitrice riprende e porta a compimento, per così dire, la vecchia leggenda secondo cui l’allunaggio del 1969 è stata solo finzione. In questo caso il racconto intercetta comunque una grandiosa panzana: se dicesse il vero, quella orchestrata dal governo degli Stati Uniti con la complicità nientemeno che di Stanley Kubrick, e in caso contrario la gran panzana sarebbe il racconto stesso. Ingegnoso”.

L’elenco dei premiati

Ecco dunque tutti i premiati durante la prima serata del Campionato italiano della Bugia edizione 2017, molti dei quali hanno interpretato da par loro il tema suggerito che era quello di una riflessione sulla cultura, nell’anno in cui Pistoia celebra il suo titolo di Capitale italiana della cultura 2017.

Bugia Sezione Grafica Italia
1° Stefano Gamboni, Roma
2° Mariagrazia Quaranta, Sulmona (L’Aquila)
3° Athos Careghi, Milano
Premio “Pitillo” a Salvatore Testa, Arcore
segnalati Riccardo Carrai (Siena) e Marco De Angelis (Roma)

Bugia Sezione Grafica internazionale
1° Mojtaba Heidarpanah, Iran
2° Alexei Talimonov, Gran Bretagna
3° Seyran Caferli, Azerbaijan

Bugia letteraria
1° Roberta Cadorin, Udine
2° Annapaola Lacatena, Taranto
3° Marco Gemelli, Carrara
Premio giuria popolare “Alfredo Bartli” a Anna Martinenghi, Cremona

E domani pomeriggio a partire dalle 16.30 gran finale con al termine della sfida sul palco la proclamazione del raccontatore adulto e del bambino più bugiardi d’Italia.


La Redazione

Con il termine La Redazione si intende il lavoro più propriamente "tecnico" svolto per la revisione dei testi, la titolazione, la collocazione negli spazi definiti e con il rilievo dovuto, l'inserimento di immagini e video. I servizi pubblicati con questa dizione possono essere firmati da uno o più autori oppure non recare alcuna firma. In tutti i casi la loro pubblicazione avverrà dopo un attento lavoro redazionale.